ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Lillo e Greg campioni di risate: «Vengono a vederci perché riusciamo ancora a essere originali»

Lillo e Greg campioni di risate: «Vengono a vederci perché riusciamo ancora a essere originali»

Trentuno anni, e dimostrarli tutti. Un’intesa a trecentosessanta gradi, la loro, che sconfina fuori dal palco e lontano dai microfoni. Lillo e Greg sono ormai una coppia di fatto. Vivono a Roma a cento metri di distanza l’uno dall’altro e il loro curriculum è il racconto di un binomio che macina successi, dal teatro al cinema, passando per la radio e l’editoria. Correva l’anno 1986, quando i due si conobbero nella casa editrice di fumetti per la quale lavoravano. Da allora questa unione si è rafforzata, contratto dopo contratto. Una rarità in un mondo, quello dello spettacolo, dove vige la regola del tutti contro tutti.
 

 


«Abbiamo la fortuna di avere gli stessi gusti – dicono, ospiti di MessaggeroTv – e sarà anche per questo che non litighiamo mai. Non succede quasi mai che qualcuno ami in maniera esagerata una cosa, lavorativamente parlando, e che l’altro la odi». Tra gli ultimi “amori” condivisi, quello per “L’uomo che non capiva troppo (reloaded)”, un gioiellino in scena fino al 23 dicembre al teatro Olimpico che sta macinando sold out a ripetizione. Tra gag, dialoghi surreali, personaggi borderline (come la drag queen che vuole conquistare il mondo, la Gran Lodana magistralmente interpretata da Greg), uno spettacolo che sfrutta anche la potenza di scenografie molto cinematografiche. Una messa in scena che ha già fatto registrare 20mila presenze (dopo le 15mila di Carrara, Torino, Bologna e Verona). «Credo che il successo di questo spettacolo sia dipeso dal passaparola, che è stato immediato – dicono i comici - Ma anche la formula che funziona: nell'aria c'è voglia di cose originali, non solo a teatro. Si stanno ripetendo troppe cose nel mondo dello spettacolo e questo rappresenta qualcosa di nuovo».
 


Nelle otto pagine di curriculum caricate sul loro sito hanno un solo “neo”, un’esperienza che cancellerebbero: “I David di Donatello: eravamo fuori posto. Avremmo voluto fare uno show, ci avevano dato carta bianca e, invece, ci siamo ritrovati a fare conduttori”. Se dovessero indicare una coppia comica del passato a cui si ispirano non avrebbero dubbi: «Stanlio e Olio». Anche se un pensiero va anche a Cochi e Renato e a Vianello e Tognazzi. Progetti futuri? «Vogliamo continuare a girare l’Italia con questo spettacolo – dicono – portarlo nei grandi teatri». Se c’è qualcosa a cui non rinuncerebbero? «La musica», risponde sicuro Greg, mentre Lillo non abbandonerebbe mai la recitazione. «E ovviamente la radio, che ormai è la nostra missione quotidiana».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 16 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 29-12-2017 19:21

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»
Video

Maneskin, Ilenia Pastorelli "corteggia" Damiano: «Che je posso da' un bacetto?»

  • "L'ora più buia", il film su Churchill arriva nelle sale: la clip esclusiva

    "L'ora più buia", il...

  • Arisa e il vero motivo della sua trasformazione: «Non seguirmi più se non ti piace»

    Arisa e il vero motivo della sua...

  • Golden Globe, l'ovazione delle star per Ophrah Winfrey

    Golden Globe, l'ovazione delle star per...

  • Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto speciale per ricordarlo

    Tre anni senza Pino Daniele: un cofanetto...

  • X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»

    X Factor 11, Licitra emozionato:...

  • Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

    Ferzan Ozpetek e la visita al Messaggero

  • Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

    Lacrime ed emozione alla camera ardente di...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA