Sanremo, Frassica spiazza e commuove con brano su migranti e dramma Aylan
Spiazza e commuove Nino Frassica all'Ariston: canta il brano "A mare si gioca", scritto da Tony Canto, in cui cita il dramma dei migranti e del piccolo Aylan, il bambino siriano trovano morto sulla spiaggia turca di Bodrum. «A mare si gioca - recita Frassica - si possono fare le gite con il canotto, il bagno con il bambino e il materassino». Giocano i gabbiani e i pescatori, poi «c'è il gioco dello scafo: si sta tutti su un gommone, quando quello che comanda dice di buttarsi, ci si butta a mare, è un gioco.

Quando ero giovane lavoravo nella guardia costiera a Lampedusa: una volta ho visto 366 delfini nelle reti, scappati forse per fame, per una guerra sottomarina tra pesci, li abbiamo liberati tutti e li abbiamo visti visti nuotare. E ci sono bambini che giocano a stare immobili con la faccia in acqua, senza respirare, tanto sanno che sta arrivando la mano forte del papà, che li prenderà e li farà giocare». Prima dell'esecuzione del brano, Frassica è stato protagonista di un'esilarante intervista doppia con Gabriel Garko.