ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Appuntamenti rock pop jazz da lunedì 24 a domenica 30 luglio

Benjamin Clementine


Appuntamenti rock pop jazz da lunedì  24 a domenica 30 luglio
 
LUNEDI' 24 LUGLIO
 
Rock/Renzo Arbore al Parco della Musica
Renzo Arbore ha girato tutto il mondo con la sua Orchestra Italiana, dagli Stati Uniti (memorabile il cnocerto che diedero al Radio City Music Hall) alla Cina, e la macchina musicale che rilegge e rimoderna (ma sempre senza esagerare) le più belle canzoni napoletane e una serie di brani originali, da Il clarinetto in poi, funziona sempre meglio. Ingredienti base dei concerti sono la professionalità e insieme l'entusiasmo dei musicisti, per la maggior parte meridionali, e la voglia di Arbore di offire serate piacevoli, di qualità, mai noiose e all'insegna di una napoletanità che lui, foggiano di nascita, ha assorbito negli anni dell'università e nei concerti, prevalentemente di jazz, che andava a cercare nei localini più sperduti. Se non l'avete mai sentito insieme alla sua folta band, beh, è un appuntamento da non mancare assolutamente. Vi divertirete e scoprirete piccoli e dimenticati tesori della grande canzone napoletana conditi con swing e blues.
Parco della Musica, Cavea, ore 21
 

 

 
Cantautori/Joe Barbieri a Casa del jazz
Fu Pino Daniele il primo a scoprire le canzoni di Joe Barbieri, napoletano annata 1974, e a produrre i suoi primi dischi. Adesso, dopo il precedente Cosmonauta da appartamento, arriva il nuovo album Origami, che Joe presenta stasera da vivo. «Ho vissuto il concepimento di questo disco, dalla scrittura delle canzoni agli arrangiamenti, in prevalente solitudine, alla ricerca dell'essenzialità e dell'estetica più pur di cui potevo essere capace», dice, e ne sono venuti fuori 11 brani nei quali suonano parecchi musicisti doc, come il trombettista Paolo Fresu, che ha incontrato Barbieri nel concerto romano dedicato all'appena scomparso Gianmaria Testa. Bel lavoro, elegante e intimo. Con lui Antonio Fresa (piano), Stefano Jorio (violoncello), Giacomo Pedicini (basso) e Sergio Di Natale (batteria). 
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
Reggae/Luciano Messenjah a Villa Ada
Jamaicano di Davey Town, 53 anni, Luciano Messenjah (vero nome Jepther Washington McClymont, ma grazie alla sua voce potente veniva paragonato a Pavarotti, e fu così che scelse Luciano come nome d'arte) ha cominciato a cantare da ragazzo e si è subito guadagnato il soprannome di "Luci", ovvero portatore di luce, e l'aggiunta del secondo nome The Messenjah, omaggio alla sua fede rasta, lo fece brillare come uno dei fuochi più caldi e luminosi fuochi nel music business dell'isola caraibica. Ha alle spalle quaranta album, l'ultimo dei quali è Rub-A-Dub Market del 2011. Per lui questo disco è la dimostrazione di essere "come un buon vecchio vino d'annata". Lo affiancano Mafia & Fluxy, ritmica inglese formata dai fratelli Heywood, Leroy (basso) e David (percussioni).
Roma Incontra il Mondo, Villa Ada, ore 22
 
Pop elettronico/I francesi Air a Ostia Antica
Gli AIR (sta per Amour, Imagination, Rêve, ovvero amore, immaginazione, sogno), duo nato nel 1995 a Versailles, sono Nicholas Godin (nella vita professore di matematica) e Jean-Benoît Dunckel (architetto), che unirono i loro gusti musicali in un sound originale in equilibrio fra un’elettronica elegante e delicata e un pop molto sofisticato. Considerati fra i principali interpreti della rinascita della musica moderna francese, sono gli eroi del french touch, cioè la contaminazione dell'elettronica con il rock psichedelico e il jazz. Nicholas e Jean-Benoît hanno collaborato con Charlotte Gainsbourg, Jarvis Cocker, Françoise Hardy, Neneh Cherry, Sofia Coppola, Depeche Mode e offrono i loro successi, compresi i brani dell'ultimo album Twentyears.
Teatro Romano di Ostia Antica, viale dei Romagnoli 717, ore 21
 
Rock/Cigarettes a Viteculture
La band dei Cigarettes After Sex, guidata dal fondatore, vocalist, chitarrista e bassista Greg Gonzales, nata nel 2008 in Texas e poi spostata a Brooklin, si muove fra shoegaze e dreampop, s'ispira ai Joy Division e propone i suoi hit e gli ultimi singoli Affection e Keep On Loving You. Con Gonzales ci sono Phillip Tubbs (chitarra e tastiere), Randy Miller (basso) e Jacob Tomsky (batteria).
Viteculture, Ex Dogana, Viale dello Scalo San Lorenzo 10, ore 21
 
MARTEDI'  25 LUGLIO
 

Rock/Satana Manson sbarca a Roma
Il rock alternativo, o se preferite satanico di Marilyn Manson (per decidere il suo nome d'arte, Brian Hugh Warner, americano dell'Ohio, ha scelto un mix fra la deliziosa bellezza di Marilyn Monroe e il serial killer Charles Manson, quello che fece assassinare l'attrice Sharon Tate dai suoi seguaci) sbarca a Roma. Al nord-est numerosi cattolici hanno scatenato proteste e veglie di preghiera nonché scritto lettere al vescovo per cacciare il diabolico rocker e bruciatore di Bibbie, con conseguenti risse fra sindaci e vescovati. In realtà non ne valeva la pena perché il quarantottenne Manson è solo un eccentrico personaggio che gioca sulle provocazioni estreme, su un rock maledetto, su trucchi ed effetti e soprattutto su un pubblico che accoglie le sue gag a braccia aperte. Se vi diverte stare al gioco andate a sentirlo, non ha mai mandato all'inferno nessuno tranne sé stesso. E nei concerti a conti fatti ci sa fare.   
Postepay Rock in Roma, Capannelle, via Appia Nuova 1245, ore 22
 
Cantautori/Benjamin Clementine al Parco
«Sono un espressionista: canto quello che dico, dico quello che sento e sento quello che suono con onestà e nient'altro che onestà»: si presenta così Benjamin Clementine, vocalist londinese di nascita, di origini africane (sembra che i nonni fossero del  Ghana) e cresciuto fra Inghilterra e Francia dove fuggì da ragazzo. Qualcuno l'ha soprannominato «il poeta del soul» perché canta con l'anima e adora la poesia (la sua preferita è Silvia Plath, poi Apollinaire, Baudelaire, Verlaine, Rimbaud e i poeti-cantanti come Leo Ferrè, George Brassens e Jacques Brel, mentre odia Shakespeare), molti hanno paragonato l'intensità del suo canto a quella della grande Nina Simone.
Musicalmente lui adora Claude Debussy, Erik Satie, Leonard Cohen, Leo Ferrè, Nina Simone, Jake Thackray, Jimi Hendrix, Serge Gainsbourg, Aretha Franklin, Lucio Dalla, Giacomo Puccini, Luciano Pavarotti e Maria Callas, e a 29 anni è già una star. Con il suo primo album, At Least For Now, ha vinto il Mercury Prize (l'ha dedicato alle vittime dell'attentato terroristico di Parigi del 13 novembre 2015), oltre a cantare suona piano, chitarra, tastiere e altri strumenti, ha una voce calda e robusta e si muove con disinvoltura tra rock, folk, rhythm & blues e musica d'autore. A Roma propone il suo nuovo spettacolo e il materiale del nuovo album I Tell A Fly: un viaggio attraverso un mondo che cambia di giorno in giorno.
Parco della Musica, Cavea ore  21
 
Rock/Benvegnù e Motta a Villa Ada
Chitarrista, vocali e fondatore degli Scisma, Paolo Benvegnù tre anni dopo Earth Hotel torna con un nuovo album di inediti, H3+. Dedicato allo spazio interstellare, è un racconto futuristico nel quale ogni canzone corrisponde a un capitolo e il protagonista è il misterioso esploratore Victor Neuer. Poi tocca al cantautore toscano Motta, cioè Francesco Motta, ex Criminal Jockers, che con La Fine dei Vent’Anni ha vinto la Targa Tenco 2016 per il miglior album d’esordio, si è piazzato ai primi posti di tutte le classifiche e nell'ultima stagione ha fatto oltre 100 concerti in gran parte sold out.
Roma Incontra il Mondo, Villa Ada, ore 21.30
 
 
MERCOLEDI' 26 LUGLIO
 
Soul/Tom Jones live al Parco
Nonostante i suoi 77 anni suonati a giugno, Tom Jones, o meglio Sir Thomas Jones Woodward, gallese di Pontypridd, sostiene che «non ci sarà un altro Frank Sinatra, non ci sarà un altro Elvis Presley e non ci sarà un altro Tom Jones». E per dimostrare che la sua voce, da sempre orientata tra soul, rhythm & blues, rock e pop, è ancora quella di una volta il vecchio Tom non si risparmia neanche sulle note più acute, come succede nel suo ultimo album Long Lost Suitcase (è il terzo capitolo della trilogia composta da Praise & blame del 2010 e Spirit in the Room del 2012), disco nel quale affronta la rilettura di brani che hanno avuto impatto emotivo sulla sua personalità artistica, come Opportunity to cry di Willie Nelson, Everybody loves a train dei Los Lobos e Factory Girl dei Rolling Stones.
Nel tour il vocalist offrirà insieme alla sua band un viaggio nei suoi successi, da quel Delilah che fu il primo hit a Sex Bomb, She's a Lady e via di questo passo, frugando nei cinquanta album che hanno costellato la sua carriera, compreso Long Lost Suitcase. Volete andare a controllare se la voce di Jones è sempre in regola e ancora "unica"? Sbrigatevi, perché è l'unica data italiana dell'attuale tour europeo.
Parco della Musica, Cavea, ore 21
 
Rock/Wire, sul palco dal 1976
On the road da quarantun anni gli inglesi Wire, nati nel giro degli studfenti del Watford Art College, sono un punto di riferimento del punk-rock britannico e molti li indicano come i precursori della new wave. Hanno realizzato sedici album in continua evoluzione: dall’esordio con Pink Flag a 154, col quale hanno anticipato il sound morbido dei Cure, fino alle incisioni più recenti. Il vocalist e chitarrista Colin Newman (amico e collaboratore du Brian Eno), il vocalist e bassista Graham Lewis, il tastierista Matthew Simms e il batterista Robert Gray presentano in tour la loro ultima fatica discografica. cioè l'album Silver/Lead, in equilibrio fra art-pop, synth-pop e rock, minimale e malinconico insieme. Loro lo chiamano «psichedelic post-punk del ventunesimo secolo».
Roma Incontra il Mondo, Villa Ada, ore 22
 
Jazz/Doppio live alla Casa
Doppio concerto, stasera. In apertura la vocalist norvegese Marit Sandvik e il batterista Maurizio Picchiò presentano dal vivo Travel (eletto miglior album jazz del 2016 in Norvegia), con Maurizio Giammarco al sax, Fulvio Sigurtà alla tromba, Eivind Valnes al piano e Raffaello Pareti al basso. Poi tocca al quartetto del sassofonista Pasquale Innarella (da bambino viveva in un paesino dell'Irpinia che ha visto svuotarsi perché tutti i "terroni" emigravano in giro per il mondo) che con Francesco Lo Cascio (vibrafono), Mauro Nota (contrabbasso) e Roberto Altamura (batteria) presenta il progetto  Migrantes, imperniato su uno dei maggiori problemi dell'Europa e dell'Italia, quello dell'enorme immigrazione dall'Africa. Il concerto è dedicato al contrabbasista Pino Sallusti, recentemente scomparso.
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
Lirica & pop/Incanto Quartet
L'opera incontra il pop con l'Incanto Quartet, cioè le voci di Rossella Ruini, Laura Celletti, Francesca Romana Tiddi e Claudia Coticelli, quattro soprani di formazione classica che amano il buon pop e hanno spesso affiancato Andrea Bocelli. Rileggono alcune delle più belle melodie di tutti i tempi da loro riarmonizzate, con il Venere Ensemble, cioè Claudia Agostini (pianoforte), Zita Mucsi (violino), Marta Cosaro (viola), Rossella Zampiron (violoncello) e Emanuele Montaldo (contrabbasso).
Teatro Romano di Ostia Antica, viale dei Romagnoli 717, ore 21
 
GIOVEDI'  27 LUGLIO
 
Reggae/Boomdabash dal Salento
Che il Salento e la Jamaica avessero punti in comune lo sapavamo da anni, da quando a Mesagne, due passi da Brindisi, nacque 15 anni fa il Sound System dei Boomadabash, che di lì a qualche anno sarebbe diventato una delle band reggae più toste della penisola. I Boomdabash ne hanno fatte tante, dai concerti in Italia a quelli europei, da un tour negli Usa (nel 2012, insieme ai Subsonica e ai Negrita, a New York, Miami e altte città) all'ultimo giro di concerti intitolato In un giorno qualsiasi, come il loro ultimo hit. I vocalist Biggie Bash (Angelo Rogoli) e Payà (Paolo Pagano) e i dj e addetti ai campionatori Blazon (Angelo Cisternino) e Mr. Ketra (Fabio Clemente) continuano a fondere in modo originale e personale reggae, soul, drum and bass e hip hop e il video del loro Portami con te ha superato i 13 milioni di visualizzazioni. Il loro mix di raggae caraibico e sonorità pop ha una bella dose di energia.
Viteculture, Ex Dogana, Viale dello Scalo San Lorenzo 10, ore 21
 
Rock/Carmen Consoli al Parco
All'eterna ricerca della canzone perfetta (ma attenzione, potrebbe continuare per secoli perché lei, bravissima, è comunque una perfezionista insoddisfatta) Carmen Consoli torna in concerto a Roma, Stasera ha al suo fianco una band di sette musicisti che l'hanno già accompagnata nei progetti degli ultimi anni: sono Roccaforte, con lei come chitarrista e mandolinista sin dagli esordi nei piccoli locali catanesi, i violinisti Emilia Belfiore e Adriano Murania (primo violino del Teatro Bellini di Catania, anche alla viola), la violoncellista Claudia della Gatta, Concetta Sapienza ai fiati, le percussioni di Alessandro Monteduro e il pianoforte di Elena Guerriero, da anni assistente e tastierista della cantautrice siciliana.
Parco della Musica, Cavea, ore 21
 
Jazz/Sarah McKenzie a Casa del Jazz
Due anni fa la cantautrice australiana Sarah McKenzie, 28 anni, da Bendigo (è dalle parti di Melbourne), che ha studiato jazz (e l'ha imparato molto bene) al Berklee Music College di Boston, ha debuttato con un bel disco, We Could Be Lovers. Adesso arriva con il nuovo album Paris in the Rain, che racconta con testi sia in inglese che in francese la sua storia: il brano che dà il titolo al cd è infatti la sua lettera d’amore per la città, che ha raggiunto dopo un lungo viaggio dall'Australia all'America e all'Europa. «Sono davvero innamorata di Parigi. É una città sorprendente; è così bella, con così tante cose da fare in campo culturale, gastronomico e di moda, e volevo scrivere una canzone che catturasse tutta la bellezza, la sua magia e il suo spirito». E' brava e ha una splendida voce.
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
Rock/Afterhours a Rock in Roma
Il loro ultimo album Folfiri o Folfox è uscito un anno fa ma ancora trionfa nelle classifiche, e il tour estivo degli Afterhours, la band guidata da Manuel Agnelli, con Rodrigo D’Erasmo al violino, Xabier Iriondo e Stefano Pilia alle chitarre, Roberto Dell’Era al basso e Fabio Rondanini alla batteria, è in un tour estivo di grande successo e sbarca alla rassegna di Roma con i suoi hit e i brani del disco.  
Postepay Rock in Roma, Capannelle, via Appia Nuova 1245, ore 22
 
VENERDI' 28 LUGLIO
 
Pop/Il ritorno di Albano & Romina
Sono la coppia più famosa della nostra pop music, negli ultimi anni si sono riavvicinati per diversi concerti fra Russia e dintorni, ma se volete rivedere Albano Carrisi e Romina Power uno accanto all'altra in carne e ossa, con canzoni come Felicità, Nostalgia canaglia, Ci sarà e via di questo passo, è la serata giusta. Era successo, oltre che all'estero, a Sanremo 2015, ma solo per tre brani. Adesso eccoli in uno spettacolo intero. Litigheranno a fine serata? Forse no, anzi molto probabilmente potrebbe essere l'inizio di una loro nuova (si fa per dire) carriera.
Parco della Musica, Cavea ore 21
 
Rock/Elio & Storie a S. Lorenzo
In teoria quello di stasera potrebbe essere l'ultimo concerto romano di Elio e le Storie Tese, visto che la band ha più volte annunciato che il suo live del prossimo 19 dicembre al milanese Forum di Assago segnerà il ritiro definitivo del gruppo dalle scene. Comunque stiano le cose, un live di Elio è un appuntamento da non mancare perché, a parte il fatto che la formazione sa suonare davvero di tutto, dal rock al jazz, dal barocco al reggae, dalle canzonette al drum'n'bass, dall'opera alla dance, sono garantiti un notevole divertimento e diverse e ovviamente imprevedibili sorprese. Elio, Faso, Cesareo, Meyer, Jantoman e Rocco Tanica sono da non perdere e basta, qualsiasi cosa facciano.
Viteculture, Ex Dogana, Viale dello Scalo San Lorenzo 10, ore 21
 
Jazz/Il grande sax di Charles Lloyd
Charles Lloyd, 79 anni, da Memphis, Tennesee, è una leggenda nonché uno dei grandi sassofonisti viventi. Nato negli anni Trenta in una città che è da sempre una delle capitali del blues, ha collaborato con tutti, da Cannonball Adderley, Eric Dolphy e Ornette Coleman, ai Doors, ai Beach Boys e a Howlin' Wolf. Dalla musica classica contemporanea al gospel, dal jazz d'avanguardia a suoni e timbri esotici, Lloyd concepisce il suo strumento come un'estensione della vocalità umana e il suo "canto" è un centro di gravità per il gruppo, di grande impatto lirico. Ha lanciati diversi pianisti, da Keith Jarrett a Michel Petrucciani, e al suo fianco c'è un quartetto doc formato dal pianista Gerald Clayton, dal contrabbassista Reuben Rogers e dal batterista Eric Harland. Occasione ideale per chi ama il jazz più vivo e coinvolgente.
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
 Cantautori/Cammariere a Villa Adriana
S'intitola Io il nuovo album di Sergio Cammariere, un viaggio fra i suoi brani più amati e diversi brani inediti. Il cantautore (voce e pianoforte) con il sax di Daniele Tittarelli, il basso di Luca Bulgarelli e la batteria di Amedeo Ariano, rilegge e rielabora i suoi primi successi, da Tempo perduto, Via da questo mare e Tutto quello che un uomo a Dalla pace del mare lontano, L'amore non si spiega, Cantautore piccolino. Il tutto saporito di ottimo jazz e  al completo di omaggi ai memorabili cantautori che lo hanno ispirato durante la sua carriera. Roba di classe.
Villa Adriana, Tivoli, ore 21
 
Rock/Radio Rock, festa con Piotta & c.
Radio Rock compie 33 anni e li festeggia con tanti musicisti, band e amici nella rassegna Villaggi possibili. Sia live che in onda appassionati e ascoltatori potranno godersi da Piotta ai 666, nonché Daniele Coccia Paifelman, La Scala Shepard, Folcast, I Santi Bevitori, The Castaway, Mimosa Campironi, Charlotte Cardinale e il dj set a cura di Tatiana Non-dj Selecta fino a tarda notte.   
Roma Incontra il Mondo, Villa Ada, ore 21
 
SABATO 29 LUGLIO
 

World Music/Credo dell'Orchestra di Piazza Vittorio
Dialogo culturale: è per trovare un significato musicale a questa espressione che l'Orchestra di Piazza Vittorio si è messa al lavoro e ha messo su Credo, oratorio interreligioso su testi scritti e scelti da José Tolentino Mendonça, con musiche originali dell’OPV, di Gioachino Rossini, di Benjamin Britten, di Guillame de Machaut, ma anche canti sufi e canti religiosi elaborati. E' un lavoro per nove interpreti di estrazioni completamente diverse che prevede strumenti particolari come la kora, un’arpa-liuto diffusa nella West Africa occidentale, o l’oud, il liuto arabo, accanto al violoncello, al basso elettrico, all’organo, punto fermo della produzione sacra occidentale, senza negarsi il gusto di qualche intervento elettronico. Come tutte le performance dell'Orchestra è un'opera di grande raffinatezza.
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
Cantautori/Marco Masini a Ostia Antica
Nuovo appuntamenti con Marco Masini e il suo tour Spostato di un secondo, intitolato come il suo ultimo disco: il cantautore toscano con la sua band (Alessandro Magnalasche e Stefano Cerisoli alle chitarre elettriche e acustiche, Antonio Iammarino alle tastiere, Cesare Chiodo al basso e Massimiliano Agati alla batteria) offre i brani dell'ultimo album ma anche un viaggio nei suoi numerosi hit, il tutto riveduto e riarrangiato con nuove sonorità electro pop: un Masini moderno, tra brani energici e ballad che valorizzano il suo inconfondibile timbro vocale, con scenografie a led create ad hoc.
Teatro Romano di Ostia Antica, viale dei Romagnoli 717, ore 21
 
Rock/The Stars from Committments
Ricordate il film The Commitments, la divertente avventure di una rockband di Dublino uscito nel 1991? Beh, la band protagonista della pellicola ha continuato a suonare, ha cambiato formazione diverse volte e stasera arriva a Roma. The Stars from The Commitments sono in nove e tra i componenti del gruppo non mancano due interpreti & musicisti, ovvero Kenneth McCluskey (che intepretava il ruolo del bassista Derek 'Meatman' Scully) e Dick Massey (era il batterista Billy 'The Animal' Mooney).
Viteculture, Ex Dogana, Viale dello Scalo San Lorenzo 10, ore 21
 
Cantautori/Neil Hannon al Parco
The Divine Comedy è il nome dietro al quale si nasconde cone one-man-band  il cantautore nordirlandese Neil Hannon, autore di brani a dir poco interessanti, che stasera presenta il suo nuovo album Foreverland, disco che segue a sei anni di distanza il precedente Bang Goes The Knighthood. Registrato tra Irlanda e Londra, scritto, prodotto e arrangiato da Hannon, è un lavoro che si potrebbe definire di orchestral pop e che qualcuno ha descritto come «un patchwork bizantino d’amore, brame e ambizioni imperiali». Al di là dei commenti, Hannon è bravo, ha già dimostrato di esserlo e la sua presentazione del disco è semplice: «Parla dell’incontro con la tua anima gemella e del vivere per sempre felici dopo. E di quel che succede dopo quella felicità - dice . - Preparatevi alla più storicamente inaccurata hit dell’estate».
Parco della Musica, Sala Petrassi, ore 21
 
Rock/Lo Stato Sociale a Postepay
Dopo un grande successo a Milano la band Lo Stato Sociale arriva a Rock in Roma per proporre dal vivo Amore, lavoro e altri miti da sfatare, il nuovo album del gruppo "di cinque ragazzi bolognesi che fanno canzonette”, come si definiscono Alberto "Albi" Cazzola (voce e basso), Francesco "Checco" Draicchio (synth, voce, sequencer), Lodovico "Lodo" Guenzi (voce, chitarra, piano, synth), Alberto "Bebo" Guidetti (drum machine, programmazione, voce) e Enrico "Carota" Roberto (voce e synth). Il nuovo disco arriva due anni dopo il precedente e ottimo L’Italia peggiore.
Postepay Rock in Roma, Capannelle, via Appia Nuova 1245, ore 22
 
DOMENICA 30 LUGLIO
 
Musica/L'Orchestraccia a Villa Ada
L’Orchestraccia è una formazione aperta, nata dall’idea e dalla voglia di un gruppo di attori e cantanti di unire le loro esperienze e confrontarle cercando una forma innovativa di spettacolo, che comprenda musica e teatro: dal folk degli autori romani tra '800 e '900 ai brani di oggi, la formazione riscopre canzoni e poesie che sono patrimonio della nostra cultura. Ne fanno parte attori, cantautori e musicisti, da Marco Conidi a Edoardo Pesce, Luca Angeletti, Giorgio Caputo, Gianfranco Mauto, Salvatore Romano, Fabrizio Lo Cicero, Gianluca D’Alessio. Apre il concerto il rocker e disegnatore Stefano Disegni con la band il Disordine.
Roma Incontra il Mondo, Villa Ada, ore 21
 
Musica/Gli imprevisti di Morgan
Il titolo della serata, Morgan e i suoi Imprevisti, sottolinea l’imprevedibilità e l'estrosità del musicista milanese, che nel suo concerto romano offre brani dell'ultimo album Morgan canta Tenco, ma anche cover di De Andrè (al quale aveva dedicato nel 2005 il cd Non al denaro, non all’amore, nè al cielo) e di un altro grande autore, Sergio Endrigo, più brani originali firmati da Morgan.
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
Pop/Alvaro Soler alla Cavea
Fa tappa a Luglio Suona Bene il Summer tour 2017 dello spagnolo Álvaro Soler. Nel concerto presenterà i brani di Eterno agosto, già disco d'oro in Italia, più i suoi hit come El mismo sol, Sofia, Libre e il nuovo singolo Animal. A 26 anni Soler può vantare 36 dischi d’oro e di platino in tutto il mondo e 200 milioni di stream, a cui si aggiungono le visualizzazioni su YouTube e Vevo dove i suoi video hanno collezionato oltre 450 milioni di view.
Parco della Musica, Cavea, ore 21

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 23 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 30-07-2017 19:08

X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»
Video

X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»

  • Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

    Lacrime ed emozione alla camera ardente di...

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA