ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

​Pink Floyd a Roma: la mostra "definitiva" a 50 anni dalla nascita

Arriva a Roma la più grande mostra sui Pink Floyd

Nell’aprile del 1968 un gruppo di ragazzi inglesi arriva nella capitale e suona in uno dei locali più in voga. Il Piper. Erano dei semisconosciuti Pink Floyd ed era la loro prima volta in Italia. Il resto della storia è noto. E visto che di storia stiamo parlando sta per arrivare a Roma una mostra per celebrare i 50 anni dalla nascita della band. A presentare “The Pink Floyd Exhibition: Their mortal remains” (dal 19 gennaio al MACRO) è Nick Mason in persona, uno dei fondatori e batterista dei Pink Floyd. Dopo il debutto a Londra, con oltre 400.000 visitatori, e tra questi c’erano gli U2, Madonna ed i Guns 'n' Roses, Roma è la prima tappa europea scelta per questa esibizione.
 

 

“Ce l’hanno chiesta metropoli come Parigi, Berlino, Tokyo, ma noi sappiamo che tutte le strade portano a Roma” ironizza Orsher, della società produttrice Concert Productions, che sottolinea come i Pink Floyd abbiano sempre avuto un rapporto privilegiato con il nostro paese. Ed è d'accordo anche Nick Mason, laconico e british nelle risposte, ma molto caldo quando si parla d'Italia.”Mi scuso se non parlo la vostra lingua. Devo confessarvi che ho preso lezioni d'italiano, ma sono specializzato nei pezzi di ricambio delle automobili”. Non è un caso, perché Mason è un grande appassionato di auto, nonché collezionista di vetture d'epoca. Ma tornando alla mostra dice “sono felice che arrivi a Roma, vedo tanto entusiasmo ed aspetto anch'io l'inaugurazione”.

Tra i tanti ringraziamenti (menzione speciale per Syd Barrett e Richard Wright entrambi scomparsi) Nick Mason ci tiene in modo particolare a rivolgere un saluto ai fan “senza di loro non ci sarebbe questa mostra ed io non sarei qui a trascorrere questi giorni fantastici”. “The Pink Floyd Exhibition: Their mortal remains” sarà un percorso immersivo in cui verrà raccontato il ruolo della band inglese parallelamente al momento storico ed ai cambiamenti culturali dagli anni Sessanta, quando si formarono i Pink Floyd, fino all'ultimo periodo. La mostra sarà in buona parte allestita come quella originaria di Londra, ma ci saranno 30/40 oggetti che legano il gruppo rock all'Italia – sicuramente il concerto a Venezia ed il live a Pompei. E del mitico Piper? Risponde Mason. “Non credo che abbiamo ancora qualcosa del Piper club”.

L'occasione è ghiotta, non si può non chiedere se per i Pink Floyd sarà possibile una reunion. “Questa è una domanda a sorpresa, ci sono dei piani per riunirci, io sono pronto, ma non in questo momento” dice ancora Mason che si lascia sfuggire una notizia. “Verrò sicuramente alla mostra di Roma e molto probabilmente anche Roger Waters. Mi dispiace...forse era un segreto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 29 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 01-12-2017 17:23

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini
Video

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

  • Morgan: «Fabrizio De André un manuale d’istruzione contro l’ipocrisia»

    Morgan: «Fabrizio De André un...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-11-29 18:55:13
Bellissimo andrò sicuramente
2017-11-29 20:31:30
che brivido! i più grandi di sempre! poco probabile una reunion, waters e gilmour non si sopportano

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA