ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Crociata anti-Netflix, autori ed esercenti in rivolta a Venezia: «Iniquo il Leone d'Oro a Cuaron»

Crociata anti-Netflix, autori ed esercenti in rivolta a Venezia: «Iniquo il Leone a Cuaron»

Tutti contro Netflix. Il cinema in rivolta contro il verdetto della giuria di Venezia che ha assegnato il Leone d'oro a Roma di Alfonso Cuaron, prodotto appunto dalla piattaforma di streaming Netflix.
L'Anac (Associazione Nazionale Autori Cinematografici), la Fice (Federazione Italiana Cinema d'Essai) e l'Acec (Associazione Cattolica Esercenti Cinema) definiscono «iniquo che il marchio della Biennale sia veicolo di marketing della piattaforma Netflix» che «sta mettendo in difficoltà il sistema delle sale» e sottolineano che il Leone d'Oro «dovrebbe essere alla portata di tutti» e non dei soli abbonati alla piattaforma. 

 



In una nota, l'Anac, la Fice e l'Acec, «in coerenza con quanto dichiarato in occasione della conferenza stampa della Mostra nel mese di luglio a Roma, ribadiscono la loro contrarietà circa la scelta di aver inserito nel concorso di Venezia alcuni film non destinati alla visione in sala, diversamente da quanto aveva deciso il festival di Cannes. Nel pieno rispetto delle scelte della giuria presieduta da Guillermo del Toro e senza nulla togliere all'alta qualità del film Roma di Alfonso Cuaròn, vincitore del Leone d'oro, Anac, Fice e Acec ritengono iniquo che il marchio della Biennale sia veicolo di marketing della piattaforma Netflix che con risorse ingenti sta mettendo in difficoltà il sistema delle sale cinema italiane ed europee».

«Il Leone d'oro, simbolo della Mostra internazionale d'arte cinematografica da sempre finanziata con risorse pubbliche - affermano ancora - è patrimonio degli spettatori italiani: il film che se ne fregia dovrebbe essere alla portata di tutti, nelle sale di prossimità, e non esclusività dei soli abbonati della piattaforma americana. Anac, Fice e Acec reiterano la richiesta al direttore Barbera di rivedere per il prossimo anno la sua posizione, mentre chiedono al ministro della Cultura di varare con la massima sollecitudine norme che regolino anche da noi come avviene in Francia un'equa cronologia delle uscite sui diversi media».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 9 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 12-09-2018 14:53

L'intervista di Fedez: il suo commento "inaspettato" su Rovazzi e J Ax: cosa ha dichiarato
Video

L'intervista di Fedez: il suo commento "inaspettato" su Rovazzi e J Ax: cosa ha dichiarato

  • Domenica in, frecciatina di Mara Venier per Simona Ventura? L'indizio sospetto

    Domenica in, frecciatina di Mara Venier per...

  • Venezia75, i pronostici del pubblico: "Scontata vittoria di Cuaron con Roma"

    Venezia75, i pronostici del pubblico:...

  • B come sabato, Andrea Delogu e Gabriele Corsi all'esordio

    B come sabato, Andrea Delogu e Gabriele...

  • Cast da paura a Rainbow MagicLand: in 1.800 per diventare zombie nei giorni di Halloween

    Cast da paura a Rainbow MagicLand: in 1.800...

  • Tale e quale, al via l'ottava edizione

    Tale e quale, al via l'ottava edizione

  • Romolo+Giuly, la nuova serie firmata Fox: l'eterna battaglia fra Roma Nord e Roma Sud

    Romolo+Giuly, la nuova serie firmata Fox:...

  • Caterina Balivo presenta il suo "Vieni da me"

    Caterina Balivo presenta il suo "Vieni...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-09-09 16:38:39
Per me la cultura non ha confini né format. Che differenza c'è fra NETFIX e i potentati della distribuzione che decidono come, quando e SE un film debba uscire ?
2018-09-09 17:19:13
Ma il premio deve essere assegnato al miglior film o no? Chi se ne frega del produttore, se il film merita il primo premio ben venga!
2018-09-09 17:52:57
Marketing? Allora cominciate a togliere il tappeto rosso, pardon il red carpet, e tutte le donne semi nude che non c'entrano un bel nulla.
2018-09-10 08:03:55
il festival cinematografico di Venezia essendo finanziato da fondi pubblici italiani dovrebbe avere il diritto di programmarli in tutte le sale italiane, riguardo alle passarelle di favolose signore che sfoggiano la loro bellezza benvengano , non oltraggiano nessuno !!!
2018-09-10 08:10:26
il festival cinematografico di Venezia essendo finanziato da fondi pubblici italiani dovrebbe avere il diritto di programmarli in tutte le sale italiane, riguardo alle passarelle di favolose signore che sfoggiano la loro bellezza benvengano , non oltraggiano nessuno !!!

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA