ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

I concerti a Roma: da Ludovico Einaudi ai cileni Föllakzoid, dal reggaeton di Daddy Yankee al rock dei White Hills

Ludovico Einaudi (Ansa)

Appuntamenti rock pop jazz da lunedì 12 a domenica 18 giugno
  
LUNEDI' 12 GIUGNO
 
Jazz/Omaggio a Sidney Bechet
Per chi ama il jazz, il clarinetto e il sax soprano di Sidney Bechet (chi non ha mai sentito il Petit Fleur suonato dal grande musicista scomparso nel 1959?) sono indimenticabili, e stasera la New Old Time Jazz Band (Aldo Surio al clarinetto, sax soprano e flauto traverso, Isabella Spacone al piano, Stefano Vittoni al basso e Claudio Montisci alla batteria) gli rende omaggio frugando nel suo folto repertorio.
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 21
 
Chitarre/Justin King al Fonclea
Justin King è un musicista, compositore e multistrumentista americano considerato un maestro del tapping, tecnica che consiste nel produrre al tempo stesso note e ritmi, usata anche da star come Barney Kessel e Tal Farlow, e in Italia da Vittorio Camardese, tutti abilissimi nell'adoperare le dita della mano destra per percuotere le corde sul manico dello strumento generando sia note che suoni. Justin oggi vive nell'Oregon, crea musica per film e televisione e gira il mondo per dare concerti. Tra i suoi progetti figurano anche lavori di fotogiornalismo in Iraq, Haiti e Sudafrica
Fonclea, via Crescenzio 82a, ore 21
 
Jazz/Chiude il San Lorenzo Festival
Una grande orchestra che ospita tutti gli artisti ospiti della manifestazione conclude stasera il San Lorenzo Jazz Festival: sul palco la San Lorenzo Jazz Orchestra e tanti dei musicisti che hanno partecipato alla terza edizione della rassegna. Si farà tardi.
San Lorenzo Jazz Festival, Nuovo Cinema Palazzo, piazza dei Sanniti 9a, ore 21.30
 
MARTEDI' 13 GIUGNO
 
Musica/Einaudi, doppio live a Caracalla
Il pianista e compositore torinese Ludovico Einaudi, ora sessantaduenne,  si muove fra classica, rock, jazz, world music e tanti altri ingredienti, ha fatto mille diverse esperienze nonché esplorazioni (è stato anche direttore e concertatore dell’orchestra La notte della Taranta) e arriva a Roma per un doppio concerto nel quale presenta il suo nuovo album Elements. «E' un disco - spiega - che nasce da un desiderio di ricominciare daccapo, di intraprendere un nuovo percorso di conoscenza. C’erano nuove frontiere che da tempo desideravo indagare: i miti della creazione, la tavola periodica degli elementi, le figure geometriche di Euclide, gli scritti di Kandinsky, la materia sonora, ma anche i colori, i fili d’erba di un prato selvatico, le forme del paesaggio. Per mesi ho vagato dentro una miscela apparentemente caotica d’immagini, pensieri e sensazioni; poi tutto si è gradualmente amalgamato in una danza, come se tutti gli elementi facessero parte di un unico mondo, ed io anche. Questo è Elements. Se non fosse musica sarebbe una mappa dei pensieri, a volte chiari, a volte sovrapposti, punti, linee, figure, frammenti di un discorso interno che non si ferma mai».
Dopo una spiegazione del genere, così intrigante, non si può fare a meno di correre a sentire, a scoprire e ad assaporare il sound ricco e stratificato del pianista e compositore e il mix che unisce con naturalezza suoni acustici, elettrici ed elettronici. Con Einaudi ci sono Federico Meozzi al violino, Redi Hasa al violoncello, Alberto Fabris al basso e live electronics, Francesco Arcuri alle chitarre e Riccardo Lagà alle percussioni. Attenzione, i due appuntamenti romani sono le uniche date italiane del suo tour.
Terme di Caracalla, viale Terme di Caracalla, oggi e domani ore 21
 
Rock/Andy Shauf al Monk
Un cantautore che viene da una piccola città del Saskatchewan, Canada, suona tanti strumenti, registra ancora le sue canzoni con tecniche analogiche e ha la rara capacità di trascinare gli ascoltatori nelle storie che racconta: è Andy Shauf, che nei brani del suo album The Party costruisce e narra personaggi che poi fanno parte della normale vita di tutti i giorni, dalla ragazza che balla da sola al ragazzo che svela i proprii segreti, dalla coppia che litiga sempre a corteggiamenti impossibili. E l'ottimo Andy, un po' rocker e un po' crooner, lo fa in scene musicali dipinte da chitarre distorte, sezioni d’archi, clarinetti e synth, il tutto accompagnato da piano, chitarre acustiche e batteria. Niente male.
Monk Club, via Giuseppe Mirri 35, ore 22  
 
Jazz/Face to Face
Face to Face è il gruppo nato dall'incontro tra il chitarrista Rocco Zifarelli e il vibrafonista Pierpaolo Bisogno, secondo i quali c'è quasi un’attrazione fatale fra i due strumenti e le loro tante potenzialità melodiche, ritmiche, timbriche e armoniche. Con loro suonano Francesco Puglisi al basso e Valerio Vantaggio alla batteria.
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 21
 
Musica/Soundtrack all'Arciliuto
Cinema in Musica. da Casablanca a La vita è bella: è il titolo della serata a base di celebri colonne sonore del pianista Silvano D'Auria, che offre un viaggio tra immagini e suoni mentre sullo schermo scorrono le scene che ci hanno accompagnato in 70 anni di cinema, dall'Humphrey Bogart di Casablanca (1931) al Roberto Benigni di La vita è bella (1997), passando tra i personaggi di Robert De Niro, il grande west di Sergio Leone e la malinconia di Massimo Troisi. Ritroverete le storie che vi hanno emozionato e i ricordi di una vita al cinema in uno spettacolo innovativo e adatto a un pubblico di ogni età.
Arciliuto, piazza Montevecchio 5, ore 21.30 

MERCOLEDI' 14 GIUGNO
 
Rock/ Föllakzoid dal Cile al Monk
Quattro guerrieri psichedelici di Santiago del Cile, dove praticano l'arte del rock e della sua capacità di indurre le platee in stati di trance, dialogando direttamente con altri luoghi, tempi e dimensioni: così si definiscono i Föllakzoid, cioè il vocalist e bassista Juan Pablo Rodrigues, il chitarrista Domingo Garcia-Huidobro, Alfredo Thiermann al synth e Diego Lorca alla batteria. On the road dal 2009, ora vengono considerati come i portatori dello spirito del nuovo rock e la loro ricetta non è nuovissima ma funziona alla perfezione: un cocktail di psichedelia e krautrock che sul palco si trasforma in lunghe jam dai ritmi rigidi e senza tregua, condite da chitarre acide e synth che volano sulla scena. Dopo il debutto li ha lanciati il secondo album intitolato II e inciso nel 2013 per l'etichetta di Brooklin Sacred Bones, poi è arrivato il terzo (titolo ovvio: III) e adesso presentano nel tour europeo l'appena uscito London Sessions, pubblicato anche su vinile.
Monk Club, via Giuseppe Mirri 35, ore 22  

GIOVEDI' 15 GIUGNO
 
Reggaeton/Daddy Yankee a Fiesta
E' per stasera, dopo le serate di presentazione di due settimane fa, il primo vero concerto che inaugura la ricca edizione 2017 di Fiesta, protagonista il reggaeton (mix di dance, ritmi latini, hip hop, elettronica e altri ingredienti) del portoricano Daddy Yankee, icona della musica urbana nonché l’artista latino più ascoltato a livello mondiale. Cantante, rapper e producer, autore di successi mondiali come Shaky Shaky, del tormentone di qualche anno fa Gasolina e di album vendutissimi (si è appena guadagnato diverse nomination ai Latin Music Awards 2017), è il cantante di reggaeton più seguito sui social networks, con 18 milioni di link e 5 milioni di followers, e il suo soprannome più usato è El Rey del Reggaeton. Nato come Ramón Luis Ayala Rodríguez, Daddy Yankee (a Portorico Yankee vuol dire grande e Daddy, naturalmente, papà o padre) ha cominciato giovanissimo a seguire rap e dintorni, diventando poi vocalisrt nonché produttore cinematografico, conduttore radiofonico e imprenditore. Vi divertirete e soprattutto ballerete nello spazio di 4.500 metri quadri del Festival Internazionale di Musica e Cultura Latino Americana diretto come sempre da Mansur Naziri.
Fiesta, Parco Rosati, Eur, via delle Tre Fontane 24, ore 22
 
Pop/Ariana Grande al Palalottomatica
Dopo il doppio live di Manchester, il primo devastasto dal terrorismo (22 morti e 120 feriti) e il secondo a favore delle vittime dell'attentato, la giovane popstar Ariana Grande, origini italoamericane (è nata nel 1993 a Boca Raton, in Florida), diventata famosa grazie al canale televisivo Nickelodeon, dedicato a bambini e ragazzi, prosegue il suo giro eurpoeo di concerti e arriva a Roma con il suo Dangerous Woman Tour, che si chiamava già così molto prima della tragedia in Inghilterra. Idolo delle teenagers, l'attrice e cantante propone i suoi hit in un clima per ovvie ragioni blindato con metal detector e controlli. Vietati bastoni per i selfie, videocamere, iPad, treppiedi, ombrelli, armi, bottiglie, trolley, zaini, borse e così via, sono ammessi solo sacchetti trasparenti. Buon divertimento.
Palalottomatica, piazzale Pier Luigi Nervi, ore 20.30
 
Cantautori/Iesaino' omaggio a Daniele
S'intitola Mal di te il tributo pieno di emozioni che la Iesaino' Band dedica al grande Pino Daniele, ripercorrendo in chiave acustica e fuori dall'ormai comune idea delle cover, le tappe più significative del lungo cammino artistico del cantautore napoletano. Sono la vocalist Giulia Maglione, il chitarrista Andrea Panzera, il pianista Fabio Daniele, il bassista Bruno Pantalone e il batterista Leonardo D'Angelo, con la voce narrante di Maurizio Yorck.
Fonclea, via Crescenzio 82a, ore 21
 
VENERDI' 16 GIUGNO
 
Rock/White Hills da New York
I White Hills sono una rockband americana di grande successo. Nata a New York nel 2005, ha avuto e continua a avere varie formazioni, ma gli unici elementi fissi sono i due fondatori, il vocalist e chitarrista Dave W e la vocalist e bassista Ego Sensation, che nei diversi tour si circondano di altri ottimi musicisti. La loro principale caratteristica è l'abilità di mescolare con disinvoltura davvero tutto, dal krautrock al post-punk, art rock, gothic, psychedelic rock, metal, stoner rock, ambient, musica sperimentale e via di questo passo, restando sempre in bilico sull'orlo del limite. Uno degli ingredienti dei loro show è la capacità di trasformarsi e di usare al tempo stesso strumenti convenzionali e campionatori elettronici per offrire quello che loro definiscono spacerock. Hanno alle spalle tanti dischi e arrivano con un tour europeo di presentazione del nuovo album Stop Mute Defeat, appena uscito, ispirato dalla clubscene newyorkese a cavallo fra anni '70 e '80, e che negli Usa è stato addirittura paragonato a lavori dei Primal Scream e dei Cabaret Voltaire.
Traffic, via Prenestina 738, ore 22
 
Jazz/Mumble Six all'Arciliuto
Ritorna a grande richiesta la formazione The Mumble Six con una personale rivisitazione degli standard del jazz dagli anni '50 ai '70 (ma anche una serie di titoli della miglior tradizione latino americana): sono riletture che usano il linguaggio e le armonie di quel periodo, con arrangiamenti in puro stile hard bop. La band è formata da Lorenzo Fassina (tromba e flicorno), Pasquale Ametrano (sax tenore e flauto), Birte Duking (sax baritono), Giovanni Gea (piano), Roberto Talone (basso elettrico) e Maurizio Calipari (batteria).
Arciliuto, piazza Montevecchio 5, ore 21.30
 
Blues/Tributo a Tom Waits
Il vocalist newyorkese Dave Muldoon, voce calda, profonda e roca, presenta il suo Tom Waits Tribute Show, un omaggio al musicista, cantautore, attore e poeta californiano di Pomona oggi sessantottenne. Della formazione fanno parte il sassofonista Mariano Lucchese, l'organista Marco Farello all'hammond, il chitarrista Domenico Demarinis e il bassista Agostino Marino, tutti, come Muldoon, innamorati della musica di Waits, sofferta ad ogni nota e alla perenne ricerca di un senso smarrito dentro storie in bianco e nero fatte di bar, di notti infinite e di treni persi. E' una bella serata che fa rivivere le canzoni e lo stile di un grande autore della vita.
Cotton Club, via Bellinzona 2, ore 22.30

Jazz/Vince Mendoza all'Elisseo
Compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra, Vince Mendoza, americano del Connecticut, ha scritto brani per Gary Burton, Pat Metheny, Michael Brecker e Charlie Haden, ha arrangiato per loro, per Randy Brecker e per Peter Erskine, ha prodotto e supervisionato dischi di Robbie Williams, Björk e Elvis Costello, insomma è uno con tutte le carte in regola, e stasera, per il Festival Special Guest, dirige la folta Saint Louis Big Band con un repertorio di grandi standard e di brani originali firmati da lui.
Teatro Eliseo, via Nazionale 183, ore 21

Jazz/Ra-di-ci Quintet
Ra-di-ci è un quintetto che vuol fondere l'improvvisazione del jazz con l'elemento base della cultura musicale italiana, cioè la melodia, e ci riesce assai bene. Sono il trombettista Angelo Olivieri, il sassofonista Stefano Negri, il pianista Luigi Di Chiappari, il bassista Riccardo Di Fiandra e il batterista Fabio Casentini.
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 22
 
SABATO 17 GIUGNO

Jazz/Joy Garrison all'Alex
E' sempre un piacere ascoltare la vocalist Joy Garrison, americana ma romana d'adozione, figlia del grande contrabbassista Jimmy, partner di star come John Coltrane, Lennie Tristano, Lee Konitz, Jackie McLean, Pharoah Sanders e alri grandi. Joy è live con Claudio Colasazza al pianoforte, Francesco Puglisi al contrabbasso e Amedeo Ariano alla batteria: jazz vivace e elegante, con tanto di brani originali
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 21.30
 
DOMENICA 18 GIUGNO
 
Jazz/Margutta Swing al Fonclea
Un ottimo trio che ripropone una formazione famosa di Benny Goodman della fine degli anni '30, in piena Swing Era: ecco i Margutta Swing, con un repertorio dei brani più famosi dell'epoca. Sono il clarinettista Stefano Lefevre, il pianista Alberico Di Meo e il batterista Renato Musillo, detto "swing machine".
Fonclea, via Crescenzio 82a, ore 21


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 11 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 17-06-2017 18:13

Paolo Bonolis sbarca su Instagram, ecco cosa fa la moglie
Video

Paolo Bonolis sbarca su Instagram, ecco cosa fa la moglie

  • Charles Aznavour, da tutto il mondo per lo chansonnier senza età

    Charles Aznavour, da tutto il mondo per lo...

  • Pierdavide Carone torna con il quarto album

    Pierdavide Carone torna con il quarto album

  • Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne vorrebbero di uomini come lui»

    Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne...

  • Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo la sua anima

    Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo...

  • LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo trailer italiano ufficiale

    LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo...

  • "Lei non è un uomo...è una merdaccia": il ragionier Fantozzi e la signorina Silvani

    "Lei non è un uomo...è...

  • E’ morto a Roma l’attore Paolo Villaggio

    E’ morto a Roma l’attore Paolo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA