ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Sanremo2018, Roma pigliatutto: Ultimo è primo fra i giovani. Rock con Nannini e Pelù. Giuria esperti premia Meta-Moro e Gazzè

Festival Sanremo, Roma pigliatutto:
Ultimo è primo fra i giovani
Giuria esperti: ok Meta-Moro, Gazzè

È il cantautore romano Ultimo, 22 anni, con il mix tra cantato e rap del Ballo delle incertezze, a vincere tra le Nuove Proposte nella serata di Sanremo dedicata anche ai duetti dei Big. «Dedico questa vittoria a mio fratello, che vincerà sicuramente la sua battaglia», dice emozionato sul palco dell'Ariston.

Forte del miglior share del millennio, il 51.6% del mercoledì, il festival decolla e ritrova il ritmo serrato della gara, anche se uno dei momenti più emozionanti è il lento che Baglioni balla con Gianna Nannini, a suggellare il duetto su Amore bello, che vale la standing ovation del pubblico. Poi a fine serata sul palco arriva Piero Pelù e trascina l'Ariston in una versione rock di Il tempo di morire, sempre in duetto con Baglioni. È il tributo di Sanremo a Lucio Battisti. 

 

 


Si inizia con la versione rock di Heidi, con Claudio Baglioni, Pierfrancesco Favino e Michelle Hunziker in giacca
nera borchiata. Poi tocca ai Giovani, che fanno riascoltare il loro brano: sul podio, alle spalle di Ultimo, si piazzano
Mirkoeilcane con la storia del piccolo migrante di Stiamo tutti bene (che vince anche il Premio della critica Mia Martini) e Mudimbi con Il mago. «Sanremo stasera è rock e anche essere donna è rock», dice Michelle Hunziker presentando Gianna Nannini, che canta Fenomenale e poi si emoziona ricordando con Baglioni il regista e light designer Pepi Morgia, morto nel 2011, e il produttore David Zard, scomparso pochi giorni fa. Diventa rock anche Lucio Battisti quando sul palco entra Piero Pelù e reinterpreta con Baglioni Il tempo di morire.

In un serata che scorre veloce, è vorticoso perfino il cambio di abiti, non solo per Michelle, per la prima volta in
pantaloni, poi in versione mazzo di fiori e in principesco abito corolla nelle nuance del rosa, ma anche per il direttore
artistico, in giacca bianca, e per Picchio che si concede la giacca glitterata. La rivelazione Favino suonicchia anche il sassofono, fa ballare Michelle e Claudio e poi promette: «Se dovesse servire, cucinicchio».

Sul palco i Big reinterpretano i brani con altri artisti. Annalisa ha chiamato accanto a sé Michele Bravi; Enzo Avitabile e Peppe Servillo ospitano gli Avion Travel e Daby Touré; i Decibel hanno Midge Ure; Diodato e Roy Paci propongono Ghemon; Elio e le Storie Tese (in total black) cantano con i Neri per Caso (in total white). Vincitori del festival per Ermal Meta e Fabrizio Moro (Simone Cristicchi, che legge la lettera del vedovo del Bataclan) e per Giovanni Caccamo (Arisa). L'ex giudice di X Factor Skin (vestita di un arcobaleno di paillettes) per le Vibrazioni.

Lo Stato Sociale, che ha chiamato Paolo Rossi e il Piccolo Coro dell'Antoniano, depura il suo brano Una vita in vacanza dall'unica parolaccia dei testi del festival: «nessuno che rompe i coglioni» diventa «nessuno che buca i palloni». Attori sul palco per Luca Barbarossa (Anna Foglietta), per Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico (Alessandro
Preziosi), per Renzo Rubino (Serena Rossi). Mario Biondi guarda al sound brasiliano con Ana Carolina e Daniel Jobim, Max Gazzè al jazz con Rita Marcotulli e Roberto Gatto. Gli altri duetti vedono Nina Zilli con Sergio Cammariere; Noemi (al pianoforte) con Paola Turci (alla chitarra); Roby Facchinetti e Riccardo Fogli con Giusy Ferreri; Red Canzian con Marco Masini; Ron con Alice; The Kolors con Tullio De Piscopo e Enrico Nigiotti.

La star per caso è Federica Sciarelli, che gioca a interrogare Baglioni con Tu come stai. La star assoluta è Milva, che la città di Sanremo omaggia con il premio alla carriera: sul palco, a riceverlo, la figlia Martina Corgnati. Standing ovation infine dell'Ariston.

In base al voto della giuria degli esperti, nella fascia alta della classifica ci sono i duetti eseguiti da Max Gazzè con Rita Marcotulli e Roberto gatto, Luca Barbarossa con Anna Foglietta, Giovanni Caccamo con Arisa, Ermal Meta e Fabrizio Moro con Simone Cristicchi, Ron con Alice, Vanoni-Bungaro-Pacifico con Alessandro Preziosi, Diodato e Roy Paci con Ghemon. 


 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-02-2018 10:19

Compie 37 anni Ermal Meta, il re di Sanremo
Video

Compie 37 anni Ermal Meta, il re di Sanremo

  • Mario Biondi: «Dopo Sanremo vi porto in Brasil»

    Mario Biondi: «Dopo Sanremo vi porto...

  • Ultimo ospite al Messaggero Tv: il backstage

    Ultimo ospite al Messaggero Tv: il backstage

  • Sanremo cattivi, i look più brutti, dalla Clerici alla Zilli, all'Ariston è carnevale

    I look più brutti, dalla Clerici a...

  • Sanremo, giallo sul "gnigni": «Non era Favino sul palco ma neanche Fru»: i The Jackal svelano la verità

    «Non era Favino sul palco ma neanche...

  • Sanremo, promossi e bocciati: il Festival lo vince Baglioni e l'amicizia di Hunziker e Favino

    Vince Baglioni e l'amicizia di Hunziker...

  • Sanremo, aal farfallino di Baglioni agli operai di Pomigliano: i 5 momenti imperdibili della finale

    Dal farfallino di Baglioni agli operai di...

  • Sanremo a casa del Piotta: «Il prossimo Festival? Lo famo al Circo Massimo»

    La finale con il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-10 09:46:59
Ieri sera ho visto per la prima volta il festival. È tutto questioni di gusti, per me questo festival la si tira per le lunghe Tutte le sere a notte inoltrata,una quasi settimana per dichiarare il vincitore. Beh come detto è questioni di gusti, ierisera alle 11,10 ho spento il televisore, e me nè sono andato a letto.Le canzoni in gran parte, mi hanno aiuiato a prendere sonno. Come detto è tutto questione si gusti.

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA