ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Fausto Brizzi accusato di molestie: a rischio il film di Natale con Christian De Sica

Brizzi accusato di molestie: a rischio il cinepanettone

Fausto Brizzi, nell'occhio del ciclone per le accuse di molestie sessuali, si difende: «Mai e poi mai nella vita ho avuto rapporti non consensuali o non condivisi: posso affermarlo con serenità e sin da ora. Per questo, escludo categoricamente di aver conferito mandato legale per trattare il risarcimento del danno in favore di presunte vittime».
Con queste parole, diffuse dal suo avvocato Antonio Marino, il regista e scrittore romano, 49 anni fra tre giorni, reagisce alle notizie che lo riguardano e sono state pubblicate dal Messaggero dopo che il suo nome circolava da giorni, e con grande insistenza, in merito alle accuse lanciate (senza chiamarlo però in causa apertamente) da alcune giovani attrici nella trasmissione di ItaliaUno Le iene. Nel momento in cui il tam-tam diventava un boato assordante, non pochi nel mondo del cinema hanno creduto di identificare in Brizzi il «regista romano sui 40» che aveva molestato le attrici nel corso dei provini.

LA FAMIGLIA
Oggi Brizzi annuncia di volersi difendere «nelle sedi opportune» e chiede rispetto per la sua privacy e quella della sua famiglia, cioè di sua moglie Claudia Zanella, attrice e scrittrice, e della loro bambina Nina Penelope: c'è chi giura che Claudia, sconvolta dalla bufera, abbia lasciato con la piccola la casa coniugale per rifugiarsi dalla madre, ma anche la presunta crisi familiare del regista è stata smentita dall'avvocato Marino.
Brizzi non nega però di aver rinunciato «in via precauzionale e per evitare strumentalizzazioni» alle sue attività lavorative e imprenditoriali, in particolare alla partecipazione nella società di produzione WildSide, in cui possedeva peraltro una quota minoritaria e non aveva mai ricoperto incarichi operativi. Ed è proprio WildSide ad aver prodotto Poveri ma ricchissimi, il nuovo film del regista romano interpretato da Christian De Sica. Era atteso il 14 dicembre nelle sale, distribuito da Warner Bros Italia. Cosa succederà? Verrà messo in circolazione comunque oppure finirà congelato in attesa che la situazione si chiarisca? Per il momento non è stata presa nessuna decisione: Warner Bros sta valutando il da farsi e il destino della commedia natalizia si capirà nelle prossime ore.
Nel frattempo, parlano i colleghi di Brizzi. E difendono il regista. «Conoscendolo da 20 anni e avendo scritto con lui tante sceneggiature, non credo alle accuse», dice Neri Parenti destinato a sfidare Fausto il 14 dicembre con il film Natale da chef. «Brizzi ha tutta la mia solidarietà fino a quando non emergeranno prove certe o ci sarà un atto di confessione come è successo con Kevin Spacey». Nancy Brilli si dice «sbalordita». L'attrice ha girato con Brizzi i film Ex e Maschi contro femmine. «Non avevo mai sentito chiacchiere sul suo conto. Conosco Brizzi come una persona corretta, bravo regista e produttore. Si è comportato sempre in modo ineccepibile». Aggiunge: «Bisogna capire la differenza tra un'avance e una molestia. E se si fa una denuncia, bisogna indicare nome e cognome, altrimenti tutti possono parlare male di tutti. I miei 33 anni di attività dimostrano che si può fare carriera senza accettare compromessi e ricatti che, non lo nego, avvengono».

LE REAZIONI
Sullo stesso tono l'attrice e cantante Ludovica Comello, tra i protagonisti di Poveri ma ricchissimi e anche del successo precedente Poveri ma ricchi. «Con me Brizzi è stato sempre gentile, ma distaccato e professionale, non mi ha mai dato modo di pensare ad un atteggiamento inappropriato», giura. Fuori dal coro Asia Argento, tra le prime attrici ad accusare di abusi il produttore americano Harvey Weinstein, innescando lo scandalo sessuale che sta investendo il mondo intero. «Querelaci tutte! Non ci fai paura!», ha twittato Asia quando ha saputo che il regista si riservava di difendersi per vie legali.
Sul tema del giorno Le Iene torneranno anche stasera. Per raccontare che più della metà delle testimonianze giunte in redazione si riferirebbe a nomi dello spettacolo «diversi da quelli emersi finora».
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 11 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2017 22:56

Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui
Video

Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

  • Malika Ayane al MessaggeroTv: «Meglio essere strega che ipocrita»

    Malika Ayane al MessaggeroTv: «Meglio...

  • Malika Ayane ospite al MessaggeroTv: il backstage

    Malika Ayane ospite al MessaggeroTv: il...

  • Federica Panicucci al posto di Barbara D'Urso al Capodanno di Canale 5: ecco il vero motivo della decisione

    Federica Panicucci al posto di Barbara...

  • Dove sono Benedetta Parodi e Claudio Lippi? Rivoluzione a Domenica in: ecco cosa è successo

    Dove sono Benedetta Parodi e Claudio Lippi?...

  • Noel Gallagher: «Il mio cosmic rock in “Who built the moon»

    Noel Gallagher: «Il mio cosmic rock in...

  • Johnny Depp nel nuovo video di Marilyn Manson: orge e lingerie fetish

    Johnny Depp nel nuovo video di Marilyn...

  • Facchinetti e Fogli di nuovo "Insieme". «Vi aspettiamo al Palalottomatica»

    Facchinetti e Fogli di nuovo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-11-12 11:37:41
Mi piace molto il programma delle IENE maqueste dovrebber stare più attenti a diffondere servizi e messaggi che potrebbero rovinare delle persone per tutta la vita. Dovrebbero, prima, appofondire la credibilità di chi fa dette accuse molto infamanti e soprattutto verificarne le circostanze. Da una cosiddetta "vittima" un gesto o una esternazione può essere anche intesa come un abuso. Ma bisogna verificarlo in maniera oggettiva e interpretarlo nel giusto modo, impedendone interpretazioni falsate da emotività o peggio da problemi psicologici. Voglio escludere, ma non è impossibile, ci sia anche un voglia di protagonismo e di mera pubblicità..
2017-11-12 17:54:28
Il problema con le IENE e` che mettono alla gogna mediatica, rovinandogli carriera e anche la vita personale, persone che non sono ancora state giudicate, e fino a prova contraria una persona e` innocente fino a che la sua colpevolezza sia dimostrata. Le IENE fanno televisione e vengono pagati per questo. Piu la notizia e` eclatante, piu ascolti prendono, (e piu soldi guadagnano). Un giornalista, e tantomeno un inviato televisivo, non ha nessun diritto di distruggere la vita altrui, specialmente prima che questo abbia passato i vari gradi di giudizio e sia stato condannato.
2017-11-12 17:42:54
Ora penso che questa storia stia dilagando in modo anomalo e preoccupante, ora basta!!!! il sesso fa parte della vita e certa gente lo sa usare bene per raggiungere i propri scopi.......i sesso che è vita riguarda tutti gli abitanti del mondo nessuno escluso....sembra ora che il sesso sia diventata un'arma letale.....ma basta!!!!! un mio amico lavora da anni nel campo dello spettacolo e so quasi tutte le sue cose.....la sua esperienza è da incubo e forse è sfortunato perché solo a lui capitano per lavoro frequentazioni di ragazze procaci e senza alcuno scrupolo.....tutte le altre storie che leggo sono solo di verginelle impaurite e calpestate!!!!!
2017-11-12 19:19:54
Stiamo vivendo con queste vicende mettendo il mondo del cinema ad un livello cosi' basso che presto diserteremo il piacere di andare al cinematografo
2017-11-13 12:19:32
Non sono un fan dei giornalisti, ma c'è un tipo di giornalismo che molte volte riesce a scoperchiare situazioni che altrimenti resterebbero sconosciute, impedendo a chi ne ha potere di sotterrarle. Non so se questa storia è vera o no, ma sicuramente il giornalismo ha permesso di evidenziare un malcostume che, grazie a questa gogna mediatica, probabilmente cambierà. Per quanto riguarda il fatto specifico, quando si è un personaggio pubblico, si va incontro a queste possibilità, considero gli alti guadagni, anche un risarcimento di questi rischi mediatici. Detto ciò, non voglio accusare nessuno, certo è che leggendo i resoconti così dettagliati e così simili di 10 diverse donne, il sospetto viene.

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA