ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Nina Zilli, urbana e tropicale per il suo nuovo disco

Nina Zilli, urbana e tropicale per il suo nuovo disco

Nel suo essere, urbano e tropicale. Nei contenuti, rivoltoso e pacifista. “Modern Art”, quarto disco di inediti di Nina Zilli, si riassume così. Uscito il 1 settembre (firmacopie a Roma alla Discoteca Laziale il 14 settembre) è un ponte ideale e musicale oltre confine. Non a caso il titolo, «manifesto che mette insieme in due parole stili e forme musicali diverse».  

Registrato tra l’Italia e Giamaica, è intriso di sonorità che rispecchiano appieno influenze tra le più disparate. Nonché la sua stessa personalità, versatile ed eclettica. «In questo paese ritrovo me stessa e attingo ispirazioni che più mi completano. È in Giamaica che ho sentito per la prima volta la musica di Bob Marley e sonorità musicali totalmente diverse». 

Dodici pezzi in totale, prodotti da Antonio Canova e un booklet i cui disegni sono presi da un taccuino manoscritto e contenente le illustrazioni della stessa Zilli: «da piccola dipingevo, poi la musica si è impossessata di me. E oggi, invece di scrollare Facebook, disegno».  
 

 


Ad anticipare l’album, “Mi hai fatto fare tardi”, singolo di successo dell’estate, scritto con la collaborazione di Dario Faini, Tommaso Paradiso  dei TheGiornalisti, Calcutta. «Ho sempre scritto da sola. Sento il bisogno di rinnovare la mia scrittura e di aprirmi a collaborazioni che mi arricchiscono». Nella tracklist, altre collaborazioni: “Butti giù”, il pezzo scritto da J-Ax che definisce «l’altro lato della medaglia. È la parte rivoltosa del disco. Energia pura. Per me è uno dei migliori pezzi di rap del mio amico fraterno Ax». 

Presente anche una cover. “Il mio posto qual è”, canzone di Ornella Vanoni del 1967, a cavallo tra beat e rock. «Credo sia una canzone super attuale: ci sentiamo tutti un po' così oggi. Le guerre ci condizionano e questa mi si calzava a pennello». 
 


Il suo rapporto con la televisione? «Per ora faccio la cantante. Mi sento tale. Per il resto, la TV mi ha sicuramente dato tanto. “Italia’s got talent” è fatto dalle persone. La forza di alcune di loro mi ha dato la voglia di parlare nel disco degli essere umani e della loro positività». 

Da metà ottobre sarà in tour nei club. Il 4 novembre all’Atlantico di Roma. Nella formazione strumentale, cinque elementi e un DJ, «di quelli alla vecchia maniera, perché credo che la sua presenza sia una chiave per legare anche le altre mie canzoni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 5 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:45

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno
Video

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno

  • Floris: a dimartedì la satira di Gene Gnocchi, ci occuperemo anche di sport

    Floris: a dimartedì la satira di Gene...

  • Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde Garko con Raoul Bova

    Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde...

  • Abel Ferrara, regista: «Roma non sarà mai come Londra, o Parigi»

    Abel Ferrara, regista: «Roma non...

  • Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai della Prova del cuoco: la prima puntata ha rischiato di saltare

    Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai...

  • Valeria Golino nei panni di una non vedente: «Così ho imparato a recitare senza usare gli occhi»

    Valeria Golino nei panni di una non vedente:...

  • Ilary Blasi e Alfonso Signorini: «Vi raccontiamo il nuovo Grande Fratello Vip»

    Ilary Blasi e Alfonso Signorini: «Vi...

  • Paolo Virzì: «The leisure seeker, il mio primo film in inglese: con Ella & John viaggio negli Usa che cambiano»

    Paolo Virzì: «The leisure...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA