ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Come un musicista nero ha fatto amicizia con i membri del Ku Klux Klan, redimendone più di 200

Il musicista nero "amico" del Ku Klux Klan: ecco come ne ha redenti più di 200

Il nome di Daryl Davis potrebbe non essere noto a tutti, ma la sua battaglia merita di essere raccontata. Davis è un cantautore blues americano, ha suonato con artisti del calibro di Chuck Berry, Jerry Lee Lewis, Bruce Hornsby. Intonando note anche con l'ex presidente americano Bill Clinton. Da qualche tempo ha preso l'iniziativa di raggiungere i membri del Ku Klux Klan per “scambiare due chiacchiere”. Il suo contributo ha fatto si che più di duecento membri dell'organizzazione americana per la supremazia della razza bianca, lasciassero il Klan.

«Quando ero all'estero mi sentivo come se vivessi nel passato di almeno 12 o 15 anni e quando tornavo a casa non capivo che problemi avesse la gente con il colore della mia pelle. Per me era normale, ma non lo era per il mio paese. Una volta venni aggredito solo perché nero e l'episodio mi fece porre una serie di domande: “Come fai ad odiarmi se nemmeno mi conosci?”. Nessuno fu in grado di rispondere».

Daryl Davis si racconta così in un'intervista rilasciata ad Al Jazeera e l'episodio si riferisce a quando, nella prima adolescenza, Daryl era costretto trasferirsi spesso per seguire i genitori che lavoravano agli affari esteri dell'ambasciata americana. «Chi meglio del Ku Klux Klan potrebbe rispondere alle mie domande?». Probabilmente nessuno, così pensò di contattare qualche membro dell'organizzazione. E così fece.

«Volevo sapere perché giudicassero la mia abilità di apprendere e lavorare... e perché dessero per scontato che tutti i neri assumessero droghe e stuprassero le donne bianche». Col passare del tempo il seme del dubbio iniziò a germogliare anche nelle menti più reticenti. «Con queste conversazioni sono riuscito a cambiare un bel numero di cuori e menti» ricorda al giornalista Ryan Rifai. «Hanno cominciato a vedermi come un essere umano, come qualcuno che avesse le loro stesse necessità. Se ti siedi con il tuo peggior nemico per cinque minuti, scoprirai di avere qualcosa in comune con lui. Se ti siedi più a lungo, le somiglianze aumenteranno».

Daryl Davis ha “convertito” direttamente 40 membri del Klan ed è responsabile della defezione di almeno 200 cappucci bianchi. «Ho fatto amicizia con il leader del KKK in Maryland, così quando lui e i suoi fedelissimi hanno lasciato l'organizzazione il gruppo è stato chiuso. In Maryland oggi non c'è più nessuna organizzazione razzista». Anche sul presidente eletto Donald Trump Daryl Davis ha le idee ben chiare: «Credo che l'elezione di Trump sia una delle cose migliori successe in questo paese, sebbene non sia la scelta migliore per la presidenza. L'America è ipocrita perché nega l'esistenza del razzismo, ma ora non è più possibile».  


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 9 Gennaio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:20

Paolo Bonolis sbarca su Instagram, ecco cosa fa la moglie
Video

Paolo Bonolis sbarca su Instagram, ecco cosa fa la moglie

  • Charles Aznavour, da tutto il mondo per lo chansonnier senza età

    Charles Aznavour, da tutto il mondo per lo...

  • Pierdavide Carone torna con il quarto album

    Pierdavide Carone torna con il quarto album

  • Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne vorrebbero di uomini come lui»

    Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne...

  • Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo la sua anima

    Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo...

  • LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo trailer italiano ufficiale

    LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo...

  • "Lei non è un uomo...è una merdaccia": il ragionier Fantozzi e la signorina Silvani

    "Lei non è un uomo...è...

  • E’ morto a Roma l’attore Paolo Villaggio

    E’ morto a Roma l’attore Paolo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA