ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Le straordinarie avventure di un “Bambino volante” diventano un racconto curioso e irriverente sulla disabilità

Illustrazione di Fabrizio Festa

Una storia illustrata sulla disabilità, osservata attraverso gli occhi vispi di un “Bambino volante”. Ovvero il personaggio principale di un libro curioso e a tratti irriverente a lui intitolato e, più in grande, di un progetto editoriale firmato da Alessio Fasciolo e Fabrizio Festa. Due creativi italiani che da anni vivono a Londra e che, insieme, hanno deciso di parlare della diversità da una prospettiva nuova. Nel mondo del piccolo Pat infatti, tutto è sottosopra e per imparare a conviverci nel modo migliore, il bimbo dovrà iniziare a guardare la realtà proprio da questa prospettiva. Dopo pochi mesi di vita, quando tutti si aspettano che inizi a gattonare, il protagonista del volume comincia improvvisamente a volare, ma il suo non è il classico movimento da supereroe. È piuttosto un fluttuare incerto, un ondeggiare goffo, come se la forza di gravità su di lui non funzionasse.
 

 

 
I genitori di Pat sono preoccupati e non sanno come affrontare la situazione. Fino a quando, dopo essersi consultati con diversi dottori altrettanto stupiti dall’accaduto, decidono di cercare una scuola indicata per loro figlio e lo iscrivono a un corso di volo specifico per “bambini volanti”. È qui che il nuovo alunno riceve in regalo un prezioso manuale da tenere sempre con sé e da leggere in famiglia. Gli viene donata cioè la lente che dovrà usare per scoprire il mondo. Uno strumento che anche i suoi genitori potranno imparare a maneggiare, per non avere più segreti con il loro Pat.  Questa collezione di aneddoti e consigli insegnerà al bimbo a tenere sassi nelle tasche per rimanere a terra o a farsi accompagnare a casa dagli uccelli del vicinato, quando e se dimenticherà la strada di ritorno.
 
Situazioni surreali certo, ma che hanno a che fare con l’approccio quotidiano alla disabilità, soprattutto quando si parla di diversità legata all’infanzia. Ma chi è davvero il “bambino volante” della storia? Patrizio nasce il 22 marzo 2012 e qualche mese dopo gli vengono riscontrate delle anomalie al fegato che portano ad una serie di test ed indagini. Trascorsi tre anni, si arriverà alla diagnosi definitiva: sindrome di Alagille, una malattia genetica rara. Inoltre, si cominceranno a manifestare problemi motori conseguenti ad una sofferenza cerebrale. Le limitazioni nei movimenti sono presto evidenti: il bimbo non gattona, fa fatica a stare seduto senza un appoggio e a raggiungere gli oggetti non a portata di mano. Famiglia e amici gli si stringono intorno, lo coccolano, c’è sempre qualcuno pronto a tirarlo su per aiutarlo ad afferrare ciò che a lui sembra irraggiungibile.

Patrizio è curioso e passa continuamente di braccio in braccio. In poco tempo diventa per tutti il “bambino volante”. Come spiegano gli ideatori del progetto autoprodotto, il cui ricavato in parte andrà a sostegno della Fondazione Telethon, «volevamo fornire uno strumento che potesse essere il punto di partenza per una discussione tra genitori e figli, o tra insegnanti ed alunni, sul tema della disabilità. C'è bisogno di più libri che rappresentino la diversità attraverso i loro personaggi - continuano i due - e che accendano l'immaginazione dei bambini con storie che guardano il mondo dal loro punto di vista». Per promuovere il volume e terminarne la pubblicazione, in doppia versione italiana e inglese, è stata lanciata una campagna su Kickstarter, famosa piattaforma di crowdfunding. Per informazioni, clicca qui.
 
 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 28 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 29-11-2017 19:12

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini
Video

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

  • Morgan: «Fabrizio De André un manuale d’istruzione contro l’ipocrisia»

    Morgan: «Fabrizio De André un...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA