ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Jean Louis Trintignant: «Ho il cancro e non combatto più, non faccio neppure la chemio»

Jean Louis Trintignant: «Ho il cancro e non combatto più, non faccio neppure la chemio»

«Le cinema c'est fini», «per me il cinema è finito». A 87 anni, divorato dal cancro e dal lutto mai superato per la morte della figlia Marie, Jean Luis Trintignant attore monumento del cinema francese annuncia a sorpresa in un'intervista a Nice Matin il ritiro dalle scene. Il regista Bruno Dumont lo aveva contattato per un film, lui ha rifiutato: «Un progetto interessante, ma ho avuto paura di non farcela fisicamente» racconta, «Non mi muovo più da solo, ho sempre bisogno di qualcuno che mi stia appresso per dirmi di stare attento».

Quindi basta, anche se solo un anno fa, annunciando alla stampa la malattia, si disse pronto a lottare e deciso a continuare il suo lavoro di sempre, non solo il cinema persino il teatro, da cui era partita la sua favolosa carriera nei lontani anni Cinquanta. Poi l'amarcord: «In fondo non ero tagliato per un mestiere pubblico. Ero incredibilmente timido e poi la notorietà non mi ha mai interessato, la prima volta può essere divertente, poi non più. Anche i premi non li capisco: in fondo noi attori siamo già molto ben pagati, farebbero meglio a dare gli Oscar a chi fa mestieri più duri».

Lui che in settant'anni di carriera ha recitato nei film più famosi e con tutti i più grandi registi del Novecento, protagonista de Il Sorpasso di Dino Risi accanto a Gassman, di Un uomo e una donna di Claude Lelouch, da Z- L'Orgia del potere (che gli vale il premio come miglior attore a Cannes) a Finalmente Domenica di Truffaut, e che nel 1972 rifiutò il ruolo che poi fu di Marlon Brando nell'Ultimo Tango a Parigi di Bertolucci, ribadisce di non farcela proprio più, anche se l'ultimo film nel quale ha lavorato è del 2017 (Happy End di Michael Haneke). È malato e triste, confida di sentire la morte addosso , anzi «Sono quindici anni che sono morto», sottolinea accennando al lutto per lui più pesante, quello per la morte di Marie, la figlia più amata, ammazzata di botte nel 2003 dal compagno cantante Bertrand Cantat.

Un anno fa, nonostante tutto, aveva deciso di continuare a lottare: «Prima avevo paura del cancro, ora non più, ce l'ho», raccontava nell'intervista choc con la quale aveva annunciato la malattia. Per tanti anni il cinema, che lo ha sempre coccolato e amato, era stata anche la terapia per una vita non facile, con due divorzi e la morte prematura anche dell'altra figlia, Pauline. Oggi evidentemente non funziona più. È in cura all'ospedale di Marsiglia ma non è un paziente modello: «Non combatto più. Lascio fare. Non faccio nemmeno la chemio anche se ero pronto a farla». L'intervistatore gli chiede se pensa alla reincarnazione. Lui sbotta: «Assolutamente no! O almeno che sia sotto forma di animale, mi vedrei bene come insetto, sono così piccolo....»


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 20 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 23-07-2018 12:06

La voce di una meraviglia della natura
Video

La voce di una meraviglia della natura

  • Piazza San Cosimato, l'ultima notte del Cinema America

    Piazza San Cosimato, l'ultima notte del...

  • Che fine hanno fatto Tullio Solenghi e Massimo Lopez dopo la morte di Anna Marchesini?

    Che fine hanno fatto Tullio Solenghi e...

  • Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»

    Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li...

  • Alex Britti: «E ora sogno di suonare con Sting»

    Alex Britti: «E ora sogno di suonare...

  • Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp: «I love Rome»

    Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp:...

  • Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona? Solo solo un dj..."

    Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona?...

  • L'INCREDIBILE VIAGGIO DEL FACHIRO | Trailer Italiano - Ken Scott

    L'INCREDIBILE VIAGGIO DEL FACHIRO |...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-07-21 08:48:58
Jean Louis, non fa più la chemioterapia. Ha il cancro. Al sottoscritto è ritornato più aggressivo di 4 anni fa. Jean Louis ha 87 anni; corpo, mente e cuore a pezzi. Il sottoscritto 69 (sto facendo chemio e, dopo questa, l'impianto di cellule staminali entro Ottobre di questo "anno maledetto" Capisco Jean, ormai, la sua resa di "come andrà, andrà a finire". Non gli dò torto. Le ragioni, in queste terribile e invincibile guerra contro "il mostro", sono più che altro personali e da rispettare. Mi fermo quì. Auguro soltanto che Jean Louis non abbia dolore e, come auguro a me stesso, se tutto andrà male, di addormentarci senza dolore. In santa pace. Auguri Jean Luis. PS= Non ci credi Jean Luis, ma posso assicurarti che "lassù qualcuno ci ama"
2018-07-22 09:07:08
una condizione umana nn difficile a dirsi eroica. molti nn l'accettano ed è comprensibile. mia nonna diceva: altro è morire che parlare di morte.

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA