ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Il "Sogno di una notte di mezza estate": Michieletto in scena a Vienna

Sogno di una notte di mezza estate, regia di Damiano Michieletto, foto di Wermer Kmetitsch

«Questo Sogno è un viaggio, all’interno della parte più oscura del passato. Nella mia messa in scena Puck è un personaggio femminile: una bambina. Il bosco e la notte sono i suoi incubi. Il mondo delle fate costituisce un universo parallelo, che lei costruisce perché non è in grado di affrontare la realtà. Scopriremo alla fine il motivo di questo viaggio notturno, che porterà a una catarsi: dopo aver sconfitto le angosce dell’animo, tornerà la luce». Damiano Michieletto spiega il suo “Sogno di una notte di mezza estate”, dal 15 aprile al Theater an der Wien, con Antonello Manacorda sul podio dei Wiener Symphoniker. Il controtenore Bejun Mehta interpreta Oberon e l’attrice austriaca Maresi Riegner nei panni di Puck.
 

 

Il regista veneto torna per la quarta volta a Vienna, con una nuova produzione sul capolavoro di Britten. Dopo i successi del Trittico di Puccini realizzato nel 2012, dell’Idomeneo di Mozart del 2013 e dell’Otello di Rossini, prodotto nel 2016, è la volta del capolavoro scritto nel 1960 su soggetto shakespeariano. Un omaggio del più grande compositore inglese del XX secolo al più grande poeta e drammaturgo della sua patria, realizzato a partire da un libretto – redatto insieme a Peter Pears – fedelissimo al testo originale.

Il palco sarà popolato di bambini: già Britten scelse un coro di voci bianche per dare corpo e voce alle fate. «Nel mio spettacolo - aggiunge Michieletto - anche i comici saranno bambini, che inventano una recita scolastica realizzata solo con la carta. Perché in “Sogno di una notte di mezza estate” – conclude il regista – è necessario creare l’ambiente adatto al contenuto da commedia, che qui è rappresentata proprio dall’infanzia, dalla fanciullezza e dalla stessa scuola».

Le scene dello spettacolo sono realizzate da Paolo Fantin; i costumi da Klaus Bruns; le luci da Alessandro Carletti. Protagonisti sul palco sono Bejun Mehta nel ruolo di Oberon; Daniela Fally in quello di Tytania; l’attrice Maresi Riegner come Puck; Günes Gürle come Theseus; Ann-Beth Solvang nei panni di Hippolyta; Rupert Chalesworth in quelli di Lysander; e Tobias Greenhalgh come Demetrius. Completano il cast Natalia Kawalek (Hermia), Mirella Hagen (Helena); Tareq Nazmi (Bottom), Lukas Jakobski (Quince), Michael Laurenz (Flute), Dumitru Madarašan (Snug); Andrew Owens (Snout) e Kristján Jóhannesson (Starveling).

Le repliche sono in programma al Theater an der Wien fino al 25 aprile. La successiva nuova produzione di Damiano Michieletto sarà il Don Pasquale di Donizetti, in scena all’Opéra di Parigi a partire dal 9 giugno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 14 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:24

La voce di una meraviglia della natura
Video

La voce di una meraviglia della natura

  • Piazza San Cosimato, l'ultima notte del Cinema America

    Piazza San Cosimato, l'ultima notte del...

  • Che fine hanno fatto Tullio Solenghi e Massimo Lopez dopo la morte di Anna Marchesini?

    Che fine hanno fatto Tullio Solenghi e...

  • Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li ho inventati io»

    Nino D'Angelo: «I neomelodici? Li...

  • Alex Britti: «E ora sogno di suonare con Sting»

    Alex Britti: «E ora sogno di suonare...

  • Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp: «I love Rome»

    Le dichiarazioni del Pirata Johnny Depp:...

  • Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona? Solo solo un dj..."

    Bob Sinclar a Roma: "Io un'icona?...

  • L'INCREDIBILE VIAGGIO DEL FACHIRO | Trailer Italiano - Ken Scott

    L'INCREDIBILE VIAGGIO DEL FACHIRO |...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA