ACCEDI AL Il Messaggero.it


oppure usa i dati del tuo account

Al Parioli apre “Poker”, nuova stagione
nel segno di innovazione e tradizione

Valentina Lodovini

Sarà una stagione di «rinnovamento e cambiamento», tra «tradizione e innovazione», pensata per allargare la platea, quella del Teatro Parioli che tornerà ad alzare il sipario il 24 ottobre con «un progetto» costruito su 11 titoli di prosa ma anche i Gran Gala dell’operetta, danza, La storia a processo, la Domenica in famiglia, la Mattina in musical per le scuole e due classici come “I Promessi sposi siamo noi”e “Inferno” da Dante per il Parioli multimediale.
Ad aprire il cartellone è Francesco Montanari con “Poker”, primo testo di Patrick Marber, l’autore di “Closer”. Poi ecco Alessandro Benvenuti, diviso tra“L’Avaro ”di Moliere e un cult come “Benvenuti in casa Gori”, in cui da solo interpreta 10 personaggi. E ancora due signore del teatro come Simona Marchini e Valeria Fabrizi in “Due civette sul comò”, dal Premio Pulitzer David Lindsay Abaire, accanto alla musa di Ozpeteck, Serra Yilmaz, impegnata nel controverso “Griselidis: memorie di una prostituta”. O anche Anna Galiena e Corrado Tedeschi versione ex galeotta e presentatore tv in decadenza in una “Notte di follia”, fino al padrone di casa, Luigi De Filippo, che torna il giorno di Santo Stefano in un classico come “Natale in casa Cupiello” di Eduardo ma ha già in preparazione anche un inedito excursus familiare con De Filippo racconta De Filippo.

I giovani
«Abbiamo cercato di fare largo ai giovani e di proporre anche il loro teatro», spiega in un video il direttore artistico Luigi De Filippo, già impegnato nella preparazione del nuovo spettacolo. «In questa nostra sesta stagione - aggiunge l’amministratore delegato Laura Tibaldi - abbiamo fatto tesoro di inciampi e difficoltà, aprendo anche al contemporaneo, sempre nel segno della tradizione. Ma questo spazio non deve vivere solo di teatro perché non è uno spazio elitario, è una casa». Intanto al Parioli, tra l’autunno e l’inverno, arriveranno anche Valentina Lodovini e Ivano Marescotti in “I have a dream”, versione aggiornata della piece di Gabriele Guidi ed Ennio Speranza, sui grandi discorsi che hanno cambiato la storia, da Demostene a Mandela. E poi le risate di Maurizio Micheli, Benedicta Boccoli, Nini Salerno ed Antonella Elia ne “Il più brutto week end della nostra vita” di Norm Foster mentre Alessandro Benvenuti firmerà anche la regia di “Sabbie mobili”, con Roberto Ciufoli, Gaspare e Max Pisu.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 29 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:45

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»
Video

Il rapper Jesto: «Ho una storia disonesta, come mio papà»

  • Prince il giorno prima di morire, la star in un video diffuso dalla polizia

    Prince il giorno prima di morire: la star in...

  • Cremonini per la prima volta negli stadi: «Il coraggio di essere liberi e felici»

    Cremonini per la prima volta negli stadi:...

  • Grande Fratello, l'audio che incastra Veronica Satti: «C'è un cellulare nella Casa»

    Grande Fratello, l'audio che incastra...

  • Alessia Marcuzzi svela chi avrebbe dovuto vincere L'Isola dei Famosi: le sue dichiarazioni pungenti

    Alessia Marcuzzi: «Ecco chi avrebbe...

  • Grande Fratello, il Ken umano senza capelli: l'incredibile trasformazione di Angelo Sanzio

    Il Ken umano senza capelli:...

  • David Copperfield, svelato il trucco più famoso: spettatore chiede risarcimento

    David Copperfield, svelato il trucco...

  • «Mia madre non voleva che piangessi al funerale di papà»: De Filippi spiazza il pubblico con queste parole

    Maria De Filippi: «Mia madre non...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CULTURA

CINEMA

TELEVISIONE

MUSICA