ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Spuntano i discendenti di Vivian Maier: in gioco un'eredità del valore di milioni di dollari

Spuntano i discendenti di Vivian Maier: in gioco un'eredità del valore di milioni di dollari

Trovati gli eredi di Vivian Maier, l’enigmatica fotografa di strada che si guadagnava da vivere facendo la bambinaia: al termine di un lungo lavoro di ricerca genealogica, dieci cugini della “Mary Poppins di Chicago” ancora vivi quando lei morì nel 2009 potrebbero spartirsi un’eredità valutata ad alcuni milioni di dollari.

Vivian aveva sempre vissuto sola: mai sposata, senza figli né amici stretti che potessero dirla di averla conosciuta a livello personale. Tre anni di ricerche tra archivi locali e parrocchiali hanno ricostruito un albero genealogico con rami in Francia, Slovacchia, Austria e Ungheria. Spetta alla Cook County Probate Court dell’Illinois, a cui si sono rivolti i cugini, stabilire se il diritto all’eredità esiste. Un’udienza è fissata il 17 luglio e c’è un ostacolo da sciogliere: capire se Carl, il fratello di Vivian morto in manicomio in New Jersey, abbia avuto figli.
La richiesta dei cugini, di cui dà notizia il Chicago Tribune, è l’ultimo sviluppo in una saga che ha catturato l’immaginazione del mondo dell’arte da quando le foto della Maier sono state riscoperte, facendo della nanny una star alla Diane Arbus.

Eccentrica, molto intellettuale, feroce nelle sue opinioni ma anche intensamente gelosa della privacy, Vivian, che era nata nel Bronx nel 1926 da madre francese e padre austriaco e cresciuta in Francia, aveva scelto di fare la tata prima a New York e poi a Chicago per dar spazio alla passione della fotografia. Finita in povertà, praticamente in mezzo alla strada, fu salvata da tre «ex bambini» che erano stati affidati alle sue cure. La nanny-fotografa morì in casa di riposo credendo che le sue pellicole - in vita ne sviluppò pochissime - fossero ancora rinchiuse in scatole lasciate in un magazzino che era stato confiscato per mancato pagamento dell’affitto.

Protagonista di un documentario, "Alla ricerca di Vivian Maier" candidato agli Oscar nel 2015, Vivian scattava con la Rolleiflex comprata nel 1952 mentre accompagnava i ragazzini della Chicago-bene al parco o a fare compere. In vita la Mary Poppins/Diane Arbus non aveva mai mostrato quasi a nessuno il frutto del suo lavoro, riscoperto e fatto conoscere da un agente immobiliare, John Maloof, che acquistò i negativi da una casa d’aste e che, inizialmente senza frutto, cercò di proporli a musei e gallerie negli Usa. Senza darsi per vinto, Maloof aveva poi stampato lui l’incredibile produzione, ma siccome Vivian non aveva firmato nessuna liberatoria, il copyright sulla riproduzione delle sue opere spetta per legge agli eredi fino a 70 anni dalla morte.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 7 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:32

Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»
Video

Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»

  • Alex Britti: «E ora sogno di suonare con Sting»

    Alex Britti: «E ora sogno di suonare...

  • Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp: «I love Rome»

    Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp:...

  • Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona? Solo solo un dj..."

    Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona?...

  • Alda D’Eusanio contro la Rai: «Hanno fatto di me carne di porco»

    Alda D’Eusanio contro la Rai:...

  • Nessuno ferma i dinosauri, Dogman resiste nella top ten

    Nessuno ferma i dinosauri, Dogman resiste...

  • Simona Ventura: «Se fossi nata uomo sarei direttore generale della Rai»

    Simona Ventura: «Se fossi nata uomo...

  • Björk annulla il concerto a Roma

    Björk annulla il concerto a Roma

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA