ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Sal Da Vinci: «Canto Napoli e l'Italia con le parole di Renato Zero»

(Foto di Cecilia Fabiano/Ag.Toiati)

Un asse fra Napoli e Roma. Le parole di Roma, la voce e l'anima di Napoli. “Non si fanno prigionieri” è il nuovo album di Sal Da Vinci, all'anagrafe Salvatore Michael Sorrentino, 40 anni di carriera celebrati lo scorso dicembre. «Sono nato come attore, non come cantante e ho calcato il palco fin da bambino. Sono cresciuto con la commedia napoletana», racconta a Messaggero Tv.
 

 

Il suo ultimo album, arrangiato da Adriano Pennino, è scritto in collaborazione con Renato Zero, che ne cura la direzione artistica: 10 brani di cui sei sono stati firmati anche dal cantautore romano. «Con Renato ci conoscevamo già. Quando ha ascoltato alcuni miei brani, primo fra tutti “Dettagli”, ha voluto dare vita a una collaborazione artistica che ci ha portato a realizzare questo disco. Non passava giorno che mi chiedesse: “Oggi che mi fai ascoltare?”». È nato così “Non si fanno prigionieri”, un album che prende il titolo, come spiega Sal, «dal bisogno di allontanarsi dal mondo virtuale e di tornare a vivere in quello del reale».

Dei lati positivi e di quelli più oscuri della società degli smartphone, Sal si dimostra perfettamente consapevole: «Il Web e i social network ci permettono di comunicare in un modo straordinario. Sono strumenti che uniscono le persone. Ma bisogna fare attenzione, lo dico soprattutto ai genitori. Per due volte mi è capitato di dover intervenire per proteggere mia figlia Annachiara, finita in vere e proprie trappole, nelle quali i più giovani sono spesso inconsapevolmente attratti».

Un'idea, quella del necessario ritorno alle emozioni più autentiche, che Da Vinci condivide in pieno con Renato Zero. È stato proprio quest'ultimo a consigliargli il titolo del disco. Ma la collaborazione è andata ben oltre le etichette: Zero, oltre a duettare con Sal in una canzone, “Singoli”, ne ha anche proposta una per Sanremo, che però non è stata selezionata: «Ma che Sanremo sarebbe se non ci fosse un po' di polemica?», scherza Sal.

Ma non solo: Zero ha voluto portare Da Vinci in tour con sé. «È stata un'esperienza eccezionale – racconta il cantautore napoletano – seguita da quella, altrettanto emozionante, del mio spettacolo teatrale». “Italiano di Napoli”: questo è il titolo della commedia musicale, con la regia di Alessandro Siani, che Da Vinci ha portato in Campania a dicembre e gennaio con uno straordinario successo di pubblico. «Si tratta di una riflessione sulla nostra identità di napoletani, di italiani». Un senso di appartenenza che Da Vinci, nato a New York, esprime nella maniera più romantica possibile: «Noi siamo cittadini della repubblica dei sentimenti».

andrea.andrei@ilmessaggero.it
Twitter: @andreaandrei_

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 10 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-03-2017 09:35

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini
Video

Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

  • Morgan: «Fabrizio De André un manuale d’istruzione contro l’ipocrisia»

    Morgan: «Fabrizio De André un...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA