ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Bracciali e anelli nella cenere: a Pompei la mostra "I tesori sotto i lapilli"

Bracciali e anelli nella cenere: a Pompei la mostra "I tesori sotto i lapilli"

È la morte in diretta di una famiglia che cerca riparo dall'eruzione del Vesuvio quella che mette in scena la mostra «Tesori sotto i lapilli. Arredi, affreschi e gioielli dall'Insula Occidentalis» aperta fino al 31 maggio all'Antiquarium degli Scavi di Pompei. Questa mattina l'esposizione è stata inaugurata dal Direttore Generale Massimo Osanna, insieme ai curatori responsabili. L'intero percorso sbalordisce per i ricchi arredi e le pitture parietali che si possono ammirare. Appartengono a una delle case più note del grandioso complesso delle ville urbane dell'Insula Occidentalis (quartiere all'estremità occidentale della città antica) la Casa del «Bracciale d'Oro», chiusa da decenni al pubblico e oggi non visitabile per interventi di restauro e valorizzazione che restituiranno l'intero complesso alla fruizione.

Ma proprio quel bracciale d'oro che ha dato il nome alla domus citata, rappresenta oggi uno degli oggetti di maggiore valore e bellezza dei reperti dell'antica Pompei. Reso ancora più prezioso perché rinvenuto al polso di uno dei fuggiaschi il cui corpo, in questa mostra, è ridotto a un calco insieme al gruppo di persone che trovarono la morte nel tentativo di fuggire allo sterminatore partenopeo. Il grande bracciale in oro pesa più di mezzo chilo (610 grammi) ed era indossato da una delle vittime che tentava di fuggire. Il gioiello è caratterizzato nella parte terminale da due teste di serpente affrontate che reggono tra le fauci un disco con il busto della dea Selene (Luna). La dea è una fanciulla con il capo coronato da una mezzaluna circondata da sette stelle e solleva le braccia per trattenere un velo rigonfio.

Un altro fuggiasco portava invece con sé una cassettina in legno e bronzo con 40 monete d'oro e 175 in argento, anch'essa esposta. Al momento dell'eruzione, due adulti e un bambino cercarono riparo nel sottoscala di uno degli ambienti di servizio della lussuosa Casa del Bracciale d'oro. Le vittime che in questo ambiente trovarono la morte, sono anch'essi esposti nella forma dei calchi in gesso ricavati durante gli scavi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12-09-2017 15:24

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno
Video

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno

  • Floris: a dimartedì la satira di Gene Gnocchi, ci occuperemo anche di sport

    Floris: a dimartedì la satira di Gene...

  • Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde Garko con Raoul Bova

    Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde...

  • Abel Ferrara, regista: «Roma non sarà mai come Londra, o Parigi»

    Abel Ferrara, regista: «Roma non...

  • Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai della Prova del cuoco: la prima puntata ha rischiato di saltare

    Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai...

  • Valeria Golino nei panni di una non vedente: «Così ho imparato a recitare senza usare gli occhi»

    Valeria Golino nei panni di una non vedente:...

  • Ilary Blasi e Alfonso Signorini: «Vi raccontiamo il nuovo Grande Fratello Vip»

    Ilary Blasi e Alfonso Signorini: «Vi...

  • Paolo Virzì: «The leisure seeker, il mio primo film in inglese: con Ella & John viaggio negli Usa che cambiano»

    Paolo Virzì: «The leisure...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA