ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Weinstein, Vladimir Luxuria ad Asia Argento: «Avresti dovuto dire no». E in Rete scoppia la bufera

Weinstein, Vladimir Luxuria ad Asia Argento: «Avresti dovuto dire no». In Rete scoppia la bufera

Botta e risposta al vetriolo su Twitter fra Asia Argento e Vladimir Luxuria. Tutto nasce dalla denuncia pubblica della figlia del maestro dell'horror, Dario Argento, che ha raccontato al New Yorker delle molestie ricevute dal produttore americano Harvey Weinstein, che a partire dal 1997 (quando Asia aveva 21 anni) l'avrebbe costretta ad avere rapporti sessuali. «Non ho detto nulla finora perchè avevo paura che potesse distruggermi come ha fatto con molte altre persone. Che potesse rovinare la mia carriera», ha spiegato la Argento, che si è unita al coro di denunce piovute da varie attrici di Hollywood, fra cui Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, contro Weinstein.

Uno sfogo a cui sono seguite molte manifestazioni di solidarietà. Qualcuno però si è dissociato dal coro: è il caso di Vladimir Luxuria, che ha risposto ad Asia Argento via Twitter. «#AsiaArgento avrebbe dovuto dire NO a #Weinstein come hanno fatto altre attrici, le donne devono denunciare lo diceva lei a Amore Criminale!», ha scritto l'ex parlamentare sul social network. Poco dopo è arrivata la risposta dell'attrice: «Non posso credere che scrivi una cosa del genere. Evidentemente non sei mai stata violentata, non hai mai provato terrore e vergogna».

«Cara Asia sai quanto ti stimo ma non sono d'accordo - ha risposto Luxuria - anche io ho ricevuto proposte non forzate ma ho detto NO, un semplice NO». «Dici bene: le tue erano proposte NON forzate. Che delusione Vladimir», è stato il commento, amaro, di Asia Argento.

Ma Luxuria ha continuato: «Ci hai fatto un film con uno che ti ha violentata? No cara non ci credo nn ne avevi bisogno hai talento per poter rifiutare».

«Il film, girato un anno e mezzo dopo la violenza sessuale denunciava il trauma che ho vissuto nei minimi dettagli», spiega l'attrice, riferendosi al film "Scarlet Diva", del 2000, di cui lei stessa era regista e che racconta proprio della violenza sessuale da lei subita.

«Io non avrei mai accettato di farmi produrre dal mio aguzzino», è stata la risposta lapidaria di Luxuria, che ha aggiunto: «Chi accetta di fare sesso in cambio di un favore da maggiorenne non è stupro ma altro...»
 


Asia Argento, che è stata fotografata oggi a New York a passeggio per Manhattan mano nella mano con il suo compagno, lo chef di fama internazionale Anthony Bourdain, è stata comunque bersagliata di commenti e insulti da parte di uomini e donne sui social. Lei stessa si è sfogata su Twitter dicendosi delusa perché attaccata. La sua colpa sarebbe aver parlato dello stupro solo oggi, e non 20 anni fa: «Allora avevo 21 anni ed ero terrorizzata», replica lei. Che tra l'altro in uno dei suoi Tweet scrive: «Fabrizio Lombardo mi portò nella stanza di Weinstein», riferendosi all'allora responsabile della Miramax Italia. Alla fine il tweet amaro di Asia: «Ho denunciato uno stupro e per questo vengo considerata una troia #inItalia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2017 09:46

Domenica In, le sorelle Parodi nel mirino di Striscia la Notizia: bufera sul web
Video

Domenica In, le sorelle Parodi nel mirino di Striscia la Notizia: bufera sul web

  • Malgioglio e Signorini sono stati insieme? Ecco i dettagli della storia d'amore

    Malgioglio e Signorini sono stati insieme?...

  • Grande Fratello Vip, salta la finale del 20 Novembre: ecco cosa ha deciso la produzione del reality

    Grande Fratello Vip, salta la finale del 20...

  • Carlo Cracco presenta la quarta stagione di Hell's Kitchen: «Sarà uno show più forte e più vero»

    Carlo Cracco presenta la quarta stagione di...

  • Gf vip, Daniele Bossari in lacrime: faccia a faccia con Jeremias Rodriguez

    Gf vip, Daniele Bossari in lacrime: faccia a...

  • “Chi m'ha visto”, il nuovo film di Pierfrancesco Favino e Giuseppe Fiorello

    “Chi m'ha visto”, il nuovo...

  • Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno

    Toro Scatenato, il film di Scorsese con De...

  • Floris: a dimartedì la satira di Gene Gnocchi, ci occuperemo anche di sport

    Floris: a dimartedì la satira di Gene...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2017-10-11 16:59:24
Direi che Luxuria ha sintetizzato bene il pensiero di molti. Troppo facile unirsi al coro quando altre si sono esposte al posto tuo e/o quando ormai ti sei affermata e non hai piu bisogno del produttore famoso. Una violenza e' tale SEMPRE!!!!!
2017-10-11 17:11:37
Questa storia è la fiera dell'ipocrisia!!!!!!! il violentatore di tutte queste "verginelle" se sarà interrogato so perfettamente quello che dirà: dietro la porta del mio ufficio c'era la fila di queste signorineeeeeeeee !!!!!! ma per favore
2017-10-11 17:31:21
Anche se la prima volta non ha potuto ribellarsi, poi non avrebbe dovuto vederlo più, altro che "lo frequentai per diverso tempo". Lo scrissi ieri ma non lo avete pubblicato. Comunque, non vuole essere una condanna, forse quando si è giovani non si capisce a che prezzo ha fatto carriera?
2017-10-11 17:33:35
Il mondo è pieno di Maestri che esprimono il loro telento nel dire agli altri cosa avrebbero dovuto fare . Le dimostrazioni di coraggio sono le azioni non le chiacchiere.
2017-10-11 17:45:07
SI LUXURIA e' sempre intelligente ,SE NON VUOI L'UOMO NON PUO' SALVO RARE ECCEZIONI CHE IO NON ISCUTO ma in un 'ambiente dell genere tutte quelle che oggi dicono di essere state stuprate da questo produttore e' perche' tutte speravano di fare carriera ,di arrivare chissa dove ,poi la vita "cattiva"fa la selezione e va' avaanti chie dotata chi no rimane indietro e' stato sempre cosi QUANTE donne belle che io conosco vanno in giro da sole ,fanno carriera e non le stupra nessuno ADESSO a distanza di tanto tempo chi puo' dire se erano consensienti ?per me se le donne non le fili vanno in depressione se ti interessi a loro allora sono guai DONNE IMPARATE AESSERE DONNE

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA