ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, show a sorpresa di Luca Barbarossa nella metro A: «Roma è di tutti perché sa accogliere»

Show a sorpresa nella metro di Luca Barbarossa

Sorpresa in metro: tra i tornelli della stazione Repubblica appare Luca Barbarossa, insieme a due musicisti – Francesco Valente alla chitarra elettrica e Maurizio Mariani al basso -, chitarra acustica in mano e microfono, in versione busker. L'occasione è la presentazione del concerto del prossimo 29 giugno alla Cavea dell'Auditorium Parco della Musica, per festeggiare Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma con gli stornelli e le canzoni in romano dell'ultimo lavoro di Barbarossa, “Roma è de tutti”: «Roma ha sempre accolto. Da straniero ci vogliono 15 giorni per diventare romano a tutti gli effetti. Ed è quello che canto in questo disco» dice Barbarossa, introducendo il mini concerto per gli utenti della metropolitana, che a poco a poco formano un capannello che, cellulare alla mano, catturano brevi momenti dell'esibizione da custodire nelle memorie personali e degli smartphone.

 


Quattro i brani cantati da Barbarossa, dalla sanremese “Passami il Sale”, alla title track dell'album e del tour “Roma è de tutti”, a “Madur – Morte accidentale di un romano”, dal sapore un po' western, fino a “La dieta”, in cui racconta di una storia d'amore attraverso i piatti della tradizione culinaria romana. «Roma è sorprendente, riesce ad abbracciare le persone, perché così abituata a vedere tutto, come canto in un brano: “Roma è fatta apposta pe fa mischià la gente. Nisuno è più romano di chi romano ce se sente”».

L'affetto dei fan, sorpresi dal flash mob del cantautore, ha travolto Barbarossa – vestito con una maglia raffigurante il cantautore americano Woody Guthrie: «Me l'hanno fatta i miei figli» - letteralmente assalito per un autografo, un selfie, una stretta di mano, una battuta sagace, alle quali non si è sottratto, ricambiando il sentimento mostratogli. Dopo aver messo nelle custodie gli strumenti è tempo di prendere la linea A fino alla stazione San Giovanni, in cui è in programma il secondo mini concerto. Nel tragitto, c'è stato tempo per una improvvisazione musicale nei vagoni, e di un paio di gag con qualche viaggiatore, con Barbarossa che ha risposto al telefono al posto loro, dialogando simpaticamente con gli interlocutori dall'altra parte dell'apparecchio.

 
 


A San Giovanni il copione si è ripetuto pressoché identico, con un pubblico esterrefatto dalla presenza di uno dei propri idoli musicali, lì a due passi da loro per un'esibizione inattesa. Al termine del mini-show applausi e sorrisi per Barbarossa e i suoi due sodali e appuntamento al 29 giugno: «Ci saranno più musicisti, schermo con videografiche artistiche e ospiti a sorpresa straordinari», ricorda il cantautore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 18 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 19-06-2018 13:01

Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»
Video

Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»

  • Alex Britti: «E ora sogno di suonare con Sting»

    Alex Britti: «E ora sogno di suonare...

  • Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp: «I love Rome»

    Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp:...

  • Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona? Solo solo un dj..."

    Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona?...

  • L'INCREDIBILE VIAGGIO DEL FACHIRO | Trailer Italiano - Ken Scott

    L'INCREDIBILE VIAGGIO DEL FACHIRO |...

  • Alda D’Eusanio contro la Rai: «Hanno fatto di me carne di porco»

    Alda D’Eusanio contro la Rai:...

  • Nessuno ferma i dinosauri, Dogman resiste nella top ten

    Nessuno ferma i dinosauri, Dogman resiste...

  • Simona Ventura: «Se fossi nata uomo sarei direttore generale della Rai»

    Simona Ventura: «Se fossi nata uomo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-06-18 19:16:35
Bla bla bla 10 minuti in metropolitana per promuovere il suo disco poi se je torna nel suo mondo anestetizzato e la metropolitana non la rivede più. Gente ridicola
2018-06-18 22:23:33
Un altro in cerca di pubblicità. Gratis. In perfetto Radical Chic Style....
2018-06-19 11:14:13
La morte del vinile ha costretto molti come lui a cantare dal vivo per vivere, se ne è accorto anche Vasco. È finita l'era in cui con un 45 giri ci si arricchiva se la canzone era azzeccata vendendo un milione di copie. I CD non rendono e si scarica tutto da internet a gratis.
2018-06-19 13:10:03
Occhio che nella metro ti potrebbe sparire magicamente la chitarra...

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA