ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Sul Gianicolo, a spasso nel Risorgimento: museo gratis per un giorno

Sul Gianicolo, a spasso nel Risorgimento: museo gratis per un giorno

L’Associazione Amilcare Cipriani – Comitato Gianicolo (organizzazione no profit) organizza da tempo con passione visite guidate direttamente sui luoghi dove nel 1849 avvennero gli scontri tra i Garibaldini e i Francesi, che corrispondono oggi al quartiere Monteverde e al parco del Gianicolo. La visita dei posti che videro la resistenza dei repubblicani, comprende il Mausoleo Ossario Gianicolense ove tra le lapidi dei caduti per Roma è il sarcofago in porfido di Goffredo Mameli. Tanto apprezzato il lavoro portato avanti dal presidente Enrico Luciani e molti collaboratori tra cui l’addetto ai rapporti esterni, Roberto Cerulli, e i responsabili del sito web (www.comitatogiaicolo.it) fra tutti il curatore Cesare Balzarro, Claudio Bove e Federico Ciotti «che hanno determinato il successo del sito che è stato scelto per una postazione fissa al Vittoriano, interrogabile dal visitatore», spiegano dal comitato.



L’appuntamento. In occasione della presentazione della postazione dedicata alla Repubblica Romana curata dall’Associazione e dal Comitato, il Museo centrale del Risorgimento offrirà una giornata di visita gratuita al pubblico martedì 3 febbraio: alle ore 13, alle ore 15, alle ore 16.30 (appuntamento- ingresso lato Fori). Al mattino la visita è prevista per i gruppi classe delle scuole, già numerosi.



Il sito (www.comitatogianicolo.it) portato avanti da oltre dieci anni e rinnovato «contribuisce alla valorizzazione della memoria storica della Repubblica romana del 1849 e offre un’ampia panoramica delle attività del Comitato Gianicolo - spiega il presidente Luciani - Una rinnovata veste grafica accoglie il visitatore con immagini scorrevoli che introducono a diversi aspetti della storia della Repubblica Romana. Raccontiamo la difesa di Roma dal punto di vista degli italiani attraverso un imponente apparato iconografico, proveniente dalle collezioni della Biblioteca di storia moderna e contemporanea, del Museo Centrale del Risorgimento, e di collezioni private». Il punto di vista francese si avvale invece «delle litografie di Auguste Raffet tratte dalla serie “Souvenirs d’Italie. Expedition de Rome”, con immagini in possesso dell’Associazione su autorizzazione della Fondazione e Biblioteca Marco Besso: per le singole litografie di Raffet si effettua il link al sito del Louvre che mostra gli schizzi ripresi dall’artista nei luoghi dei combattimenti e gli studi preparatori. Per “Il territorio e i campi di battaglia” oltre ai disegni tecnici e alle mappe della Stato Maggiore francese è possibile fruire della visione a volo d’uccello delle zona degli ultimi combattimenti grazie all’elaborazione elettronica dal quadro di Theodore Jung del 1852 su concessione dei Musées Nationaux francesi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 29 Gennaio 2015 - Ultimo aggiornamento: 19:14

Maurizio Costanzo si arrabbia in diretta con Belen: «Entra e falla finita»
Video

Maurizio Costanzo si arrabbia in diretta con Belen: «Entra e falla finita»

  • Daiana Lou: «Dopo l'addio a X Factor siamo felici come artisti di strada»

    Daiana Lou: «Dopo l'addio a X...

  • Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra: «Napoli sta vivendo un momento magico»

    Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra:...

  • L'intervista doppia: Veronesi e Scicchitano

    L'intervista doppia: Veronesi e...

  • Made in Sud 2017, il comico lascia il programma all'ultimo minuto: il suo messaggio spiazza tutti

    Made in Sud 2017, il comico lascia il...

  • Maria De Filippi, frecciata alla Rai nell'ultima puntata di «C'è posta per te»

    Maria De Filippi, frecciata alla Rai...

  • Lasciati Andare, il trailer ufficiale

    Lasciati Andare, il trailer ufficiale

  • Cristiano De Andrè: «Tutto quello che dice mia figlia Francesca è falso»

    Cristiano De Andrè: «Tutto...

Prev
Next

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA