ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Lando Fiorini, da meccanico di biciclette, a barbiere, a facchino: poi il successo

Lando Fiorini, da meccanico di biciclette, a barbiere, a facchino: poi il successo

«Ma come, me ne devo anna' ancora giovane, io che non ho mai bevuto, non me so’ mai drogato, il massimo der vizio un piatto de bucatini?». Così diceva Lando Fiorini la prima volta che si ammalò nel 2003, e infatti aveva lottato e si era ripreso, fino al 2014 ha provato con tutte le sue forze ad animare e rianimare la sua creatura storica, 50 anni tra pochi mesi, il Puff di Trastevere. Lo aveva trasformato in un contenitore laboratorio e il “Giovedì a casa di Lando” si alternavano i comici migliori nati e cresciuti nella capitale, come Enrico Brignano.

Oggi il cabaret della romanità recitata e cantata lo tiene in piedi suo figlio Francesco, che ha dato l'annuncio della morte di Lando. 79 anni, sulla scena del 1962, quando esordì nel mondo dello spettacolo al teatro Sistina con un musical evergreen, Rugantino. Lando Fiorini si definiva un cantattore, chiacchiere e canzoni, ma con grande studio perché “per far ridere non ci si improvvisa, far ridere è una cosa seria”. Sapeva negli ultimi anni di rappresentare un mondo scomparso, che la romanità non è riuscita nell'impresa difficile di internazionalizzarsi alla napoletana, e nemmeno di radicarsi tra i più giovani.

 

Resta una tradizione di nicchia, cara a coloro che di Roma amano molto un certo ricordo scanzonato e popolano, e cara naturalmente ai tifosi giallorossi. Per loro Lando Fiorini aveva composto un inno, e tra loro, i ragazzi della sua Roma, era ancora un'icona. Era bravo Lando Fiorini, nato Leopoldo, ultimo di 8 figli di una famiglia così povera che lo diede a una famiglia di Modena perché lo crescesse. Ma appena ragazzo, lui se ne tornò nella sua Trastevere, e per restarci fece qualunque mestiere: il meccanico di biciclette, il barbiere, il facchino ai mercati generali, che allora stavano a via Ostiense, ed erano lo stomaco e le viscere della capitale. Scoprì la vocazione del cantante, riuscì ad andare al Cantagiro, poi piacque la sua bella faccia di popolano romano schietto a Garinei e Giovannini, e arrivò il Rugantino, faceva il cantastorie e cantava “Ciumachella de Trastevere”.

Da allora successi ne ha avuti tanti, poi qualche delusione. Prima di tutto le canzoni di 50 anni di carriera: "Stornellata romana", "Pe' lungo Tevere", "Barcarolo romano", "Ciumachella de Trastevere", "Semo gente de borgata", "Na preghiera pe' Roma sparita", "Nun je dà retta Roma", "Chitarra romana", "Roma in saccoccia...". Poi tanta televisione: Canzonissima e “er Lando Furioso”, sigle di sceneggiati storici come “Il segno del comando", partnership con Macario e Walter Chiari. Ma fin dal 1962 si era vaccinato dalle mode e garantito la sua creatura, Il Puff, quello spazio non glielo poteva togliere nessuno. Addio a Lando, il Puff resta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 9 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 10-12-2017 01:09

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»
Video

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»

  • Prince il giorno prima di morire, la star in un video diffuso dalla polizia

    Prince il giorno prima di morire: la star in...

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Grande Fratello, l'audio che incastra Veronica Satti: «C'è un cellulare nella Casa»

    Grande Fratello, l'audio che incastra...

  • Alessia Marcuzzi svela chi avrebbe dovuto vincere L'Isola dei Famosi: le sue dichiarazioni pungenti

    Alessia Marcuzzi: «Ecco chi avrebbe...

  • Grande Fratello, il Ken umano senza capelli: l'incredibile trasformazione di Angelo Sanzio

    Il Ken umano senza capelli:...

  • David Copperfield, svelato il trucco più famoso: spettatore chiede risarcimento

    David Copperfield, svelato il trucco...

  • «Mia madre non voleva che piangessi al funerale di papà»: De Filippi spiazza il pubblico con queste parole

    Maria De Filippi: «Mia madre non...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA