ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, il Macro diventa "asilo" dell'arte contemporanea: Giorgio De Finis nuovo direttore

Roma, il Macro diventa "asilo" dell'arte contemporanea: Giorgio De Finis nuovo direttore

Annunciato da mesi di rumors (e non poche polemiche), è stato ufficializzato oggi Giorgio De Finis come nuovo direttore del Macro di Via Nizza. In una conferenza stampa fiume, affollata da tanti sodali supporter, con tanto di maestro come Michelangelo Pistoletto a fargli da testimonial, De Finis, il curatore "squatter" come è stato spesso definito per essere l'ideatore del MAAM - Museo dell'Altro e dell'Altrove di Metropoliz messo in campo nell'ex fabbrica della Fiorucci salumi occupata sulla via Prenestina, ha illustrato il  programma del progetto artistico "Macro asilo" che durerà da ottobre 2018 al 31 dicembre del 2019, quando il museo sarà ad ingresso gratuito, forte di un investimento del Campidoglio di 800mila euro («che non sono i soldi del mio stipendio», dice ironico).

Lo spirito resta quello della sperimentazione al Mann: il Macro, spazio istituzionale, apre le porte «a chiunque faccia pratica artistica» e dove «ripensare l'incontro tra gli artisti e la città» per un «sistema dell'arte contemporanea» di Roma, annuncia Luca Bergamo, vicesindaco e assessore alla Crescita Culturale, che spiega: «De Finis non è il direttore del museo, ma il curatore artistico del progetto», replicando circa un eventuale mancato bando di assegnazione per la guida dello spazio. «Sono stato invitato a fare me stesso, non a dirigere il Macro - aggiunge l'artista curatore - Cioè a fare quello che io ho inventato e per il quale sono l'unico competente. Se ci fosse stato un concorso, non mi sarei proprio presentato».

Per Bergamo si tratta di una nuova «ripartenza» (dopo i tanti progetti illustri di direttori storici, Eccher, Barbero, Pietromarchi, Campitelli, Pirani) del museo disegnato da Odile Decq negli ex stabilimenti Peroni, che dal primo gennaio passa alla gestione dell'Azienda Speciale Palaexpo (lasciando l'ala della Sovrintendenza capitolina) e che al momento vanta una sola mostra nella sua accezione classica del termine, quella sui Pink Floyd dal 18 gennaio a giugno. Per i mesi estivi si parla di iniziative da mettere in campo per l'Estate Romana, fino all'exploit del Macro asilo, che con un lapsus, la presidente della Commissione Cultura Eleonora Guadagno, ha definito "nido".

Novità anche sul gemello Macro Testaccio. «Il Macro Testaccio smetterà di chiamarsi Macro. Si chiamerà Mattatoio», annuncia Bergamo. «Il Macro testaccio - spiega Bergamo - non sarà interessato» dal nuovo progetto. «Sarà più orientato a una parte performativa» del contemporaneo. «Smetterà di chiamarsi Macro. Si chiamerà Mattatoio», come in origine. «Stiamo lavorando su questo con i colleghi in giunta - prosegue - e per restituire all'intero complesso anche una forza urbanistica nella città», ovviando «allo spezzatino che si è fatto in questi anni». E sul futuro del Mamm che mal si rapporta con la politica del Campidoglio sugli edifici occupati (alla luce della lista della sindaca Raggi sugli edifici occupati abusivamente e i relativi sgomberi). «Ho più volte detto che è fortemente determinato dalla volontà della proprietà privata» dello stabile, dice Bergamo. «Ho avuto - spiega Bergamo - più incontri sulla possibilità di includere l'area dell'ex Fiorucci nel progetto che il Mibact vuole realizzare con Cerimant», spazio «adiacente» sempre dedicato al contemporaneo.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 22-12-2017 17:17

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»
Video

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»

  • Prince il giorno prima di morire, la star in un video diffuso dalla polizia

    Prince il giorno prima di morire: la star in...

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Grande Fratello, l'audio che incastra Veronica Satti: «C'è un cellulare nella Casa»

    Grande Fratello, l'audio che incastra...

  • Alessia Marcuzzi svela chi avrebbe dovuto vincere L'Isola dei Famosi: le sue dichiarazioni pungenti

    Alessia Marcuzzi: «Ecco chi avrebbe...

  • Grande Fratello, il Ken umano senza capelli: l'incredibile trasformazione di Angelo Sanzio

    Il Ken umano senza capelli:...

  • David Copperfield, svelato il trucco più famoso: spettatore chiede risarcimento

    David Copperfield, svelato il trucco...

  • «Mia madre non voleva che piangessi al funerale di papà»: De Filippi spiazza il pubblico con queste parole

    Maria De Filippi: «Mia madre non...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA