ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Lucio Battisti, le canzoni rischiano di finire all'asta: il figlio fa causa

Le canzoni di Lucio Battisti rischiano di finire all'asta: il figlio fa causa

Una società in liquidazione può mandare all'asta brani storici della canzone italiana come "Emozioni", "Mi ritorni in mente", "Acqua azzurra, acqua chiara". L'intero catalogo delle opere di Lucio Battisti potrebbe quindi finire nelle mani di una delle principali aziende di publishing italiane dopo che la Edizioni Musicali Acqua Azzura è stata messa in stato di liquiazione. Il figlio dell'artista però, Luca, si oppone a questa possibilità diffidando i liquidatori ad astenersi dal disporre in favore di chiunque l'utilizzo delle canzoni, sostenendo che l'esercizio dei diritti di utilizzazione economica spetta agli eredi del cantante.

«La legge sul diritto d'autore - spiega l'avvocato Simone Veneziano, legale di Luca Battisti - prevede che nelle composizioni musicali con parole l'esercizio dei diritti di utilizzazione economica spetti all'autore della parte musicale. Nelle opere musicali frutto del sodalizio artistico tra Mogol e Lucio Battisti l'esercizio dei diritti di utilizzazione economica spetta dunque a Lucio Battisti e, dopo la sua morte, ai suoi eredi
».

In caso di accoglimento delle richieste di Luca saranno risolti i contratti di edizione sottoscritti insieme a Mogol e, quindi 
«la gestione delle opere musicali di Lucio Battisti - continua Veneziano - tornerebbe saldamente nelle mani dei suoi eredi». Il sipario sulle opere musicali dell'artista, quindi, non è ancora calato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 17-10-2017 15:25

X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»
Video

X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»

  • Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

    Lacrime ed emozione alla camera ardente di...

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-10-11 22:00:37
da tempo penso che il diritto successorio andrebbe rifondato, e non solo per la proprietà intellettuale. Quale sarebbe il merito del signor Luca Battisti? di essere figlio di suo padre? Eppure, per quel poco che posso capire di queste cose, il diritto è dalla sua parte. Però. appunto, non dovrebbe esserlo.
2017-10-13 21:22:21
è una legge ottocencesca
2017-10-14 20:21:49
Il diritto d'autore dovrebbe servire per far campare l'autore e non tutti i discendenti fino alla terza generazione e alle case discografiche. La legge dice che i diritti durano per 70 anni dopo la morte dell'ultimo degli autori. Quindi, visto che Mogol è ancora vivente, case discografiche ed eredi camperanno sulle note di Battisti fino all'anno 2100

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA