La notte dei Golden Globes, a Morricone il premio per la miglior colonna sonora di The Hateful Eight
E' subito Italia nella lunga la notte dal Beverly Hills Hotel in corso a Los Angeles per l'assegnazione dei Golden Globes Awards 2016 assegnati da 73 anni dalla stampa internazionale specializzata del cinema e della tv, un evento che rappresenta la maggior anteprima a quello degli Oscar.

Il compositore Ennio Morricone ha vinto il premio per la miglior colonna sonora originale di The Hateful Eight di Quentin Tarantino. Un premio che si aggiunge all'Oscar alla carriera del 2007 e alle cinque nomination all'Oscar.

TARANTINO: MORRICONE COME MOZART
E in assenza del compositore italiano, 87 anni. è stato proprio Tarantino a ritirare il premio: "Per me Morricone, il mio compositore preferito, è paragonabile a Mozart, Beethoven, Schubert".
Morricone è al suo terzo Golden Globe e ha inoltre vinto, senza nemmeno citare tutti i riconoscimenti, tre Grammy Awards, cinque Bafta, dieci David di Donatello, undici Nastro d'Argento e un Leone d'Oro alla carriera.



La serata  è condotta dall'attore e regista inglese Ricky Gervais ed è iniziata, dopo lo sfavillante red carpet 

Dopo il riconoscimento a Morricone, molto applaudito nonostante l'assenza del premiato, raffica di nomi stellari:

Matt Damon miglior attore in un film comedy con The Martian (anche se tanto comedy il film di fantascienza non è, come ha ironizzato Gervais) e Sylvester  "Sly" Stallone miglior attore non protagonista per Creed.

The Martian, di Ridley Scott, ha poi vinto anche il premio per miglior film comedy o musical: altre battute, inevitabili, del conduttore a cui si è prestato lo stesso regista che non si era accorto di aver girato una pellicola così esilarante smarrendo il povero Matt nelle rosse lande marziane. 

 


Prima di loro era stata premiata Kate Winslet quale miglior attrice non protagonista in Steve Jobs, film che ha permesso a Aaron Sorkin di vincere il ricoscimento per la migliore sceneggiatura. Film che ha negato una soddisfazione a Jane Fonda che non ha regalato un Golden globe a Paolo Sorrentino. Candidata come miglior attrice non protagonista per la sua interpretazione in Youth del regista italiano, l'attrice è stata sconfitta dalla Winslet. Un altro pezzo da 90 dello star system a essere premiato è Denzel Washington: globo alla carriera.

La serata si scalda sempre di più e non solo perché sul palco è salita la bellissisma Jennifer Lawrence, premiata quale migliore attrice (commedia) per il film Joy, la storia vera della casalinga che inventò il mocio lava-pavimenti, regia di David Russell.

Ed ecco l'atteso premio al miglior regista che va ad Alejandro Gonzales Inarritu per The Revenant,  che al microfono ha ringraziato Leo Di Caprio per l'abnegazione con cui si è sottoposto alle fatiche artiche del film.

Ci siamo, gran finale per i premi più attesi, quelli del genere drammatico:
miglior attrice è Brie Larson per The Room e miglior attore è, come da quotazioni, Leonardo Di Caprio, per The Revenant. Un riconoscimento su cui avevano puntato tutti i bookmaker. Tutti in piedi ad applaudire l'attore che adesso è un candidato fortissimo all'Oscar: Di Caprio ha ricambiato i complimenti del regista Inarritu e ha dedicato il premio agli indiani d'America.
Ma le soddisfazioni per Inarritu e di Caprio non era ancora finite: The revenant è stato premiato come miglior film drammatico, un riconoscimento che anche in questo caso porta a tiro di Oscar.


Gli altri premi:

Il miglior film straniero è Son of Saul (Ungheria)

Miglior attrice in una serie tv (drama): Taraji P.Henson (Empire)

Miglior film d'animazione: Inside Out del regista premio Oscar, Pete Docter (Up) 

Miglior canzone originale (dal film Spectre): Writing on the wall di Sam Smith.

Migliore attrice in una serie tv: Lady Gaga per American Horror Story Hotel.

Miglior serie tv (drama): The Robot

Miglior attore di una serie tv, film tv o miniserie: Oscar Isaac (Show Me a Hero).

Miglior miniserie o film per la tv: Wolf Hall

Miglior attrice in una serie tv (comedy): Rachel Bloom (Crazy Ex-Girlfriend)

Miglior serie tv comedy per il 2015: Mozart in the Jungle

Miglior attore tv: Gael Garcia Bernal (Mozart in the Jungle).
 
+TUTTE LE FOTOGALLERY DI SPETTACOLI e CULTURA