ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Hollywood, accuse di molestie anche al regista Brett Ratner dall'attrice Olivia Munn

Brett Ratner

Le luci rosse continuano a illuminare il cinema hollywoodiano a forza di scandali. Dopo Harvey Weinstein, Kevin Spacey e Dustin Hoffman, recenti protagonisti di clamorosi casi, questa volta è stato il produttore e regista Brett Ratner a far parlare (male) di sé per una (brutta) storia di molestie sessuali.
 

 

A puntare il dito contro Ratner, quarantotto anni, sono sei attrici, tra le quali la più nota è la star di X-Men - Apocalisse Olivia Munn, che, in un’intervista al Los Angeles Times, ha accusato l’artista di essersi masturbato davanti a lei sul set di After the Sunset.

L’episodio risalirebbe al 2004 e precederebbe (di sei anni) un altro fattaccio capitato nel 2010, anno in cui, sempre stando a quanto scritto sul quotidiano statunitense, Ratner, che nella sua carriera ha diretto pellicole importanti quali The Family Man e videoclip di Madonna, Mariah Carey, Jessica Simpson e Courteney Love, avrebbe incontrato la bella Olivia ad un party ostentando (nuovamente) un atteggiamento aggressivo.

«Fu come imbattersi ripetutamente nello stesso bullo della scuola che semplicemente non vuole lasciarti in pace»”, ha spiegato la Munn, che ha anche raccontato di essersi decisa a fare il nome del quarantottenne regista - in passato parlò dell’episodio senza svelare l’identità del suo presunto molestatore - a seguito dello scandalo Weinstein.

«Quella vicenda mi ha traumatizzato, quanto devono subire le donne prima di essere ascoltate?», ha aggiunto la trentasettenne interprete, a cui l’avvocato di Retner, tirato in ballo pesantemente pure dalla quarantatreenne Natasha Henstridge, che lo accusa di averla costretta a un rapporto sessuale orale quando aveva solo diciannove anni, ha risposto idealmente così negando ogni addebito: «Io rappresento Brett da vent'anni e nessuna donna l’ha mai denunciato per molestie sessuali né ha accettato da lui accordi finanziari».
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 2 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 22:37

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»
Video

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»

  • "L'ora più buia", il film su Churchill arriva nelle sale: la clip esclusiva

    "L'ora più buia", il...

  • Arisa e il vero motivo della sua trasformazione: «Non seguirmi più se non ti piace»

    Arisa e il vero motivo della sua...

  • Golden Globe, l'ovazione delle star per Ophrah Winfrey

    Golden Globe, l'ovazione delle star per...

  • Box Office, Jumanji domina il box office ma la sorpresa è Paola Cortellesi - di Gloria Satta

    Box Office, Jumanji domina il box office ma...

  • Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto speciale per ricordarlo

    Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto...

  • X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»

    X Factor 11, Licitra emozionato:...

  • Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

    Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-11-02 16:44:18
E bastaaaaa! Ma che gli è preso a tutti! All'improvviso si sono ricordati tutti in questi giorni delle molestie subite? Ma...è diventata una moda? Per carità....riprovazione massima per gli stupri "veri" e stupratori, ma che proprio in questi giorni in tutto il mondo stiano venendo fuori storie di decenni fa...mi lascia molto, molto perplessa!
2017-11-16 10:38:03
Meno male che vengono fuori adesso. Verificarle allora con attenzione e provvedere al loro ristoro mi sembra il minimo da fare. Se invece sono molestie temerarie procedere contro l'esternatore.Nel dubbio presentarsi con il registratore a tali incontri di lavoro,perbacco.

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA