ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Manchester, altri due arresti per la strage: presa gran parte della cellula

Manchester, altri due arresti per la strage: presa gran parte della cellula

All'alba di oggi la Greater Manchester Police ha effettuato altri due arresti nell'ambito delle indagini sull'attentato all'Arena di Manchester portando così ad 11 il totale degli arrestati. Si tratta due giovani di 20 e 22 anni. Lo riferisce L'Independent. Nel corso di una serie di incursioni nell'area cittadina di Cheetam Hill la polizia di Manchester ha eseguito un' esplosione controllata

Dalle indagini in corso emerge in modo sempre più evidente che la strage di Manchester è stata preparata meticolosamente, con i crismi d'una vera organizzazione, e covata per un anno nella mente di Salman Abedi: il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici in Gran Bretagna che lunedì si è fatto esplodere all'uscita del concerto d'Ariana Grande uccidendo 22 persone (7 i bambini), lasciandone altrettante sospese fra la vita e la morte e ferendone decine. Non si è trattato insomma di una
vendetta a caldo, né di impulsi sanguinari improvvisi da cane sciolto.

Le indagini non sono ancora riuscite a dare scacco matto a tutti i componenti della cellula che si presume abbia agito, ma sembrano aggiungere un tassello ogni giorno che passa: tanto da far evocare al numero uno dell'antiterrorismo di Scotland Yard, Mark Rowley, «progressi immensi». Mentre si stempera - anche al sole del G7 di Taormina, dove Theresa May incassa il sostegno di Donald Trump e degli altri leader - la tensione tra Gran Bretagna e Usa dopo la ripetuta divulgazione ai media da parte di 007 americani di informazioni riservate d'intelligence condivise fra alleati. E le successive scuse di Washington.

L'allerta nel regno resta intanto al livello
critico - il più elevato - e spunta qualche elemento d'allarme pure per episodi d'odio anti-musulmano moltiplicatisi fino a oltre 50 negli ultimi giorni nell'area di Manchester: opera di «una minoranza», precisa il capo della polizia locale, Ian Hopkins, ma comunque preoccupanti e che «non saranno tollerati». Quanto al filone principale dell'inchiesta, il Times rivela che Abedi e chi lo ha aiutato avevano pianificato tutto. Un conto bancario era stato aperto e lasciato dormiente già un anno fa, per essere poi usato per acquistare il materiale necessario a seminare la morte. E da mesi era stato affittato l'appartamento individuato come covo e luogo d'assemblaggio dell'ordigno fatale: una cosiddetta bomba all'acetone, imbottita di Tatp, esplosivo instabile, ma micidiale conosciuto come la madre di Satana e divenuto atroce biglietto da visita, da Parigi a Bruxelles, delle missioni assassine di molti seguaci e simpatizzanti dell'Isis. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 27 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 28-05-2017 10:53

LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo trailer italiano ufficiale
Video

LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo trailer italiano ufficiale

  • L'assalto dei fans al concerto di Ariana Grande al PalaLottomatica di Roma

    L'assalto dei fans al concerto di Ariana...

  • Storie Maledette, Franca Leosini e l'annuncio che sconforta i fan: «Vi stringo in un forte abbraccio»

    Storie Maledette, Franca Leosini e...

  • Festa della Musica, flash mob Volare in Piazza del Campidoglio, ore 21:21

    Festa della Musica, flash mob Volare in...

  • Addio Roger Moore: la sigla di “Attenti a quei due”

    Addio Roger Moore: la sigla di...

  • Amici, Emma contro Mike Bird: il cantante salta la lezione e lei va su tutte le furie

    Amici, Emma contro Mike Bird: il cantante...

  • Rissa tra Paola Caruso e Raquel: insulti sull’Isola dei Famosi spagnola

    Rissa tra Paola Caruso e Raquel: insulti...

  • Barbara D’Urso compie 60 anni, lacrime in diretta tv e festa privata con amici e "nemici"

    Barbara D’Urso compie 60 anni, lacrime...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-05-27 11:20:19
anche una sola cellula basta locallizare e averla tra le mani per disentigrare tutte le altre che si trovano in inghilterra. Mi raccomando, amici inglesi, con i metodi medioevali queste cellule si pentiranno di essere nati ed emigrati.
2017-05-27 11:39:29
certo che gli 007 potevano o dovevano individuarle prima queste cellule , prima delle stragi.....ora i buoi sono scappati e chiudere la stalla è semplcemente idiota
2017-05-28 06:32:38
Spero che la giustizia inglese venga applicata in maniera rigorosa, anzi esageratamente rigorosa. Questi individui devono rimpiangere il giorno in cui sono nati.
2017-05-28 14:06:35
il mondo occidentale e' prigioniero di 4 barbari, il terrorismo continuera' per molti anni, ormai siamo ricattati, i musulmani non vanno d'accordo fra di loro si uccidono fra sciiti e sunniti e nemmeno con i cristiani, curdi, ebrei, indu', il corano incita alla violenza la religione islamica e' una religione dittatoriale, dove le persone non hanno nessuna liberta', le donne in Arabia Saudita non possono uscire da casa senza un uomo, non possono guidare una macchina o andare in bici, le bambine si possono sposare con degli anziani, non possono andare a scuola, chi si converte o e' un ateo viene ucciso questa e' una religione barbara che non fara' progredire i musulmani e rimarranno fermi nell'anno 600DC, i terroristi che uccidono nel nome del loro dio io li metterei in galera a vita con una catena ed una palla al piede, pane ed acqua, un piccolo maialino in cella, senza uscita d'aria, palestra, biblioteca o studiare con i soldi dei cittadini, il carcere per loro deve essere il loro inferno in terra, d'altronde l'hanno voluto loro, la galera non deve essere un albergo questa gente si e' comportata come bestie feroci quindi bisognerebbe trattarli come bestie feroci. La cultura fa la differenza, Israele che confina con 3 Paesi poverissimi ed arretrati e' un Paese moderno, ricco ed all'avanguardia, come mai questa differenza? Perche' gli israeliani pensano sempre a studiare, sono tutti dottori, scienziati, banchieri, professori, gli arabi controllano se la donna porta il velo e si fanno la guerra fra di loro.

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA