ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Tutti caduti nella "trap": il sound trasteverino che conquista i giovanissimi

Tutti caduti nella "trap": il sound trasteverino che conquista i giovanissimi

Caduti nella trap. Se dobbiamo trovare la novità italiana dell'ultimo anno è questo genere di musica, divisibile in sottogeneri e con tutte le diatribe interne alla sua comunità, per comodità riassumibile come un rap rallentato, beat ripetitivi, bassi in evidenza e atmosfere cupe, la voce spesso filtrata da autotune (effetto robotico) e che tesse le lodi di paradisi artificiali.

Nei ghetti americani si fa da una vita ma nei nostri quartieri, bazzicati da rimatori arrabbiati o annoiati, è esploso di recente, come al solito prima sui canali social, registrando numeri spaventosi. I regnanti si chiamano Ghali, Sferra Ebbasta, Izi, ma alcuni hanno già fatto il salto carpiato in radio e tv e c'è stato il tempo di parodiare il fenomeno con la hit delle focaccine dell'Esselunga che ha scalato la classifica su Spotify, per mano di chi la sa lunga davvero (Claudio Cecchetto e figlio).


DAI NAVIGLI ALLA CAPITALE
Dai Navigli a Trastevere il passo è breve, e a Roma intanto bivaccavano e registravano quelli della Love Gang, che non dissa' con nessuno, non se la prende con altri rapper, non appartiene ad altra scena se non alla comitiva, pensa solo a fare ciò che gli piace, e tra una birretta e un'altra infila in assonanza le sue storie capitoline. La crew romana operativa si chiama 126, tanti sono i gradini della scalea del Tamburino che funge da salotto, e da lì sciama al bar San Calisto, registra e produce in totale autonomia. Ne fa parte Ketama 126, migliaia di views e uscito con l'esordio Oh Madonna, trasteverino, che descrive una Roma vissuta all'eccesso tra sanpietrini e amicizie sbagliate.

Il riferimento a Ketama, il regno marocchino della cannabis, è chiaro, normalità della trap, ritmo decelerato come in uno stato alterato. Un socio è Pretty Solero, creatore della ganga che collabora con tutti, compreso Ugo Borghetti (ogni riferimento al caffè e allo stadio Olimpico è intenzionale) con il quale canta i migliori danni della loro vita, e altri della ditta sono Asp, i produttori Nino B e Drone.

I CAMPIONI DELLA CRICCA
I campioni della cricca sono però Carl Brave e Franco126, che la trap l'hanno assorbita ma i loro pezzi funzionano perché sono puro pop geolocalizzato, che al massimo si spinge a Fregene, e racconta nasone per nasone le giornate nel rione consumato a piedi in Polaroid, dieci istantanee cliccatissime e contagiose. Uno scatto dietro l'altro (l'ultimo è Che ragazzina) parlano di panini dallo zozzone, cioce, spritz e noccioline, amori di pischelli. Inventano termini come tirasse pellaria (più o meno sfasciarsi), puntano al quotidiano, a una Villa Pamphili vissuta come fosse l'Amazzonia, al dettaglio, al romano e invece di essere un limite, questo si è rivelato una forza, tanto che i video hanno milioni di views e i due fanno live in tutta Italia, ben oltre l'asse Parioli-Tor Bella Monaca.

VIRALI E DIVISIVI
Tutt'altra storia, ma geograficamente vicina, quella della Dark Polo Gang, la realtà trap romana più virale e divisiva dell'hip hop italiano. Le coordinate sono il liceo classico Virgilio, Campo de' Fiori, quartiere Monti. In formazione Tony Effe, Dark Side, Dark Pyrex, Dark Wayne e il beatmaker Sick Luke, romani nati tra il 1991 e il 1994, fumano come ciminiere, imprecano volentieri, hanno come marchio tre 7, come i colli, i re e i peccati, sono fieri di essere coatti e swag, sbruffoni che ostentano accessori e abiti griffati, irritanti e totalmente autogestiti e ingestibili.

Il disco Twins è il loro manifesto, ogni video ha almeno 7 milioni di views (Sportswear 20 milioni), fanno serate a pioggia e i ragazzini impazziscono. A loro non interessa stabilire se sia un'ondata modaiola e dei quartieri della Roma-bene. Gli ascolti in streaming, specialmente se gratuiti, hanno rivoluzionato le classifiche dei dischi e questo è il momento d'oro per chi sa essere social, fare il manager di sé ed emergere per un qualche carisma. Conta più che saper cantare, suonare e fare freestyle.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 12 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 27-08-2017 17:44

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno
Video

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno

  • Floris: a dimartedì la satira di Gene Gnocchi, ci occuperemo anche di sport

    Floris: a dimartedì la satira di Gene...

  • Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde Garko con Raoul Bova

    Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde...

  • L'ex velina Alessia Reato: «Tornerò in tv con un ruolo inedito. Intanto Mikaela goditi Striscia la notizia»

    L'ex velina Alessia Reato:...

  • Abel Ferrara, regista: «Roma non sarà mai come Londra, o Parigi»

    Abel Ferrara, regista: «Roma non...

  • Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai della Prova del cuoco: la prima puntata ha rischiato di saltare

    Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai...

  • Valeria Golino nei panni di una non vedente: «Così ho imparato a recitare senza usare gli occhi»

    Valeria Golino nei panni di una non vedente:...

  • Torna Tale e quale show, Carlo Conti: «Sanremo? Meglio fermarsi un attimo»

    Torna Tale e quale show, Carlo Conti:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-08-16 10:35:38
orrenda

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA