ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

David Bowie, i dubbi sulla morte: torna l'ipotesi del suicidio assistito

David Bowie

È stato davvero un tumore, lo scorso gennaio, a togliere la vita a David Bowie? È l’interrogativo che da qualche ora sta impazzando tra i tanti fan del Duca Bianco, ufficialmente stroncato a soli sessantanove anni da un cancro allo stomaco di cui soffriva, in gran segreto, da diciotto mesi. A far vacillare questa versione, però, ci sta pensando la giornalista musicale britannica Lesley-Ann Jones, che sul Daily Mail ha messo nero su bianco la sua personalissima ipotesi: Bowie avrebbe scelto di morire tramite suicidio assistito.

 
“È morto di domenica, il 10 gennaio. Nessuno, tranne chi gli era più vicino, sapeva che era malato. Così aveva voluto. Morire come era vissuto. Secondo le sue regole”, scrive sul quotidiano britannico la reporter, che, poi, a conferma della sua teoria, riporta le parole del dj Andy Peeble, interlocutore del leggendario artista londinese in alcune interviste. “Due singoli pubblicati praticamente insieme, il più grande album della sua carriera lanciato per il suo 69esimo compleanno, e poi, due giorni dopo, la morte. Io non so voi, ma io non riesco a vedere tutto questo come una coincidenza. In un certo numero di telefonate mi è stato suggerito che la sua morte è stata il risultato di un suicidio assistito. Chi potrebbe averlo aiutato, ed esattamente come sia stato fatto, non lo sapremo mai. Nessuno coinvolgerà in questa storia parenti o amici. Ma sapendo come abbia sempre organizzato e deciso tutto nella sua carriera e nella sua vita, è davvero così strano che abbia deciso anche come morire?”.

Una domanda retorica a cui sicuramente risponderebbe con un secco no anche il produttore Simon Napier-Bell, che, come ricordato dalla Jones nel suo articolo, subito dopo la notizia della scomparsa di Bowie, aveva sposato con convinzione la tesi del suicidio assistito. “Il suo è stato un atto deliberato. Come era tutto ciò che faceva. Sapeva che stava morendo. Lo sapeva da circa 18 mesi. Ed è così che voleva essere ricordato: ottimista e felice. Ha deciso di avere il controllo sulla sua immagine fino all’ultimo”.

In attesa di novità sul “giallo”, su cui al momento i familiari dell’interprete di Changes tengono le bocche ben cucite, intanto a Berlino continuano le indagini della polizia sul furto della targa di porcellana posta sulla facciata della casa in cui Bowie alloggiò sul finire degli anni Settanta. Scoperto ad agosto per onorare la memoria dell’artista, il tributo fa riferimento ai tre mitici album composti e registrati nella capitale tedesca dal Duca Bianco: Low, Heroes e Lodger.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 20 Settembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 22-09-2016 19:48

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini
Video

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

  • Morgan: «Fabrizio De André un manuale d’istruzione contro l’ipocrisia»

    Morgan: «Fabrizio De André un...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA