Ed Sheeran, il fenomeno: «Canto le storie di tutti»
  • 1
Faccia pulita. Da bravo ragazzo. Ed Sheeran ha lo sguardo di chi non sa di essere una popstar mondiale. Classe 1991. Nazionalità britannica. Nonostante i numeri da capogiro, mantiene salde le origini, si definisce “un grande pesce in un piccolo stagno”, restando con “i piedi per terra”. Di politica non ne vuole sapere. E la sua musica la concepisce “da solo”, come fosse cantastorie di cose semplici. “Divide”, il suo ultimo e terzo album, è record assoluto in 102 Paesi.
 
 


E i due singoli, Shape of You e Castle on the Hill, detengono il trono su Spotify con oltre un miliardo di stream. Il primo batte il record per numero di streaming che fu di Drake, di Adele con Hello, di One Direction con Drag Me Down. Superando What Do You Mean di Justin Bieber. E tutti i brani della Deluxe entrano nella Top 100 Single Digital Chart.

Un successo incredibile. Disco e tour mondiale, in partenza proprio dall’Italia con il sold out del 16 e 17 marzo di Torino. Suonerà solo con la sua chitarra, come nel live straordinario di Wembley?



Continua a leggere sul Messaggero in edicola o sul Messaggero Digital

+TUTTE LE FOTOGALLERY DI SPETTACOLI e CULTURA