ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

A Siracusa sarcofagi e misteri del nascondiglio di Deir El-Bahari

Lo studio di un sarcofago allo scanner

Tesori egizi mai conosciuti. Nella mostra "La Porta dei Sacerdoti – I sarcofagi egizi di Deir el-Bahari" , in corso presso la Galleria Montevergini di Siracusa fino al 7 novembre, una collezione straordinaria di sarcofagi e altri preziosi reperti ritrovati nel secondo Nascondiglio di Deir el-Bahari, risalenti alla XXI dinastia (1070-900 a.C.) e appartenenti al corpo Sacerdotale di Amon:  139 pezzi tra i quali  la mummia di un bambino  e alcuni reperti mai esposti neanche a Bruxelles. Tutti provengono infatti  dalla Collezione Egizia del Musées Royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles che conserva i tesori di questa incredibile tomba collettiva scoperta casualmente nel 1891 nella quale furono ritrovati non meno di 450 sarcofagi ed un numero incalcolabile di suppellettili funerarie.
 

 

Ma non solo: la mostra sui reperti del Nascondiglio è infatti eccezionale perché è il perno di studio e conservazione dei sarcofagi e mummie egizie  della XXI dinastia che coinvolge i maggiori musei e laboratori del mondo e che vede la partecipazione dell’Istituto Europeo del Restauro in prima linea. Grazie all’utilizzo del modulo laboratoriale-espositivo Europa l’equipe dell’IER sta concludendo il restauro di sei sarcofagi splendidamente decorati – a cui si aggiungono preziose tavole di mummia e numerosi reperti facenti parte dei corredi funerari risalenti alla XXI Dinastia (1070-900 a.C.) – offrendo alla città aretusea e ai suoi ospiti internazionali un’esperienza di cultura e di tecnologia unica al mondo. Il pubblico può infatti assistere dal vivo e in diretta all’intervento di restauro e al tempo stesso interagire con gli operatori, guidati da Teodoro Auricchio, tra  i massimi esperti mondiali di restauro ligneo, che utilizzano sofisticati elettroutensili Bosch Professional con interfaccia 3D e automazione via web e smartphone. Si sono così potute estrarre con facilità le vite aggiuntive dei sarcofagi posizionati dal  restauratore Armand Bonn nel 1894. E proprio durante i lavori cominciati a marzo ben nascosto all’interno di uno dei sei sarcofagi è stato trovato un biglietto da visita firmato da Armand Bonn, lasciato dal restauratore francese l’8 febbraio del 1864. «Si tratta di un ritrovamento unico -  commenta Teodoro Auricchio, presidente dell’Istituto Europeo del Restauro -Bonn lo infilò, con grande cura, tra le assi di legno di un sarcofago per immortalare il suo lavoro». Nascosta in un altro sarcofago è stata invece ritrovata una busta con tanto di francobollo, inviata dal restauratore francese a se stesso; al suo interno una breve lettera in cui Bonn scriveva di aver restaurato i sei sarcofagi. Adesso si cercano dunque altre tracce nascoste tra il legno degli altri preziosi manufatti per comprendere l’arte del restauro ottocentesco dell’espertodelle “riparazioni invisibili”.

 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 24 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 25-07-2017 17:11

Paolo Bonolis sbarca su Instagram, ecco cosa fa la moglie
Video

Paolo Bonolis sbarca su Instagram, ecco cosa fa la moglie

  • Charles Aznavour, da tutto il mondo per lo chansonnier senza età

    Charles Aznavour, da tutto il mondo per lo...

  • Pierdavide Carone torna con il quarto album

    Pierdavide Carone torna con il quarto album

  • Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne vorrebbero di uomini come lui»

    Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne...

  • Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo la sua anima

    Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo...

  • LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo trailer italiano ufficiale

    LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo...

  • "Lei non è un uomo...è una merdaccia": il ragionier Fantozzi e la signorina Silvani

    "Lei non è un uomo...è...

  • E’ morto a Roma l’attore Paolo Villaggio

    E’ morto a Roma l’attore Paolo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA