ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Brizzi, 10 ragazze lo accusano di molestie in un servizio delle Iene

Molestie, Brizzi processato in tv:
dieci attrici contro il regista
I racconti choc a Le Iene Video

I volti sono pixelati, le voci camuffate, ma l'accusa è chiara: «Il regista è Fausto Brizzi». Dieci delle testimonianze raccolte dalle Iene nell'inchiesta su violenze e abusi nel mondo del cinema italiano chiamano in causa il cineasta romano, che ieri era uscito allo scoperto per difendersi dai sospetti, sostenendo di non aver «mai avuto rapporti non consenzienti». Oggi però il programma di Italia 1 rimette in fila in una sequenza scioccante le denunce, facendo per la prima volta il nome del regista.

GUARDA IL VIDEO

E l'autore dell'inchiesta, Dino Giarrusso, spiega che «delle decine di mail» arrivate poi in redazione da altre attrici pronte a vuotare il sacco, «una gran parte riguarda ancora una volta Brizzi». «Non vogliamo accanirci su uno solo, non avrebbe senso, i personaggi coinvolti sono molti più di uno - premette l'autore dell'inchiesta -. Lui ha subito replicato, noi vogliamo credergli, ma il racconto di dieci attrici, che pure non si conoscono fra di loro, si somiglia in maniera impressionante». Le uniche due persone intervistate dalle Iene che non hanno chiesto la riservatezza sono Clarissa Marchese, Miss Italia 2014, e la modella Alessandra Giulia Bassi.

Le altre compaiono con i volti oscurati e i loro nomi non vengono resi noti. Nelle testimonianze, la descrizione dello «studio adibito a casa» dove le ragazze venivano invitate per i provini, i primi approcci, i tentativi di «fare i massaggi», le insistenze, «il contatto fisico sempre maggiore» e poi «i modi sempre più aggressivi». Secondo alcuni racconti, il regista «si è spogliato completamente nudo» e ha tentato approcci sempre più pesanti. Alcune raccontano di aver «opposto resistenza», un'altra dice di essere stata costretta a un rapporto sentendosi «immobilizzata: non capivo più niente». Oltre a testimoniare il «disagio» per le violenze subite, le attrici ascoltate dalle Iene spiegano perché non hanno denunciato prima l'accaduto: «Non ho avuto il coraggio di dirlo alla mia famiglia - rivela una di loro - l'ho detto solo a mia madre, ma ho pensato: se lui ci denuncia non abbiamo tutti questi soldi per pagare la causa». Un'altra: «Mi vergognavo come una ladra, avevo paura di non essere creduta». Un'altra ancora: «Alcuni addetti ai lavori mi hanno consigliato di non fare azioni legali».

Giarrusso sottolinea di aver provato a mettersi in contatto con Brizzi per offrirgli la possibilità di dire la sua: «Lo abbiamo cercato in ogni modo, al telefono, allo studio. Siamo pronti ad ascoltarlo in ogni momento, ma siamo pronti ad ascoltare anche tutte le altre ragazze che hanno subito molestie da qualsiasi regista o produttore di cinema o tv». Sul fronte italiano dello scandalo che sta sconvolgendo mezzo mondo interviene oggi anche Dario Argento: ospite di Domenica in, racconta che la figlia Asia, tra le prime a denunciare le violenze subite dall'ex boss della Miramax Harvey Weinstein e non solo, oggi «ha paura, non esce più di casa per timore degli agenti del Mossad (assoldati dal produttore Usa, ndr): questa è gente che spara, che minaccia. Asia teme per la vita sua e dei suoi figli. Ma non si è pentita, anzi è sempre più convinta». L'attrice, che oggi ringrazia il padre su Twitter, ieri era intervenuta contro Brizzi e la sua annunciata difesa legale: «Querelaci tutte, non ci fai paura».


«In riferimento alla trasmissione Le Iene, andata in onda nella serata di oggi, ribadisco di non avere mai avuto rapporti non consenzienti»: sono le parole del regista Fausto Brizzi affidate al suo legale Antonio Marino, dopo le nuove accuse da parte di attrici intervistate nel corso della trasmissione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 12 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2017 08:28

Prince il giorno prima di morire: la star in un video diffuso dalla polizia
Video

Prince il giorno prima di morire: la star in un video diffuso dalla polizia

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Alessia Marcuzzi svela chi avrebbe dovuto vincere L'Isola dei Famosi: le sue dichiarazioni pungenti

    Alessia Marcuzzi: «Ecco chi avrebbe...

  • Grande Fratello, il Ken umano senza capelli: l'incredibile trasformazione di Angelo Sanzio

    Il Ken umano senza capelli:...

  • David Copperfield, svelato il trucco più famoso: spettatore chiede risarcimento

    David Copperfield, svelato il trucco...

  • «Mia madre non voleva che piangessi al funerale di papà»: De Filippi spiazza il pubblico con queste parole

    Maria De Filippi: «Mia madre non...

  • Isola, Giucas Casella salta addosso a Francesca Cipriani: la foto del bacio fa il giro del web

    Giucas Casella salta addosso a Francesca...

  • Barbara D'Urso: «Troppi programmi? Finché me lo chiedono io ci sono»

    "SuperBarbara": «I colleghi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 78 commenti presenti
2017-11-13 00:04:42
Le ragazze stanno cercando il piacere sfrenato della vita, ecco come possono ricevere.
2017-11-13 05:41:07
Ora basta! Le Iene hanno sostituito le procure.. le denunce,con mnome e cognome,vanno fatte alla polizia e non in tv anonimi e allusivi. Ma che schifo è?uno si sveglia la mattina e in teoria può andar a dire qualsiasi cosa anche contro di me? Ma dove viviamo? Finitelaaa..
2017-11-13 07:01:00
Mi spiace per lui, che tutto sommato trovo simpatico. Ma se le voci delle sue molestie ed in qualche caso violenze si aggiungono le une alle altre, si deve trovare di fronte alle sue responsabilita'. E' comunque incredibile che questi signori fossero convinti che il loro modo di fare potesse continuare all'infinito!
2017-11-13 07:49:20
sbatti il mostro in prima pagina. E fai il processo sui media, prima o invece che nei tribunali. Non e' un bel segno di civilta', e non succede solo in Italia
2017-11-13 08:10:32
Asia non esce piu' di casa per paura degli agenti del Mossad??? Be', fenomenale, la barzelletta del secolo.

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA