ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Giappone, Youssou N’Dour e Mikhail Baryshnikov fra i vincitori del Praemium Imperiale 2017

Mikhail Baryshnikov ©The Japan Art Association/The Sankei Shimbun

L’iraniana Shirin Neshat per la pittura, il ghanese El Anatsui per la scultura, lo spagnolo Rafael Moneo per l’architettura, il senegalese Youssou N’Dour per la musica e lo statunitense-lettone Mikhail Baryshnikov per il teatro/cinema sono i vincitori del Praemium Imperiale 2017, assegnato dalla Japan Art Association. Gli artisti sono premiati per i risultati conseguiti, per l’influenza da essi esercitata sul mondo dell’arte a livello internazionale e per il contributo dato alla comunità mondiale con la loro attività.

Ciascuno dei cinque vincitori riceverà un premio di 15 milioni di yen (circa 117.000 euro), un diploma e una medaglia conferiti dal Patrono Onorario della Japan Art Association, il Principe Hitachi, durante la cerimonia di premiazione che si svolgerà a Tokyo il prossimo 18 ottobre.

Il Praemium Imperiale, giunto alla ventinovesima edizione, è il più importante premio d’arte esistente e conferisce un prestigio internazionale in campo artistico pari a quello dei Premi Nobel in campo scientifico.

La sua autorevolezza  viene unanimemente riconosciuta anche per l’estremo rigore delle selezioni e della scelta finale dei vincitori. In ciascuno dei sei paesi dei Consiglieri internazionali (Giappone, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania e Italia) appositi Comitati da essi presieduti propongono le candidature per i riconoscimenti annuali. Successivamente, tra queste rose di nomi i Comitati di selezione scelgono i cinque vincitori.

Tra i Consiglieri internazionali figurano statisti ed esponenti di spicco del mondo istituzionale, politico e culturale: Lamberto Dini, Klaus-Dieter Lehmann, William H. Luers, Christopher Patten, Jean-Pierre Raffarin e Yasuhiro Nakasone. Sono Consiglieri onorari Jacques Chirac, David Rockefeller Jr. e François Pinault.

I vincitori del 2017 andranno ad aggiungersi ai 144 artisti già insigniti del premio, tra i quali Claudio Abbado, Gae Aulenti, Ingmar Bergman, Luciano Berio, Cecco Bonanotte, Leonard Bernstein, Peter Brook, Anthony Caro, Enrico Castellani, Christo e Jeanne-Claude, Federico Fellini, Dietrich Fischer-Dieskau, Norman Foster, Frank Gehry, Jean-Luc Godard, David Hockney, Willem de Kooning, Akira Kurosawa, Wolfgang Laib, Sophia Loren, Umberto Mastroianni, Mario Merz, Issey Miyake, Giuseppe Penone, Renzo Piano, Michelangelo Pistoletto, Maya Plisetskaya, Maurizio Pollini, Arnaldo Pomodoro, Robert Rauschenberg, Mstislav Rostropovich, Ravi Shankar, Mitsuko Uchida, Giuliano Vangi.


Inoltre la borsa di studio del Praemium Imperiale 2017 per Giovani Artisti è stata assegnata alla Zoukak Theatre Company and Cultural Association (Libano). Oltre a conferire il Praemium Imperiale in cinque diverse categorie, la Japan Art Association assegna infatti una Borsa annuale di 5 milioni di yen (circa 39.000 euro) a un gruppo o a una istituzione che promuova la partecipazione dei giovani all’arte. Contestualmente all’annuncio dei premiati, in una conferenza stampa presieduta dal Consigliere internazionale americano William Luers, oggi ha avuto luogo a New York la cerimonia di consegna della Borsa di Studio del Praemium Imperiale 2017. Maya Zbib, fondatrice e presidente della Zoukak Theatre Company, ha ricevuto un diploma e il contributo di 5 milioni di yen.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 19:45

Giulia De Lellis, incidente hot: mostra un po’ troppo su Instagram
Video

Giulia De Lellis, incidente hot: mostra un po’ troppo su Instagram

  • Alda D’Eusanio contro la Rai: «Hanno fatto di me carne di porco»

    Alda D’Eusanio contro la Rai:...

  • Valentina Dallari, il dramma dell'anoressia: ecco com'è ora l'ex tronista di Uomini e Donne

    Valentina Dallari, il dramma...

  • Flavio Insinna, cachet milionario per L'Eredità: ecco quanto guadagnerà

    Flavio Insinna, cachet milionario per...

  • Dopo la causa con la Rai, Milo Infante torna in tv con un nuovo programma: dove lo vedremo

    Dopo la causa con la RAI, Milo Infante torna...

  • Mara Venier torna in Rai: «Mi mancherete amici miei», il saluto a Maria De Filippi

    Mara Venier torna in Rai: «Mi...

  • «Faccia di m...a», Belen Rodriguez e i giornalisti: dopo il gesto furioso, l'insulto sui social

    «Faccia di m...a», Belen...

  • Come mai Rovazzi e J-Ax sono spariti dalla vita di Fedez? Ecco svelato il possibile motivo

    Come mai Rovazzi e J-Ax sono spariti dalla...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA