ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Tornano i Maneskin, ecco il primo inedito (in italiano) "Morirò da re"

Ecco il primo inedito in italiano "Morirò da re"

I Måneskin, gruppo rivelazione del 2017, pubblicano il loro nuovo, esplosivo singolo: “Morirò da re” (Sony Music). Primo inedito in italiano, il brano, che anticipa l’album, sarà in rotazione in radio e su tutte le piattaforme digitali a partire dal 23 marzo 2018, ed è da oggi in preorder su iTunes e presave su Spotify.

Il brano è stato suonato per la prima volta alla Santeria di Milano.

«Con la personalità - dice una nota della casa discografica -  il carisma e lo stile ormai iconico, che li rendono unici nel panorama musicale, i Måneskin propongono un brano scritto e prodotto da loro, libero da ogni etichetta tradizionale e capace di racchiudere in sé generi diversi, in grado di trasmettere una sonorità fresca.Un sound unico e inimitabile caratterizza il pezzo, dominato da un perfetto equilibrio tra rock e pop grazie al timbro inconfondibile di Damiano, il frontman della band».



Dopo aver scalato le classifiche con il loro primo inedito “Chosen”, certificato disco di platino (sia il singolo che l’omonimo EP, pubblicati da Sony Music), che ha raggiunto milioni di streaming e più di otto milioni e mezzo di visualizzazioni su VEVO/YouTube, i Måneskin presenteranno “Morirò da re” per la prima volta live durante il concerto di Milano del 21 marzo.
 
 


I Måneskin sono un gruppo romano composto da quattro ragazzi tra i 17 e i 19 anni: Damiano (cantante), Victoria (bassista), Thomas (chitarrista) ed Ethan (batterista). Il nome viene dal danese, paese d’origine della bassista, e significa “chiaro di luna”. Alcuni dei componenti si conoscono fin dai tempi delle medie, ma è solo nel 2015 che i ragazzi iniziano a suonare insieme. Il sound della band è caratterizzato dalle diverse influenze musicali dei membri: un mix di rock, rap/hip hop, reggae, funky e pop, il tutto tenuto insieme dalla voce soul di Damiano, frontman del gruppo.

La band ha registrato sold out in poche ore in tutte le 21 date del primo tour (febbraio/aprile 2018). 

La band sarà in tour ancora fino al 22 aprile, per poi tornare a esibirsi dal vivo sui palchi delle principali città italiane per dieci date: un nuovo imperdibile show che non mancherà di travolgere il pubblico con la carica e l’irriverenza, proprie dei grandi miti del rock’n’roll e caratteristica del giovane gruppo.

Ecco il CALENDARIO TOUR AUTUNNALE 2018:
sabato 10 novembre 2018 – SENIGALLIA (ANCONA) – MAMAMIA – DATA ZERO giovedì 15 novembre 2018 - PADOVA - GRAN TEATRO GEOX sabato 17 novembre 2018 – BOLOGNA - ESTRAGON sabato 24 novembre 2018 – MILANO - FABRIQUE venerdì 30 novembre 2018 – BARI – DEMODÈ CLUB sabato 1 dicembre 2018 – NAPOLI - CASA DELLA MUSICA giovedì 6 dicembre 2018 – BRESCIA - GRAN TEATRO MORATO domenica 9 dicembre 2018 – VENARIA REALE (TO) - TEATRO DELLA CONCORDIA mercoledì 12 dicembre 2018 – FIRENZE - OBIHALL sabato 15 dicembre 2018 – ROMA – ATLANTICO LIVE


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-04-2018 15:57

Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»
Video

Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»

  • Alex Britti: «E ora sogno di suonare con Sting»

    Alex Britti: «E ora sogno di suonare...

  • Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp: «I love Rome»

    Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp:...

  • Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona? Solo solo un dj..."

    Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona?...

  • Alda D’Eusanio contro la Rai: «Hanno fatto di me carne di porco»

    Alda D’Eusanio contro la Rai:...

  • Nessuno ferma i dinosauri, Dogman resiste nella top ten

    Nessuno ferma i dinosauri, Dogman resiste...

  • Simona Ventura: «Se fossi nata uomo sarei direttore generale della Rai»

    Simona Ventura: «Se fossi nata uomo...

  • Björk annulla il concerto a Roma

    Björk annulla il concerto a Roma

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-22 11:03:26
Fenomeni da baraccone seguito da persone che di musica non capiscono niente. .tra poco scompariranno come tanti poveri altri. .povera musica
2018-04-09 12:44:26
troppo troppo pompati dai media. Ragazzini con un ottimo potenziale che devono ancora dimostrare tutto. L'esaltazione che se ne sta facendo è assolutamente deleteria

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA