ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Cinema, nuovi teatri di posa, laboratori e museo: così rinascerà Cinecittà

Cinema, nuovi teatri di posa, laboratori e museo: così rinascerà Cinecittà

Due grandi teatri di posa da 2000 metri quadrati ognuno, attrezzati anche per la motion capture.  E poi visite guidate ai set, un nuovo Miac (Museo italiano audiovisivo e cinema) , un nuovo polo tecnologico e la riapertura dei laboratori di sviluppo e stampa. Cinecittà, si cambia. Non più mix tra pubblico e privato ma una solida gestione pubblica.

Sono queste le novità annunciate dall'ad e presidente di Cinecittà Luce  Roberto Cicuto nell'incontro a Venezia per gli 80 anni del polo italiano del cinime. «La nuova Cinecittà vuole essere un centro creativo e multitasking. Non ci sarà solo su l'investimento per i teatri di posa, ma anche politiche di prezzi speciali per le opere prime e seconde e i film difficili, così da consentire anche ai giovani di girare negli studi. Nel backlot faremo la sperimentazione per le nuove tecnologie di riprese e gli effetti speciali. Riapriremo i laboratori di sviluppo e stampa dove faremo dei restauri partendo da negativi. Ci saranno due anni di cantiere, un periodo non di perdita ma di investimenti, e dovremmo arrivare al break even nel terzo anno» .

Quando è arrivato a Cinecittà, dice il ministro dei beni e le attività Culturali Dario Franceschini, «avevo sotto il
ministero due volte a settimana la protesta lavoratori degli studios. Probabilmente non ha mai funzionato quel misto di pubblico e privato e lo dico senza voler dare colpe a nessuno. Ora si parte con questo nuovo progetto, che non esclude comunque partnership con i privati». Tutti sappiamo «cosa è stata Cinecittà nel mondo - aggiunge - è importante la conservazione del patrimonio ma lo è anche investire in una grande sfida per
il futuro, puntando sui giovani talenti e l'internazionalizzazione. È una sfida che possiamo vincere»

Gli studi, sottolinea Enrico Bufalini, Direttore Cinema e  Documentaristica di Luce Cinecittà, punteranno anche sulla produzione e allestimento di scenografie e sulle produzioni esecutive, per attirare gli stranieri. E in linea con la legge cinema che prevede fondi anche per i video giochi, creeremo il laboratorio di realtà aumentata e contiamo di portare negli studi il festival del videogioco«. Per attrarre le produzioni internazionali però «»li spazi attuali, 20 studi più i backlot, non bastano. Verranno quindi realizzati nei prossimi 18 mesi due nuovi grandi teatri di 2000 metri quadrati ognuno, attrezzati anche per la motion capture. Così si passerà da 19mila mq a 25
mila«. Il progetto prevede investimenti per »27 milioni di euro, di cui 8 milioni e mezzo vengono dalla legge cinema e gli altri sono autofinanziati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 4 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 05-09-2017 09:18

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno
Video

Toro Scatenato, il film di Scorsese con De Niro sulla vita di La Motta: la scena del pugno

  • Floris: a dimartedì la satira di Gene Gnocchi, ci occuperemo anche di sport

    Floris: a dimartedì la satira di Gene...

  • Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde Garko con Raoul Bova

    Gaffe a Miss Italia, Facchinetti confonde...

  • Abel Ferrara, regista: «Roma non sarà mai come Londra, o Parigi»

    Abel Ferrara, regista: «Roma non...

  • Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai della Prova del cuoco: la prima puntata ha rischiato di saltare

    Maltempo a Roma, allagati gli studi Rai...

  • Valeria Golino nei panni di una non vedente: «Così ho imparato a recitare senza usare gli occhi»

    Valeria Golino nei panni di una non vedente:...

  • Ilary Blasi e Alfonso Signorini: «Vi raccontiamo il nuovo Grande Fratello Vip»

    Ilary Blasi e Alfonso Signorini: «Vi...

  • Paolo Virzì: «The leisure seeker, il mio primo film in inglese: con Ella & John viaggio negli Usa che cambiano»

    Paolo Virzì: «The leisure...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA