ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Caso Weinstein, accuse a Matt Damon e Russell Crowe: «Hanno insabbiato un'inchiesta sul produttore». Ma c'è la smentita

(Foto di Massimo Barsoum/Ag.Toiati)

Il caso Harvey Weinstein ha già coinvolto altri insospettabili personaggi eccellenti di Hollywood. A pochi giorni dal licenziamento del potentissimo produttore statunitense, cacciato dalla società da lui stesso fondata col fratello minore Bob, la Weinstein Company, in seguito alle accuse di molestie sessuali mossegli da alcune donne, tra cui l’attrice Ashley Judd, una giornalista americana, Sharon Waxman, ha tirato in ballo, infatti, in merito alla vicenda, i nomi di Matt Damon e Russell Crowe. Secondo la cronista, fondatrice del sito Internet thewrap.com, i due divi del grande schermo, legati professionalmente a Weinstein, avrebbero cercato di darsi da fare per contribuire all'insabbiamento di un’inchiesta giornalistica mirata a far emergere i presunti vizi privati del produttore.

 

Nello specifico, stando a quanto raccontato dalla Waxman, che all’epoca lavorava per il New York Times, nel 2004, Damon e Crowe, star di alcuni importantissimi film finanziati proprio da Weinstein, mollato, dopo lo scandalo, anche dalla moglie e accusato di violenze, fisiche o psicologiche, pure da Asia Argento, Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, avrebbero telefonato alla reporter per chiederle di escludere dalla sua indagine, ormai prossima alla pubblicazione, alcuni brani scomodi relativi alla vita del potente manager.

Ma cosa conteneva di così tanto scomodo questa inchiesta? Semplice: a suo dire, nel suo articolo, poi, a quanto pare, pesantemente censurato, la giornalista aveva scritto di una donna pagata dopo un incontro sessuale non voluto con Weinstein. «Aveva paura di parlare perché aveva firmato un accordo di riservatezza».

Riportata da vari media, la “bomba” della Waxman è però stata prontamente smentita da Dean Baquet, attuale Executive Editor del New York Times, il quotidiano che, tra l’altro, con le sue rivelazioni, ha fatto scoppiare il caso Weinstein: «I due top editor di allora, Bill Keller e Jill Abramson, non ricordano di aver subito alcuna pressione riguardo la storia della signorina Waxman - si legge in un comunicato -. Il suo editor diretto, Jonathan Landman, sostiene che semplicemente lei non aveva la storia. Sono sicuro che la signorina Waxman credeva di avere una storia ma, se leggi la sua stessa descrizione, lei non aveva nulla di nemmeno paragonabile a ciò che abbiamo pubblicato la scorsa settimana. Lei aveva solo una dichiarazione - non registrata - da parte di una donna».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:13

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini
Video

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

  • Morgan: «Fabrizio De André un manuale d’istruzione contro l’ipocrisia»

    Morgan: «Fabrizio De André un...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA