ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Robbie Williams, il nuovo singolo fa infuriare Putin: «Dà un'immagine stereotipata della Russia»

Robbie Williams nel video del singolo Party Like a Russian

«Ci vuole un uomo con una certa reputazione per prendere il denaro da tutta una nazione intera, non c’è rifiuto né discussione, sono un Rasputin moderno». Questi versi, prima strofa del suo nuovo singolo, potrebbero costare a Robbie Williams l’ostracismo di Vladimir Putin. L’incipit e, in generale, l’intero brano, dal titolo Party Like a Russian, un pezzo pop ricco di riferimenti alla tradizione culturale russa - «C’è una bambola dentro una bambola, dentro una bambola, dentro una bambolina. Ciao Dolly» - e di (altri) passaggi politicamente scorretti, non sarebbero proprio piaciuti infatti al severo e inflessibile Presidente, offeso, a quanto pare, da quella che lui riterrebbe essere una rozza caricatura in musica della sua figura istituzionale.



 
Nell’ex Paese sovietico, comunque, la hit dell’artista di Stoke-on-Trent, che ora, stando ai soliti bene informati, rischierebbe addirittura di non potersi più esibire a Mosca e dintorni, non ha certo irritato il solo Putin. A prendersela sono stati anche molti media locali, secondo i quali, con la sua canzone, inserita nell’album Heavy Entertainment Show e basata su un campionamento di Romeo e Giulietta di Sergej Sergeevič Prokof’ev, Williams avrebbe contribuito a offrire un’immagine stereotipata e totalmente slegata dalla realtà del popolo russo, un’accusa che l’interprete di Angels ha rispedito al mittente: “Non volevo denigrare la Russia né il Presidente”, ha subito twittato il cantante, che nel videoclip del singolo, criticato anche dalla tv pubblica Vesti, balla circondato da sensuali ragazze con indosso una giacchetta con galloni e mostrine di dubbio gusto. “Noi pensiamo di saper festeggiare come si deve - ha poi spiegato alla stampa inglese Williams precisando il senso e l’obiettivo della sua composizione - ma vi assicuro che non siamo niente in confronto ai russi: sono davvero dei festaioli”.
 
Quella con protagonista l’anticonformista ed esuberante Robbie, in ogni caso, è solo l’ultima polemica ad aver messo contro una popstar anglofona e il Governo russo. Negli anni scorsi, infatti, dopo aver criticato la politica di Putin circa i diritti degli omosessuali, a finire nel mirino erano state nientemeno che Madonna e Lady Gaga.
 
 
 
 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 7 Ottobre 2016 - Ultimo aggiornamento: 16:24

Enrico Montesano: «Basta cinismo, serve più amore. Anche per Roma»
Video

Enrico Montesano: «Basta cinismo, serve più amore. Anche per Roma»

  • Domus Aurea, oro, porpora e gemme: risplende la sala di Achille

    Domus Aurea, oro, porpora e gemme: risplende...

  • Max Giusti torna a teatro con uno show sui tempi moderni: «E intanto sogno Sanremo»

    Max Giusti torna a teatro con uno show sui...

  • Gerry Scotty e il finto "milionario" da Cattelan: lo scherzo a un telespettatore

    Gerry Scotty e il finto...

  • Festival Sanremo, lacrime di commozione per Hunziker dopo complimenti di Baglioni

    Festival Sanremo, lacrime di commozione per...

  • L'addio di Elio, da Sanremo al musical Spamalot: «Ma in pensione mai»

    L'addio di Elio, da Sanremo al musical...

  • Muccino, Impacciatore e Morelli a Ostia per la prima del film "A casa tutto bene"

    Muccino, Impacciatore e Morelli a Ostia per...

  • Sanremo, dai The Kolors a Lorenzo Baglioni sul palco impazza il gesto del piccione: ecco perché

    Dai The Kolors a Shaggy sul palco impazza il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA