ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Molestie, Catherine Deneuve e le altre donne controcorrente: «Difendiamo la libertà di importunare»

Catherine Deneuve
e le altre donne controcorrente:
«Difendiamo libertà di importunare»

Sacrosanta la denuncia della violenza, controproducente l'onda «puritana» che ha invaso media e social network dopo il caso Weinstein: in prima su Le Monde, lanciano un appello controcorrente un centinaio di donne, attrici, registe, scrittrici, giornaliste. Fra queste, Catherine Deneuve, che dall'inizio della vicenda ha mantenuto una posizione decisamente defilata. Femminismo non significa «odiare gli uomini e la sessualità», proclamano le firmatarie dell'appello in una «tribuna» pubblicata dal quotidiano. Tra le firme, la giornalista Elisabeth Levy e la scrittrice Catherine Millet, molte attrici, artiste, editrici, scrittrici. Tutte d'accordo sul fatto che le iniziative come l'hashtag #metoo siano state meritorie nel «liberare la parola» delle donne. Ma tutte altrettanto decise nel condannare che #metoo abbia «comportato, sulla stampa e sui social network, una campagna di delazioni e accuse pubbliche di individui che, senza che si lasci loro la possibilità di rispondere o di difendersi, vengono messi esattamente sullo stesso piano di violentatori.

Questa giustizia sbrigativa - continuano le donne nella loro denuncia - ha già fatto le sue vittime, uomini puniti nell'esercizio del loro lavoro, costretti a dimettersi, avendo avuto come unico torto quello di aver toccato un ginocchio, tentato di strappare un bacio, o aver parlato di cose intime in una cena di lavoro, o aver inviato messaggi a connotazione sessuale a una donna che non era egualmente attirata sessualmente». Proprio su quest'ultimo punto, la distinzione netta fra la «violenza sessuale», che è «un crimine» e il «rimorchio» che «non è neppure un reato», si concentra la battaglia delle 100 controcorrente: «Noi difendiamo la libertà di importunare, indispensabile alla libertà sessuale», siamo «abbastanza mature» da «non confondere un goffo tentativo di rimorchio da un'aggressione sessuale».

Deneuve e le altre, «in quanto donne», gridano il loro desiderio di «non riconoscersi in questo femminismo che, al di là della denuncia degli abusi di potere, assume il volto dell'odio verso gli uomini e la sessualità». Niente a che vedere con le battaglie giuste e sacrosante, ma la confusione si ritorce contro le stesse vittime: «la donna, oggi, può vigilare affinché il suo stipendio sia uguale a quello di un uomo, ma non sentirsi traumatizzata per tutta la vita se qualcuno le si struscia contro nella metropolitana».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 9 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 11-01-2018 09:56

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»
Video

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»

  • "L'ora più buia", il film su Churchill arriva nelle sale: la clip esclusiva

    "L'ora più buia", il...

  • Arisa e il vero motivo della sua trasformazione: «Non seguirmi più se non ti piace»

    Arisa e il vero motivo della sua...

  • Golden Globe, l'ovazione delle star per Ophrah Winfrey

    Golden Globe, l'ovazione delle star per...

  • Box Office, Jumanji domina il box office ma la sorpresa è Paola Cortellesi - di Gloria Satta

    Box Office, Jumanji domina il box office ma...

  • Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto speciale per ricordarlo

    Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto...

  • X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»

    X Factor 11, Licitra emozionato:...

  • Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

    Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2018-01-09 21:16:33
Speriamo che questa crociata anti stupratori, nel cinema, vada avanti, così se funziona finalmente faranno le attrici quelle brave e no quelle che ci stanno
2018-01-09 21:43:56
e grazie a 75 anni...
2018-01-09 21:54:23
Queste sono le vere donne. Non quelle sciacquette che prina mangiano e poi sputano nel piatto che le ha sfamate. La vita è una lotta, sia per gli uomini che per le donne. Questo vittimismo è fuori tempo. Ora le donne contano qunto gli uomini ed, eventualmente, hanno tutti i mezzi per difendersi. E' tutto protagonismo, speculando sul nulla.
2018-01-09 22:05:14
Ma insomma, la mano morta di può fare o non?
2018-01-09 22:18:11
Toh, una donna intelligente. Non che le altre non lo siano ma ultimamente sui media si dà troppo spazio alle nuove "suffragette" che cercano di sfruttare l'ondata di notorietà degli scandali delle molestie sessuali, molte delle quali inventate ad arte!

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA