ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Modigliani da record: un dipinto venduto a New York per 170 milioni di dollari

Nudo di Modigliani venduto a New York per 170 milioni di dollari

È la seconda opera battuta all’asta più costosa di sempre: Nu couché (Nudo sdraiato), tela del 1917 di Amedeo Modigliani.



Oltre 170 milioni di dollari, un nuovo record per il mercato dell’arte, finora superato solo da un Picasso del 1955, Les femmes d’Alger, che era stato venduto a maggio per quasi 180 milioni di dollari. Entrambe le vendite si sono svolte da Christie’s, una delle case d’asta più celebri del mondo. Sconosciuta finora l’identità del facoltoso acquirente, anche se Christie’s fa sapere che si tratta di un collezionista cinese, identificato dal Wall Street Journal nel miliardario Liu Yiquian.



L’olio di Modigliani, il genio della pittura reso celebre dai ritratti di donna con visi affusolati e colli longilinei, è stato realizzato a cavallo tra il 1917 e il 1918, quando l’artista livornese, meglio conosciuto come Modì, era a Parigi già da una decina d’anni. Misura 60x92 cm e ritrae una modella sconosciuta. Il quadro fa parte della serie di nudi realizzati dal pittore, da lui considerati una forma particolare di ritratto.



Modigliani, che in vita non ebbe mai il successo e la fama tributategli post mortem, tratteggia il corpo sinuoso di una donna completamente nuda, adagiata con posa provocante su un divano rosso: le braccia sono sollevate, i seni ben evidenti, come anche i peli del pube, particolare che all’epoca destò scandalo.



Modì si trasferì nella capitale francese nel 1906, attratto dalla fama di centro culturale d’avanguardia che in quella fase storica la ville lumière rappresentava per gli artisti di tutto il mondo. Qui infatti conobbe geni assoluti come Pablo Picasso, Juan Gris, Max Jacob, Jean Cocteau, Maurice Utrillo. Sempre a Parigi incontrò le donne della sua vita, poi ritratte in diversi dipinti: la scrittrice inglese Beatrice Hastings e Jeanne Hébuterne, il più grande amore, che gli diede l’unica figlia e il giorno dopo la morte del pittore (il 24 gennaio 1920, a soli 35 anni) si gettò dalla finestra della casa in cui abitavano.

Sabato 21 Novembre 2015 - Ultimo aggiornamento: 10-12-2015 18:23

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»
Video

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»

  • "L'ora più buia", il film su Churchill arriva nelle sale: la clip esclusiva

    "L'ora più buia", il...

  • Arisa e il vero motivo della sua trasformazione: «Non seguirmi più se non ti piace»

    Arisa e il vero motivo della sua...

  • Golden Globe, l'ovazione delle star per Ophrah Winfrey

    Golden Globe, l'ovazione delle star per...

  • Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto speciale per ricordarlo

    Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto...

  • X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»

    X Factor 11, Licitra emozionato:...

  • Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

    Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

  • Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

    Lacrime ed emozione alla camera ardente di...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2015-11-11 18:12:29
'Sti miliardari proprio non li capisco... 170 testoni de dollari,per rimirarsi in solitudine una tela scarabocchiata in un momento di melanconia da un malinconico represso,regalata forse per un pranzo e una cena da chi in quell'epoca ammucchiava croste. :-Le monde est ainsi fait...non sapete il francese? Tranqilli ve lo traduco:- E' così che va il mondo oggi-

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA