ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Boncompagni, la camera ardente nella sede Rai di via Asiago

Boncompagni, la camera ardente nella sede Rai di via Asiago

Il racconto delle cene improbabili a base di surgelati (fra le "vittime" Paolo Villaggio, che buttò ogni manicaretto dalla finestra), delle marachelle negli studi, come andare a "sfruculiare" i colleghi mentre registravano (tra i più arrabbiati Ubaldo Lai), degli infiniti scherzi, hanno punteggiato la cerimonia laica, che ha mescolato emozione, lacrime e risate, in omaggio a Gianni Boncompagni, oggi nella sede della Radio Rai di Via Asiago, dov'era stata allestita dalla mattina anche la camera ardente.
 

 

A ricordare uno dei padri della radio e della tv italiana moderna, fra gli altri, la figlia Barbara, Renzo Arbore, Giancarlo Magalli, Ambra Angiolini, Irene Ghergo, Roberto D'Agostino, i nipoti Mattia e Brando. Mentre l'amica di una vita e compagna per 10 anni, Raffaella Carrà, molto commossa, ha preferito non salire sul palco della sala B. «Il sodalizio artistico va bene, sono contenta dei complimenti che gli hanno fatto - aveva detto al suo arrivo la Raffa nazionale, circondata da decine di fotografi e telecamere -. Ma io ho potuto vivere con lui e godermi Gianni in casa sua con le sue tre figliole. Mi porterò dietro l'uomo. Gianni se n'è andato piano piano, ha avuto un coraggio da leone, è stato molto sereno. Abbiamo potuto ancora ridere e scherzare, abbracciarlo e dargli tanti bacini fino all'ultimo prima di lasciarlo andare». Poche parole terminate scoppiando a piangere.

La volontà di un omaggio all'insegna della leggerezza è stata chiara fin dall'allestimento della camera ardente: sul palco, davanti al feretro, c'era una versione del quadro "Ritratto di giovane donna" del pittore fiammingo Rogier van der Weyden riveduta e corretta, con la faccia di Boncompagni. Accanto, e sopra la bara, tante corone di fiori, tra cui quella della sindaca di Roma Virginia Raggi, una di rose di "Renzo per i ragazzi di Bandiera Gialla" e un grande cuore di garofani rossi, con un banda gialla, su cui c'era solo una "R". Come sottofondo classici della musica rock e pop anni '60. A rendere omaggio a Boncompagni un fiume di volti noti, tra i quali la presidente della Rai Monica Maggioni («parlare di Boncompagni è come parlare della storia della Rai»), Marisa Laurito, Gigi Proietti, Enrica Bonaccorti, Alba Parietti, Claudia Gerini, Isabella Ferrari, Bruno Vespa, Nino Frassica, Dario Salvatori, Benedicta e Brigitta Boccoli, Roberto Zaccaria, Maurizio Ferrini, Bruno Vespa, i membri del cda Rai Arturo Diaconale, Franco Siddi, Rita Borioni e Carlo Freccero, Enrico Mentana, Walter Veltroni, Marco Travaglio, Barbara Palombelli, Fiordaliso, Marco Giusti, Antonella Mosetti, Laura Freddi, Michele Guardì, Luca Barbarossa, Michele Mirabella.

«Avevamo festeggiato papà a 80 anni con una serata in dress code da Vaticano e lui vestito da Papa. Oggi a quasi 85 anni lo ri-festeggiamo - ha detto Barbara Boncompagni -. È una giornata serena e d'armonia, papà sarebbe contento». Per Arbore «è difficilissimo parlare di Gianni qui a Via Asiago, dove venivamo ogni giorno come se organizzassimo una festa, era la nostra casa» ha detto con la voce rotta dal pianto. Boncompagni per Arbore «è stato sempre avanti e anche stavolta è avanti a me». La radio, ha aggiunto, «è il regno della fantasia, e Gianni era un grande portavoce della fantasia. Lo saluto con affetto».

Ambra, salita sul palco con Irene Ghergo, lo ha definito «un uomo che mi ha insegnato a leggere, a stare al mondo nel modo giusto». E ha aggiunto: «Ho lottato tanto nella mia carriera per togliermi quell'auricolare. Ora però me lo rimetto, sò cazzi senza». Mentre Per Irene Ghergo, coautrice per tanti anni di Boncompagni, «il ventennio insieme è stato straordinario. Non c'è stato amico, amore, amante che mi abbia dato quello che mi ha dato Gianni». Roberto D'Agostino è stato di Boncompagni «un fan, un groupie. La mia vita è cambiata quando sono entrato nell'oratorio laico di Bandiera Gialla». Per Magalli, che ha conosciuto Boncompagni nel '59, «Gianni non solo ha fatto una bella tv, ma ha contribuito a migliorare quella degli altri».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-04-2017 08:37

X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»
Video

X Factor 11, Licitra emozionato: «Dedico la mia vittoria a Zampaglione e a mio nonno»

  • Lacrime ed emozione alla camera ardente di Lando Fiorini

    Lacrime ed emozione alla camera ardente di...

  • Lando Fiorini, il figlio Francesco: «Un grande romanista, ma amato anche dai laziali»

    Lando Fiorini, il figlio Francesco:...

  • "Bevi qualcosa Pedro", il libro di Tullio Solenghi/ La videointervista

    "Bevi qualcosa Pedro", il libro di...

  • Jovanotti presenta «Oh, vita!», il suo ultimo cd e il libro «Sbam»

    Jovanotti presenta «Oh, vita!»,...

  • Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico: «Che emozione, ci festeggiai lo scudetto della Roma»

    Cesare Cremonini sbarca all'Olimpico:...

  • Max Giusti da sempre più “Cattivissimo me” in home video a “Va tutto bene” al teatro Olimpico

    Max Giusti da sempre più...

  • Gianni Morandi "a cento all'ora": canta l'amore con le canzoni d'autore scritte per lui

    Gianni Morandi "a cento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-04-19 12:45:30
«Gianni non solo ha fatto una bella tv, ma ha contribuito a migliorare quella degli altri»....allucinante!!!!

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA