ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Sanremo 2018, dai costi agli orari: 10 domande sul Festival della Canzone Italiana

Dai costi agli orari:
dieci domande sul Festival

Per quale motivo ha avuto un successo così grande?
Effetto della popolarità di Baglioni, dei suoi successi, della presenza di ospiti come Fiorello e Virginia Raffaele. Ma soprattutto Sanremo è diventato un supershow della canzone italiana.

Le serate non possono durare di meno?
Allungare i programmi fino a notte fonda serve generalmente ad alzare lo share. Ma, nel caso di un successo come quello di quest’anno, era del tutto inutile: la ricerca dello sfinimento fine a se stessa

Non è esagerato fare anche il Dopofestival?
Riesumato tre anni fa, quello che era una volta un processo al Festival è diventato uno show senza ragione sociale che, oltretutto, va in onda a notte fonda. Insomma, un vero spreco di tempo e di soldi.

Perché costa cosiì tanto: 16,4 milioni?
I costi dei conduttori (1,3 milioni), i rimborsi per i cantanti in gara (40 mila euro a testa), i cachet degli ospiti, le scene, il teatro, la trasferta del personale da Roma, la convenzione col Comune (5 milioni).

Qual è il segreto che lo fa durare da 68 anni?

È diventato un rito nazionale che va ben al dilà del peso delle sue canzoni. Quanto alla Rai continua a pagare il Comune di Sanremo perché ci guadagna un bel po’ di soldi: quest’anno quasi 10 milioni.

Baglioni dovrebbe tornare anche nel 2019?

Il format è tagliato su misura sul conduttore-conducente che porta in dote, oltre al suo garbo e alla sua timidezza, un clamoroso songbook fatto di successi capaci di far cantare tutto il Paese.

Le ragioni della vittoria di Meta e Moro?
Effetto di una canzone tosta, dall’impianto drammatico eppure orecchiabile. Proprio il ritornello, oggetto delle polemiche di questa settimana, fino all’ipotesi di esclusione, è il suo punto di forza.

Lo Stato Sociale meritava di più?
Sia il televoto (che ha puntato su Meta e Moro) che la giuria degli esperti (Annalisa la preferita) li hanno messi al terzo posto, mentre solo la giuria della sala stampa li ha indicati al primo.


Meta e Moro non sono stati eliminati: e le regole?
Fondamentalmente perché il regolamento del Festival è scritto male. Sanremo è l’unico posto al mondo dove si richiede alle canzoni di essere totalmente inedite, ma il regolamento lascia spazio a interpretazioni larghe.

La concorrenza si ritira: è giusto così?
La settimana di vacanza tv permette di risparmiare mandando in onda fondi di magazzino a costo zero. Tanto gli ascolti non contano per i contratti pubblicitari.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 12 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-02-2018 08:20

Anna Mazzamauro a "La Confessione" sul Nove: non è stato Brignano a strattonarmi bensì...
Video

Anna Mazzamauro a "La Confessione" sul Nove: non è stato Brignano a strattonarmi bensì...

  • Alessandro Preziosi nei panni di Van Gogh: «Il ruolo dell'artista? Migliorare la vita delle persone»

    Alessandro Preziosi nei panni di Van Gogh:...

  • Enrico Montesano: «Basta cinismo, serve più amore. Anche per Roma»

    Enrico Montesano: «Basta cinismo,...

  • Domus Aurea, oro, porpora e gemme: risplende la sala di Achille

    Domus Aurea, oro, porpora e gemme: risplende...

  • Max Giusti torna a teatro con uno show sui tempi moderni: «E intanto sogno Sanremo»

    Max Giusti torna a teatro con uno show sui...

  • Gerry Scotty e il finto "milionario" da Cattelan: lo scherzo a un telespettatore

    Gerry Scotty e il finto...

  • Festival Sanremo, lacrime di commozione per Hunziker dopo complimenti di Baglioni

    Festival Sanremo, lacrime di commozione per...

  • L'addio di Elio, da Sanremo al musical Spamalot: «Ma in pensione mai»

    L'addio di Elio, da Sanremo al musical...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA