ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Il "caso" Eleonora Brigliadori
e la saggia decisione della Rai

Bene ha fatto la Rai ad espellere Eleonora Brigliadori dal cast di “Pechino Express”, la trasmissione della seconda rete destinata a seguire le imprese di un gruppo di vip e quasi-vip attraverso l’Africa. Le esternazioni dell’ex conduttrice sulle cosiddette “cure alternative” al cancro e soprattutto le sue deliranti affermazioni a proposito del tumore che ha colpito la “Iena” Nadia Toffa attualmente sotto chemioterapia (“chi è causa del suo mal pianga se stesso”) non meritano la ribalta della tv e meno che mai di un canale del servizio pubblico.
Si sa: nella tv più che mai a caccia di audience, certi personaggi vengono ingaggiati proprio per la loro propensione ad esagerare. Si spera che le loro “sparate” facciano impennare lo share, alla faccia della concorrenza. Ma quando è troppo è troppo e l’attuale Rai, che vanta tanti fiori all’occhiello nel segno della qualità (i primi che mi vengono in mente sono programmi come “Petrolio”, “Sono innocente” o tv -movie come “Prima che la notte”) ha fatto la scelta giusta. Di Brigliadori, che afferma di essere morta e poi resuscitata con il nome di Aaron Noel, e delle sue farneticazioni in materia medica nessuno sentirà la mancanza. Meno che mai i malati che, per guarire, hanno bisogno della competenza e delle certezze della scienza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 13:20

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-06-22 01:20:11
Antivaccini, cure alternative, metodo Di Bella, diete assassine per sconfiggere il cancro, per non parlare di pozioni magiche e imposizione delle mani e di santini da parte di sedicenti santoni e santone...Certo, pur di guarire ci si attacca a tutto e a tutti, anche alle invasate asserzioni delle Vanna Marchi mediatiche sui viale dei tramonto professionale e cerebrale. .Bene ha fatto la Rai a liberarsi dell'ennesima ciarlatana venditrice di fumo.
2018-06-22 09:37:08
Ben detto!
2018-06-28 13:51:32
Bene, quale utente che paga da sempre il canone, spero di non vedere e sentire più sulle reti della televisione pubblica le esternazioni di ciarlatani no vax e anti medicina ufficiale, sia dello spettacolo che della politica. La gente è stanca di idiozie, soprattutto quando ad andarci di mezzo è la salute delle persone. Bene sarebbe fare pulizia anche della pubblicità di certi prodotti dietetici e acque minerali spacciandole come miracolosi
2018-06-28 17:47:21
Eppure, codesta Eleonora nata come una brava pilota di aerei senza motore, provenendo da una famiglia di piloti che vantano anche un campione del mondo; di scienza e tecnologia vera poteva essersi consolidata. No, è partita per la tangente nella logica che i tumori, tutti i tumori, sono strani malesseri curabili solo da santoni suoi pari attraverso strane cure palliative. Oggi ci dice che è economicamente nelle ambasce e che i soldi di Pechino Express le avrebbero fatto comodo, però non chiede scusa alla Toffa, però insiste nella sua determinazione. Dice bene Gloria: in Rai certi pensatori strani fanno comodo per l'audience però, dobbiamo ripeterlo sempre: dei pensieri strani della Brigliadori, si muore!
2018-06-30 13:32:26
Cortese Signora Satta, mi consenta di dissentire, per due motivi. Il primo è che appare palese che la Signora esclusa (chimiamola così, per non fare nomi) è malata. Verosimilmente, l'esclusa da Pechino ex. è affetta da delirio di tipo paranoide, con forte impronta mistica. Si deve, pertanto, comprendere i diritti di chi è malato di cancro, e non deve essere svillaneggiato; ma anche quelli di chi è malato di mente e non è responsabile di ciò che dice. Il secondo motivo non c'èentra nulla con il caso in questione, ed è il rispetto della scienza: lasciamo perdere le farneticazioni e le insalate di parole alla Di Bella che tanto vanno di moda al bar e sui social: se una persona, però, dopo essersi documentata ed aver studiato a fondo un argomento drammatico come la neoplasia mammaria, manifesta una idea controcorrente e la argomenta con dati comprovabili e non con chiacchiere da bar: è giusto che la esprima.