ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

“Non è colpa mia”, quelle voci senza rimorso di uomini che uccidono le donne

“Non è colpa mia”, quelle voci senza rimorso di uomini che uccidono le donne

Lo Straniero dei nostri giorni è quasi sempre italiano, ama le donne, mangia con loro, dorme con loro, vive con loro. È amico, marito, fidanzato, amante che, poi, troppe volte, si trasforma in assassino. La cronaca ha coniato il termine femminicidio per immortalare un semplice e orrendo omicidio, e la parola, per il genere della vittima, a volte distorce lo sguardo e persino il giudizio. Non fa così Vanna Ugolini, giornalista pura, cronista puntuale ed empatica del Messaggero, scrittrice e presidente dell'associazione Libertas Margot che si occupa proprio di violenza di genere.

Nel libro “Non è colpa mia”, scritto a quattro mani con la psicologa e psicoterapeuta Lucia Magionami, racconta la banalità del male, la normalità del male. E lo fa portando se stessa, il cuore e la mente, e dunque tutti noi, davanti a tre assassini, Luca, Giacomo, Luigi. Tre uomini normali: un addetto alle pulizie, un manager e un contadino.
Vanna Ugolini li ha cercati in carcere. Ha chiesto loro il perché. Perché hanno ucciso la moglie? Nessuno dei tre si è assunto la responsabilità dell'omicidio: «Non è colpa mia» . Culture diverse, modi differenti, silenzi o frasi spezzettate («la tradivo un attimino») , oppure allocuzioni manipolatorie, per tutti e tre c'è stato qualcosa che li ha indotti a uccidere: «c'era la neve e non ho parlato con l'amica», «c'era uno specchio e l'ho vista con un altro», «stavo sul trattore e l'acceleratore è andato».




Ed è qui che risuona il carattere di Meursault, protagonista dello Straniero di Camus, che uccide in fondo perché «faceva caldo». È un uomo senza mappa morale, senza più cardini culturali, senza più radici, un uomo del nostro tempo.

EMOZIONI
Non mostrano rimorsi nelle interviste, secche, senza retorica, coinvolgenti. E nel testo magistralmente orchestrato - tanto da essere pronto per una pièce teatrale - risalta chiaro il deserto emotivo. Non ci sono scatti d'ira, anzi le autrici lo sottolineano con forza che il raptus in psicologia e psichiatria non esiste e perciò non è un termine scientifico che possa spiegare il comportamento dell'uomo che uccide la sua compagna. Neanche nelle inchieste giornalistiche che spesso lo usano quasi per lenire l'orrore.

No, il percorso verso il femminicidio, è una via normale, fatta di vita normale, magari di silenzi che amplificano preconcetti e cristallizzano l'inespressività dei sentimenti e l'incapacità del dialogo. Non si riconosce e non si accetta il diverso da sè, lo spiega Lucia Magionami. E alla fine il nocciolo è lì: «Arriviamo a un punto e decidiamo se usare la ragione o la forza». E in questo assegnare alla violenza, e quindi alla non violenza, il carattere di scelta c'è la possibilità di una cambiamento sociale. Quasi un messaggio di speranza. Purtroppo lo Straniero, che è tra noi, ancora non lo sa.

Lucia Magionami e Vanna Ugolini
Non è colpa mia
Morlacchi Editore
280 pagine
14 euro 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 17 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 06-12-2017 15:35

Prince il giorno prima di morire: la star in un video diffuso dalla polizia
Video

Prince il giorno prima di morire: la star in un video diffuso dalla polizia

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Alessia Marcuzzi svela chi avrebbe dovuto vincere L'Isola dei Famosi: le sue dichiarazioni pungenti

    Alessia Marcuzzi: «Ecco chi avrebbe...

  • Grande Fratello, il Ken umano senza capelli: l'incredibile trasformazione di Angelo Sanzio

    Il Ken umano senza capelli:...

  • «Mia madre non voleva che piangessi al funerale di papà»: De Filippi spiazza il pubblico con queste parole

    Maria De Filippi: «Mia madre non...

  • Isola, Giucas Casella salta addosso a Francesca Cipriani: la foto del bacio fa il giro del web

    Giucas Casella salta addosso a Francesca...

  • Barbara D'Urso: «Troppi programmi? Finché me lo chiedono io ci sono»

    "SuperBarbara": «I colleghi...

  • Addio al regista Vittorio Taviani

    Addio al regista Vittorio Taviani

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA