ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Bob Dylan diventa crooner in un cd per matrimoni gay

Kesha e Bob Dylan

 Da menestrello e icona della controcultura negli anni Sessanta, a spot-man per Victoriàs Secret e Cadillac all'inizio del Millennio. Da premio Nobel per la Letteratura nel 2016, a «crooner» per matrimoni gay a Las Vegas. Bob Dylan, in questi giorni in Italia con il suo «Never Ending Tour», torna ancora una volta a reinventarsi. «She's Funny That Way», una canzone del 1929 che tra i suoi interpreti celebri ebbe anche Frank Sinatra, è stata modificata da «Mr. Tambourine Man» cambiando il pronome da femminile a maschile: «He's Funny That Way». Il brano è uno dei sei incluso nel nuovo «EP» intitolato «Universal Love» uscito oggi negli Usa.
«The Times They Are A-Changin'», come nel leggendario brano dell'ex Robert Zimermann che il giudice conservatore della Corte Suprema Anthony Scalia intonò sdegnato dopo che i suoi colleghi, lui dissenziente, avevano legittimato nel 2015 i matrimoni omosessuali. Gli interpreti di «Universal Love», tra cui Kesha e St. Vincent, hanno rivisto in chiave gay una serie di famosi successi pop. «Se pensi alla storia della musica degli ultimi decenni, le canzoni hanno in maggioranza una prospettiva eterosessuale», ha detto Tom Murphy, uno dei produttori: «Non dovremmo invece mettere queste canzoni popolari alla portata di tutti?».
L'album è stato finanziato da MGM Resorts International con l'idea che le nuove «cover» diventino brani da suonare nelle cerimonie. Le nozze gay rappresentano tra il 20 e il 30 per cento di tutte le unioni celebrate nei 15 alberghi della catena del gruppo a Las Vegas, ha spiegato il Ceo Jim Murren. Per il progetto, Ben Gibbard, il frontman di Death Cab for Cutie, ha scelto di trasformare «And I Love Her» dei Beatles in «And I Love Him»: «È una canzone che mio papà cantava alla mamma la sera a cena, ed è anche un brano che conoscono tutti», ha spiegato. Kesha ha cambiato «I Need a Man to Love» di Janis Joplin in version lesbica: «I Need a Woman to Love». Valerie June, che l'anno scorso ha presenziato al primo matrimonio gay della sua vita, ha trasformato «Mad about a Boy» in edition femminile aggiungendo un'altro livello di significato per il fatto che Noel Coward, l'autore del brano, era omosessuale e la versione che registrò nel 1932 non fu messa in vendita a causa del prevalente clima di omofobia. Quanto a Dylan non ha voluto, come prevedibile, commentare la sua partecipazione all'album, ma «quando glielo abbiamo chiesto ha detto subito sì», ha raccontato l'altro produttore Rob Kaplan: «E non è stato soltanto un sì: ha aggiunto che aveva un'idea per la canzone».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 6 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 08-04-2018 11:35

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»
Video

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»

  • Prince il giorno prima di morire, la star in un video diffuso dalla polizia

    Prince il giorno prima di morire: la star in...

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Grande Fratello, l'audio che incastra Veronica Satti: «C'è un cellulare nella Casa»

    Grande Fratello, l'audio che incastra...

  • Alessia Marcuzzi svela chi avrebbe dovuto vincere L'Isola dei Famosi: le sue dichiarazioni pungenti

    Alessia Marcuzzi: «Ecco chi avrebbe...

  • Grande Fratello, il Ken umano senza capelli: l'incredibile trasformazione di Angelo Sanzio

    Il Ken umano senza capelli:...

  • David Copperfield, svelato il trucco più famoso: spettatore chiede risarcimento

    David Copperfield, svelato il trucco...

  • «Mia madre non voleva che piangessi al funerale di papà»: De Filippi spiazza il pubblico con queste parole

    Maria De Filippi: «Mia madre non...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA