ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Natale, tempo di Rockettes a New York: le 80 ballerine continuano a incantare con la loro sincronia perfetta

Natale, tempo di Rockettes a New York: le 80 ballerine continuano a incantare con la loro sincronia perfetta

NEW YORK – Da 85 anni salgono sul palcoscenico del Radio City Music Hall e colorano la stagione natalizia newyorchese con i loro numeri di danza sincronizzata oramai famosi in tutto il mondo. Le Rockettes sono una fermata obbligatoria per chi venga a New York in questa stagione. Scenografie fiabesche, luci ed effetti speciali e le più famose musiche natalizie, coronano le 80 ballerine, che interpretano ben 8 diversi numeri nell’arco di un’ora e mezzo di spettacolo, senza interruzione.

I loro eye-high kicks, gli “slanci ad altezza occhio”, sono famosi per la precisione geometrica con cui vengono eseguiti. Ma dietro la cadenza e l’esattezza di ogni gesto c’è una vera scienza. Le ballerine che fanno parte del corpo delle Rockettes sono tutte alte fra un metro e 70 e un metro e 80. Quando danzano in fila, le ragazze più alte sono nel centro, e le altre vengono disposte progressivamente, centimetro dopo centimetro, in modo che guardandole sembra che siano tutte della stessa altezza, nonostante i dieci centimetri di differenza fra quelle al centro e quelle alle estremità. E ogni slancio della gamba deve arrivare all’altezza degli occhi di ciascuna ballerina, proprio per dare quell’effetto di perfetta sincronia geometrica della danza.  

Il corpo delle Rockettes è stato fondato nel 1925 nel Missouri. E’ approdato a New York nel 1932, e c’è rimasto. Dire che fanno parte del panorama di New York è un'ovvietà: le Rockettes stanno a New York come il Colosseo sta a Roma e la Torre Eiffel a Parigi. Ma proprio per questo, far parte del corpo è dificilissimo.  Ogni ballerina che viene assunta deve essere esperta di tip-tap, balletto classico e danza moderna. E deve avere una resistenza erculea. Durante la stagione natalizia – che quest'anno è cominciata il 10 novembre e finirà il 2 gennaio – nel famoso teatro si tengono quattro spettacoli al giorno, a cominciare dalle 11 del mattino. Il che vuol dire che le danzatrici possono arrivare a fare in un solo giorno ben 3 mila slanci della gamba. Considerato che per ognuno dei quattro spettacoli consumano ciascuna una media di 1000 calorie, ecco spiegato perchè devono avere una resistenza eccezionale e muscoli d’acciaio, e non solo quelle delle gambe, ma anche e soprattutto quelli dell’addome e della schiena, che devono reggere il corpo perfettamente ritto.

Peraltro, mentre sembra che le ballerine in fila si tengano l’una con l’altra, in realtà le mani sulle schiene effettuano solo quel che viene definito “feeling the fabric”, cioé sfiorano appena il tessuto del costume delle compagne, allo scopo di mantenere l’allineamento, non per trarne sostegno.

E tutto ciò sempre sorridendo, sempre con l’aria felice e festosa, anche se succede qualche incidente, come uno scivolone e un problema con i costumi. Tutte ricordano ancora fra il sorriso e l’orrore quando una scarpa volò via a una ballerina nel mezzo di uno slancio: lei continuò a ballare, una scarpa sì e una no, il sorriso imperturbabile, anche se dopo lo spettacolo confessò di aver mormorato una piccola preghiera di ringraziamento perchè la scarpa era volata verso il lato del palcoscenico e non in testa a uno spettatore.
                                                                                                                                                                                           

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 30 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 22:45

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini
Video

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

  • Morgan: «Fabrizio De André un manuale d’istruzione contro l’ipocrisia»

    Morgan: «Fabrizio De André un...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-12-01 10:50:04
Ah, adesso si chiama sincronia? Perfetta per davvero! ;-)
2017-12-01 12:47:39
resistenza eccezionale e muscoli d'acciaio... tanto per fugare dubbi a quelli che pensano che la danza sia roba da "femminucce".

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA