ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Belcanto, l'eredità di Pavarotti con la voce dei giovani va in scena all'Eliseo

Belcanto, l'eredità di Pavarotti va in scena all'Eliseo

Raccogliere l'eredità di Luciano Pavarotti non è certo una responsabilità semplice da portare. Per farlo, oltre al talento e alla disciplina, sono necessari una passione e un trasporto che non sono da tutti. Una sfida che hanno raccolto i giovani artisti di "Belcanto - The Luciano Pavarotti Heritage", spettacolo musicale in scena al Teatro Eliseo di Roma dal 26 maggio al 18 giugno, dimostrando di esserne all'altezza.

 
«È una bella responsabilità, ma è anche un grande onore e una grande fortuna per noi», racconta a Messaggero Tv uno dei ragazzi del cast, il tenore Michele Silvestri - specialmente perché siamo italiani e lo "sentiamo" particolarmente». Belcanto, che dal 2013 è stato presentato anche a Parigi e a New York e il cui tour dopo Roma toccherà Germania, Austria, Francia e Turchia fino a dicembre, è uno show che è davvero in grado di riproporre il repertorio di Big Luciano, dai classici della lirica al rock 'n' roll, dal "Barbiere di Siviglia" a "Nel blu dipinto di blu" e "O' sole mio": «Si tratta di un excursus musicale dall'epoca barocca fino ai Queen senza tralasciare Verdi e Puccini - spiega il baritono Daniele Antonangeli - È proprio questa la grandezza di Pavarotti: essere riuscito a cantare nei teatri dell'opera più importanti al mondo ma anche ai concerti rock».

Alla direzione artistica dello spettacolo, che si avvale della partecipazione di dodici cantanti, sette musicisti e sette ballerini, c'è Franco Dragone, già famoso a livello mondiale per "Cirque du soleil", mentre la regia è di Gianfranco Covino e la direzione musicale di Pasquale Menchise. Nomi di grande esperienza, insomma, per dirigere dei giovani talenti. «Quella di far lavorare i giovani era la volontà di Luciano - dice il soprano Alessandra Della Croce - ed è per questo che noi siamo stati selezionati dalla Fondazione Pavarotti, per volere di Nicoletta Mantovani, che ha organizzato delle audizioni a Modena».

Ed è così che, insieme ai loro colleghi, Alessandra, Daniele e Michele sono diventati una sorta di "ambasciatori" dell'arte e della musica italiana all'estero. «Ci sono molti italiani che si sono trasferiti fuori dall'Italia che hanno fame e sete della cultura italiana - spiega il tenore - cultura che non riescono a ritrovare fuori dal loro Paese d'origine. Ecco perché la musica lirica e quella tradizionale in genere vanno così bene all'estero (guarda l'esempio de Il Volo, ndr). Li facciamo sentire a casa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 25 Maggio 2016 - Ultimo aggiornamento: 30-05-2016 19:18

Pierdavide Carone torna con il quarto album
Video

Pierdavide Carone torna con il quarto album

  • Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne vorrebbero di uomini come lui»

    Paolo Villaggio, Montesano: «Ce ne...

  • Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo la sua anima

    Pavarotti, Nicoletta Mantovani: racconteremo...

  • LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo trailer italiano ufficiale

    LA MUMMIA con Tom Cruise – Secondo...

  • "Lei non è un uomo...è una merdaccia": il ragionier Fantozzi e la signorina Silvani

    "Lei non è un uomo...è...

  • E’ morto a Roma l’attore Paolo Villaggio

    E’ morto a Roma l’attore Paolo...

  • Fantozzi e la partita di tennis con Filini: «Batti lei»

    Fantozzi e la partita di tennis con Filini:...

  • «Papà, perché mi chiamavano Cita?», Fantozzi con la figlia Mariangela

    «Papà, perché mi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA