ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

“Colpisci e scappa”, Johnstone e il noir al ritmo di batteria

La cover del romanzo edito da CasaSirio

Doug Johnstone scrive come un batterista. Perché nella realtà le due cose coincidono, visto che lo scrittore quarantasettenne scozzese di Edimburgo, da una parte colleziona entusiastici commenti da parte di Irvin Welsh, dall’altra ritma jazz e soul come un drummer consumato. E spesso nella vita le contaminazioni producono effetti affascinanti.

Il suo “Colpisci e scappa” edito da CasaSirio (300 pagine, 16 euro) ha una cadenza più veloce di un noir e meno “verticale” di un giallo ma rimane costantemente sui binari dell’uno e dell’altro genere con un equilibrismo invidiabile. Lo stesso equilibrismo che è costretto a mantenere Billy, il protagonista del racconto, giovane giornalista che ha iniziato con un tirocinio in cronaca nera «una realtà che fino a quel momento era stata di una banalità sorprendente, ma a Billy piaceva la semplice chiarezza metodica del lavoro, cercare di fare ordine nel caos della vita vera». L’equilibrismo di Billy consiste proprio nel “mettere una pezza” al caos, a ciò che improvvisamente la vita gli pone davanti come potrebbe accadere a ciascuno di noi. Una sera che s’è ubriacato e impasticcato si mette comunque al volante dell’auto in compagnia del fratello fino a che a fermare la folle corsa non sarà il violento impatto con qualcosa. E quel qualcosa, si saprà più tardi, ha un nome e un cognome: Frank Whitehouse, il più grosso criminale di Edimburgo tra spaccio, prostituzione, riciclaggio. Il botto è impressionante, il corpo lacerato. Chiamare un’ambulanza? Trasportare l’uomo al primo pronto soccorso disponibile sperando che sia ancora in vita? Oppure...Lasciarlo lì, ecco: anzi, trascinarlo un po’ più in là fino a nasconderlo dietro un piccolo dirupo. Ecco, questa sarà la scelta di Billy e di suo fratello: «Saremmo stati arrestati - gli dice Charlie -. Etilometro. Test per le droghe. Prigione. Niente lavoro, niente futuro. Fedina penale macchiata a vita. E tu avresti la peggio, visto che eri al volante...». Il piccolo particolare che sfugge ai due è che quel criminale steso a terra non era ancora morto e sarà ritrovato più lontano dal luogo dell’impatto, dunque è riuscito anche a camminare. 
Quel “Colpisci e scappa” non si rivelerà proprio il giusto doppio imperativo. E Johnstone pensa bene di inoltrarsi nell’inchiesta di un impatto ancora più forte dell’incidente di macchina: quella scossa, Billy se la porterà dietro per l’intero romanzo con un senso di colpa pesante come un blocco di cemento sulla testa e il racconto si trasforma dunque in una sorta di anatomia di una reazione, in uno scavo psicologico nel cervello di Billy diventato più buio di quella notte fatidica e maledetta. Il paradosso noir? A scrivere l’articolo di nera sul “fattaccio” dovrà essere proprio il giornalista Billy...«Una parabola brutale sui nostri tempi» scrive Welsh sul romanzo di Johnstone. Perché, mai come oggi, rivelare la verità su qualcosa è diventata un’impresa quando tutt’intorno regna la menzogna.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 8 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:16

Andrea Perroni in tv con Fan Caraoke: «Ho guidato nudo con la Cuccarini»
Video

Andrea Perroni in tv con Fan Caraoke: «Ho guidato nudo con la Cuccarini»

  • Gabriele Cirilli, 30 anni di carriera a teatro: «E ora vorrei uno show tutto mio in tv»

    Gabriele Cirilli, 30 anni di carriera a...

  • Clamorosa gaffe al GF 15: «Dov'e` il mio telefono?», spunta un cellulare nella casa

    Clamorosa gaffe al GF 15: «Dov'e`...

  • «Sistematici tradimenti di Andrea Damante», il web scatenato sulla rottura con Giulia De Lellis

    «Sistematici tradimenti di...

  • Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»

    Il rapper Jesto: «Ho una storia...

  • Prince il giorno prima di morire, la star in un video diffuso dalla polizia

    Prince il giorno prima di morire: la star in...

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Grande Fratello, l'audio che incastra Veronica Satti: «C'è un cellulare nella Casa»

    Grande Fratello, l'audio che incastra...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA