ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Musei e siti archeologici, boom di visitatori. Franceschini: merito della riforma

Turisti a Pompei

Un vero e prioprio boom di presenze. Nel primo semestre sono stati 23.213.288 gli ingressi in musei, monumenti e aree archeologiche statali e 88.708.038 euro gli introiti, con un aumento rispettivamente del 7,3% (cioè 2 milioni in più di visitatori) e del 17,2% rispetto al medesimo periodo del 2016. Lo rileva  l'Ufficio Statistica del Ministero dei Beni Culturali. «I luoghi della cultura statali si apprestano a registrare un'altra annata da record - commenta il ministro Dario Franceschini - Con  4 milioni di vistatori in più rispetto al 2014 pre riforma, i luoghi della cultura statali si apprestano a registrare un'altra annata da record - sottolinea Franceschini -. La rivoluzione museale continua a produrre i suoi frutti e dimostra quanto fosse corretto dare autonomia ai musei, dotandoli di una direzione, un bilancio, un consiglio di amministrazione e un consiglio scientifico. Tutto questo ha permesso una decisa innovazione della gestione con risultati immediati, a partire da una maggiore presenza digitale». 
Se al primo posto tra le regioni figura il Lazio, con 10.131.268 visitatori (+2,23%) e 36.220.370 euro di incassi
(+14,7%), la Campania consolida la seconda posizione conquistata nel 2015 con 4.375.734 ingressi (+15,4%) e introiti per 19.689.195 euro (+17,6%), mentre terza è la Toscana con 3.443.800 biglietti (+11,7%) e 16.520.112 euro di incassi (+17,1%). Tra le regioni più dinamiche per aumento di visitatori si segnalano invece la Liguria (+33,5%), il Veneto (+26,8%) e il Friuli Venezia Giulia (+23,35). Evidenti invece le conseguenze
del terremoto del Centro Italia nella flessione dei visitatori in Umbria (-18,3%), Marche (-16,6%) e Abruzzo (-15,6%)


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 16 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 21-07-2017 17:20

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno
Video

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno

  • Floris: a dimartedì la satira di Gene Gnocchi, ci occuperemo anche di sport

    Floris: a dimartedì la satira di Gene...

  • Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde Garko con Raoul Bova

    Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde...

  • L'ex velina Alessia Reato: «Tornerò in tv con un ruolo inedito. Intanto Mikaela goditi Striscia la notizia»

    L'ex velina Alessia Reato:...

  • Abel Ferrara, regista: «Roma non sarà mai come Londra, o Parigi»

    Abel Ferrara, regista: «Roma non...

  • Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai della Prova del cuoco: la prima puntata ha rischiato di saltare

    Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai...

  • Valeria Golino nei panni di una non vedente: «Così ho imparato a recitare senza usare gli occhi»

    Valeria Golino nei panni di una non vedente:...

  • Torna Tale e quale show, Carlo Conti: «Sanremo? Meglio fermarsi un attimo»

    Torna Tale e quale show, Carlo Conti:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-07-18 17:19:00
Bravo Ministro Franceschini. Grazie. Lei è un'eccezione.
2017-07-18 21:44:44
"a partire da una maggiore presenza digitale". Mumble mumble. Cosa vuole dire, esattamente?
2017-08-26 21:17:58
Ma quale riforma? Il merito è tutto dei terroristi islamici, che hanno praticamente chiuso gli itinerari turistici verso Egitto, Marocco, Tunisia, Algeria, Siria, Turchia e dintorni, riducendo per altro i flussi verso paesi concorrenti e minacciati dai delinquenti come Francia e Spagna. Tutto qui. Semmai, ci sarebbe da chiedersi come mai, data la situazione, il turismo italiano non abbia beneficiato molto di più di questa contingenza favorevolissima...

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA