ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Principe libero, il film su Fabrizio De André incanta il pubblico: ma è polemica sull'accento romano di Marinelli

Il film su De André incanta, 24,3%: ma è polemica sull'accento romano di Marinelli

Grande successo di ascolti per il "Principe libero", la fiction di Raiuno ispirata alla vita di Fabrizio De André, icona della musica italiana, in onda stasera con la seconda e ultima puntata. La prima parte del film ha vinto la prima serata  con 6 milioni 178 mila spettatori e uno share del 24,3%. Dopo Montalbano e Don Matteo si tratta del miglior risultato per una fiction nel 2018.

Standing ovation di tutto il popolo del web per Luca Marinelli, l'attore che interpreta il cantante. Il minifilm racconta il cammino appassionato e irrequieto verso l'affermazione di Fabrizio De Andrè, poeta sublime e cantore di rara bravura, attento al sociale e nobile spalla degli ultimi, ma anche uomo alla continua ricerca del suo equilibrio, sempre combattuto e in bilico tra forza e fragilità.

Un'interpretazione intensa quella di Marinelli che il pubblico ha imparato ad apprezzare in "Lo chiamavano Jeeg Robot", tanto che la stessa Dori Ghezzi, compagna di De André, ha dichiarato: «È come se Fabrizio fosse da sempre dentro di lui. Non ha avuto bisogno di 'farsi' una maschera, di adottare artifici, non ha dovuto essere diverso».


Eppure se sui social c'è chi esalta la prova attoriale di Luca Marinelli «un patrimonio nazionale» e l'atmosfera dipinta dal regista Facchini, c'è anche una parte (comunque minore) degli spettatori a cui qualcosa non è proprio andato giù. Ed è quell'accento romano «tutt’altro che genovese e spiccatamente del centro-sud», come lamentano i puristi. Puristi genovesi, ovvio.

«Marinelli parla come Totti» si legge infatti in un cinguettio, mentre in un altro si lamenta l'assenza di quello spirito genovese che tanto impregnava l'anima di De Andrè: «L'accento di Genova non si sente». «Ma come si fa a far parlare Fabrizio De André con l'accento romanesco?? Ma roba da pazzi!», chiosa infine un utente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19-02-2018 18:32

Enrico Montesano: «Basta cinismo, serve più amore. Anche per Roma»
Video

Enrico Montesano: «Basta cinismo, serve più amore. Anche per Roma»

  • Domus Aurea, oro, porpora e gemme: risplende la sala di Achille

    Domus Aurea, oro, porpora e gemme: risplende...

  • Max Giusti torna a teatro con uno show sui tempi moderni: «E intanto sogno Sanremo»

    Max Giusti torna a teatro con uno show sui...

  • Gerry Scotty e il finto "milionario" da Cattelan: lo scherzo a un telespettatore

    Gerry Scotty e il finto...

  • Festival Sanremo, lacrime di commozione per Hunziker dopo complimenti di Baglioni

    Festival Sanremo, lacrime di commozione per...

  • L'addio di Elio, da Sanremo al musical Spamalot: «Ma in pensione mai»

    L'addio di Elio, da Sanremo al musical...

  • Muccino, Impacciatore e Morelli a Ostia per la prima del film "A casa tutto bene"

    Muccino, Impacciatore e Morelli a Ostia per...

  • Sanremo, dai The Kolors a Lorenzo Baglioni sul palco impazza il gesto del piccione: ecco perché

    Dai The Kolors a Shaggy sul palco impazza il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2018-02-14 09:19:12
Lo trovassero a Genova un attore che lo interpreti al meglio come ha fatto lui e con l'accento giusto, invece di criticare a prescindere
2018-02-14 09:36:13
ma quale accento... un'interpretazione magistrale!
2018-02-14 11:07:26
Marinelli non si discute .... mai!!!!!!
2018-02-14 11:28:12
si ..cari fans della romanita'..ma cosa direste se un attor con accento genovese interpretasse Alberto Sordi ???? alle vostre orecchie e al vostro cuore stonerebbe vero ?? ebbene accettate pure che un De Andre' on accento romanesco stoni alle nostre orecchie "puriste"
2018-02-14 11:43:59
Belin, sempre a criticare ! Godetevi il film che racconta la storia di un grande cantautore poeta .

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA